Menu Menu

La nostra guida alle pratiche ingannevoli legate ai combustibili fossili: seconda parte

Quando si tratta delle tecniche insidiose che l’industria utilizza per indebolire i negoziati sul clima e ritardare i progressi, ce ne sono molte. Qui analizzeremo il modo in cui il marketing viene utilizzato per esercitare pressione sull’individuo piuttosto che sulle aziende.

Bene, lo è che nuovo periodo dell'anno.

La COP28 è ora in corso e promette ancora una volta di rinnovare i nostri sforzi internazionali per un futuro più pulito e un mondo più verde. Quest'anno, l'evento ha annunciato che sarebbe stato guidato dal magnate del petrolio Sultan Al Jaber negli Emirati Arabi Uniti, sollevando dubbi sulla legittimità della COP e suscitando accuse di greenwashing.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da COP28 UAE (@cop28uaeofficial)

Cos’è il greenwashing? E perché dovresti preoccuparti delle pratiche ingannevoli che circondano l’industria dei combustibili fossili, non solo alla COP28 ma nella tua stessa vita? Questa guida spera di rispondere a queste domande e di farti conoscere la realtà delle moderne pratiche climatiche. Non tutto è quello che sembra.

Se non l'hai ancora fatto, dai un'occhiata alla nostra prima parte in questa serie in corso, in cui approfondiamo due tecniche specifiche – “astroturfing” e “personalità aziendale” – utilizzate dai lobbisti dei combustibili fossili per fuorviare il pubblico.

Questa volta daremo uno sguardo ad alcuni dei casi più importanti e diffusi di greenwashing e discuteremo di come le campagne abbiano posto l'accento su individuale azione piuttosto che da parte delle aziende più grandi per apportare cambiamenti significativi. Allacciate le cinture, gente!


Cos’è il greenwashing e perché dovresti informarti?

Il greenwashing è semplicemente l’atto di ingannare i consumatori fingendo di essere ecologici.

Ciò potrebbe essere fatto in vari modi, incluso l’inserimento inappropriato di parole d’ordine nel packaging o nel marketing, lanciando campagne pseudo-attiviste che apportano scarsi benefici al di fuori delle relazioni aziendali, o semplicemente mentendo su ciò che effettivamente un’azienda effettua.

Sfortunatamente, succede sempre. Ovunque.

Abbiamo scritto a lungo sul greenwashing in passato e ha denunciato alcuni grandi marchi particolarmente colpevoli. Pensare Coca-Cola, Conchiglia, Nestlé, Exxon, banchee la maggior parte delle etichette di moda. Queste aziende producono tonnellate di rifiuti ogni anno e inquinano ampiamente l’ambiente, pur continuando a promuovere pubblicità pubbliche convincendo i consumatori che non sono i cattivi.

Nel 2023, sembra che il greenwashing sia un problema crescente, in particolare per le banche e i settori dei servizi finanziari. Un rapporto annuale di RepRisk ha scoperto che un incidente ESG (ambientale, sociale e di governance aziendale) su quattro legato al clima era associato al greenwashing. Si tratta di un aumento rispetto a uno su cinque lo scorso anno.

Quindi il problema sta peggiorando, ma che ne dici di qualche esempio?

Nel 2022, H&M è stata criticata per un sistema di scorecard che presumibilmente informava i clienti sul costo ambientale dei suoi prodotti. UN un'indagine approfondita da parte di Quartz ha scoperto che circa la metà dei numeri delle scorecard di H&M per i singoli capi di abbigliamento erano errati. In alcuni casi, l'azienda "ha mostrato dati che erano l'esatto opposto della realtà". Da allora H&M ha rimosso queste scorecard.

La FIFA si vantava che la Coppa del Mondo del Qatar del 2022 sarebbe stata il primo torneo di calcio a zero emissioni di carbonio nel suo genere. Non era. Un'indagine di The Eco Experts ha scoperto che l'evento è stato responsabile di oltre 4.67 milioni di tonnellate di CO2, rendendolo il mCoppa del Mondo più inquinante di sempre. La FIFA ha dovuto dimostrare che le sue affermazioni erano vere dopo numerose denunce internazionali, cosa che non ha potuto fare.

Ci sono molti altri esempi solo quest’anno.

Amazon lo ha avvolto gamma sostenibile in plastica monouso, HSBC ha continuato a finanziare i combustibili fossili nonostante gli impegni net-zero, Ryanair passeggeri ingannati sulle emissioni di CO2 dei voli e Microsoft ha rilasciato un controller per la Giornata della Terra questo era solo in parte realizzato utilizzando materiali di recupero. Potremmo continuare, ma staremo qui tutto il giorno.

È importante essere consapevoli di quanto siano comuni le pratiche di greenwashing e delle diverse scale in cui possono avere un impatto sulla tua vita. Che si tratti semplicemente di acquistare un prodotto migliore sugli scaffali dei supermercati o di scegliere quale banca utilizzare, molti marchi cercheranno di influenzarti parlando di "obiettivi sostenibili" e "soluzioni ecocompatibili".

Spesso queste parole d'ordine non sono altro che aria fritta. È essenziale fare le tue ricerche sulla validità di tutto questo marketing senza senso. A proposito…


Come vengono individuati i problemi sistematici per esercitare pressione sul pubblico?

Hai mai avuto la sensazione che le tue azioni abbiano poche conseguenze sulla lotta ambientale complessiva? Sei alle prese con un senso di frustrazione perché, nonostante le tue migliori intenzioni, la crisi climatica sembra semplicemente peggiorare?

C'è una ragione per questo.

Per decenni le aziende produttrici di combustibili fossili hanno fatto di tutto per coltivare nei consumatori un senso di obbligo morale individuale volto a risolvere un problema aziendale su larga scala. Ci sentiamo obbligati a essere persone migliori attraverso i nostri comportamenti di consumo piuttosto che esercitare pressioni sulle grandi imprese che rappresentano la maggior parte delle emissioni di carbonio.

Lo sapevi che dal 1988, 100 aziende sono stati responsabili per il 71% delle emissioni globali? Aramco, una compagnia petrolifera e di gas dell’Arabia Saudita, ha prodotto il 4.38% di tutte le nostre emissioni di carbonio mai. Questo prevede di produrre 27 miliardi di tonnellate di anidride carbonica tra il 2018 e il 2030.

Nonostante questi numeri, è probabile che tu non abbia mai nemmeno sentito parlare di Aramco. Tu probabilmente cambiano ciclicamente hai familiarità con l'impronta di carbonio, i contenitori per il riciclaggio e le auto elettriche, giusto?

Le compagnie petrolifere e del gas che promuovono narrazioni più interessate alle nostre pratiche come individui risalgono agli anni ’1970. Uno spot americano della PSA del 1971 raffigura un uomo che lancia plastica da un'auto in movimento, seguito da un nativo americano angosciato che versa una lacrima per la sua casa ormai inquinata.

L'annuncio termina con lo slogan; «Le persone cominciano a inquinare. La gente può fermarlo.'

Questa è la prima prova che dimostra come i problemi ambientali dovrebbero in qualche modo essere risolti dai consumatori, con poche critiche rivolte alle aziende che producono in serie la plastica. innanzitutto. Lo spot è stato creato dall'organizzazione no-profit "Keep America Beautiful" e ha vinto premi, nonostante fosse finanziato da un sacco di marchi che producono rifiuti come Coca-Cola.

Come si può prendere sul serio un messaggio ambientale come questo quando viene sostenuto dalle stesse aziende che causano il problema?

Un'evoluzione di questa pratica può essere vista nei primi anni XNUMX, quando BP coniò il termine “impronta di carbonio” per enfatizzare il nostro impatto ambientale individuale e non i numeri sconcertanti dei leader dell'industria petrolifera.

Nel 2004 è stato presentato un "calcolatore dell'impronta di carbonio" che consente alle persone comuni di determinare in che modo i loro comportamenti quotidiani danneggiano il pianeta. Solo sei anni dopo, una piattaforma petrolifera della BP Deepwater Horizon rilasciato 130 milioni di galloni di petrolio greggio nel Golfo del Messico. Rimane uno dei peggiori disastri ambientali della storia mondiale.

La prossima volta che vedrai una pubblicità della Coca-Cola che ti dice di riciclare le sue bottiglie di plastica vergine monouso, o noterai un calcolatore di CO2 in fondo all’ordine del tuo biglietto del treno, ricorda che il cambiamento climatico va ben oltre i tuoi singoli comportamenti. Assumere la responsabilità per il problema è un’impresa nobile, ma non dovrebbe essere l’unico obiettivo di nessuno.

Dovremmo ritenere responsabili questi enormi magnati del petrolio e le multinazionali, esercitando pressioni su di loro affinché invertano realmente i loro investimenti in combustibili fossili in massa. Non solo parlarne e realizzarlo nostro problema.


Che rapporto c’è con la COP28?

La COP28 è stata accolta con molte accuse di greenwashing e per una buona ragione. Tanto per cominciare, è guidato dal capo della compagnia petrolifera statale degli Emirati Arabi Uniti, che ha chiesto solo una “riduzione” delle emissioni piuttosto che la loro “eliminazione”. Di cui abbiamo bisogno.

Inoltre, non abbiamo ancora visto alcun reale progresso tangibile sugli accordi presi nei precedenti negoziati COP. Con il passare degli anni in cui l’evento non riesce a mantenere le sue promesse, diminuisce la fiducia che il pubblico e le nazioni hanno nella sua efficacia nel risolvere un’allarmante emergenza climatica.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da COP28 UAE (@cop28uaeofficial)

Poi ci sono gli sponsor della COP28. Solo uno dei 24 marchi associati all'evento si è iscritto Iniziativa sugli obiettivi basati sulla scienza, istituito nel 2015 per aiutare le aziende a ridurre le proprie emissioni e fissare obiettivi realizzabili. HSBC si è ritirata proprio quest'anno.

La maggior parte degli sponsor aziendali come Bank of America, IMB e Baker Hughes non si sono impegnati a raggiungere lo zero netto in qualsiasi periodo di tempo e continuano a finanziare progetti ed espansioni di combustibili fossili. Lincoln Bauer, fondatore del servizio di confronto aziendale Spendwell, ha definito la situazione delle sponsorizzazioni un "gigantesco esercizio di greenwashing".

L’anno scorso Coca-Cola ha sponsorizzato la COP27, pur essendo il più grande produttore di plastica al mondo. È stato anche riscontrato che sostanzialmente aumentare l’uso della plastica prima del vertice.

Il greenwashing e l’attenzione aziendale all’individualismo continuano ad affliggere i nostri sforzi per un’azione autentica e un cambiamento genuino. La COP28 sembra essere tanto una parte del problema quanto la soluzione. Se guarderai l’evento da vicino insieme a noi, tieni a mente queste pratiche e la lunga storia di false dichiarazioni sul clima.

Per la prima parte di questa serie in corso, clicca qui.

Accessibilità