Cerca
Menu Menu

Migliaia di bambini sfollati in Mali non hanno identità legale

Dal 2012, i disordini in Mali hanno ucciso migliaia di persone che sono rimaste coinvolte in scontri tra forze di sicurezza e combattenti jihadisti. Secondo le Nazioni Unite, la guerra ha provocato lo sfollamento di quasi 500,000 persone, compresi i bambini.

Un nuovo rapporto del Norwegian Refugee Council (NRC) afferma che 148,600 bambini sfollati in Mali non hanno un'identità legale.

La mancanza di documentazione ufficiale significa che i bambini sono a rischio di emarginazione e potenziali violazioni dei diritti umani.

In un comunicato stampa, il direttore nazionale dell'NRC, il signor Maclean Natugasha, ha dichiarato: "Garantire che i bambini più colpiti dal conflitto possano ottenere il loro certificato di nascita è essenziale per consentire loro di superare la violenza, lo sfollamento e la fame che hanno dovuto affrontare dall'inizio del conflitto .'

Il Mali sta affrontando una crisi umanitaria da un decennio. La tensione politica instabile e la guerra interna hanno portato a cinque colpi di stato riusciti dalla sua indipendenza nel 1960.

Nel 2018 migliaia di persone sono fuggite a causa della violenza intercomunitaria che ha lasciato molti bambini orfani e separati dalle loro famiglie.

Nonostante il paese sia uno dei maggiori produttori di oro dell'Africa, più della metà della popolazione vive al di sotto della soglia di povertà.

La povertà ha costretto una stima di 40,000 bambini a lavorare in queste miniere d'oro per guadagnarsi da vivere per la loro famiglia. Questi bambini lavoratori non possono frequentare la scuola e sono stati privati ​​dei loro diritti fondamentali.

Questi bambini sono classificati come rifugiati privi di documenti e sono costretti a offrire manodopera a basso costo alle compagnie minerarie e agli enti privati ​​per trarne profitto.

Secondo il rapporto NRC, molti mancano di certificati di nascita a causa di processi legali complessi, pochi e limitati servizi di stato civile funzionanti in alcune aree e il costo della vita più elevato che colpisce più della metà della popolazione.

Il gruppo Al-Qaeda, alcune organizzazioni dello Stato islamico e i trafficanti hanno causato il caos nel paese attraverso i rapimenti.

Bambini e donne sono stati costretti a pratiche terroristiche. Secondo le Nazioni Unite, le parti più colpite del Paese sono controllate da jihadisti e locali che lavorano a favore del gruppo della milizia.

I risultati dell'NRC indicano che i bambini privi di identificazione legale rischiano di vedersi negare il diritto al lavoro formale e al voto nel prossimo futuro.

Attualmente, i bambini costituiscono circa il 64% del totale degli sfollati interni. Con questo numero elevato, la generazione futura è a rischio non solo economicamente ma anche socialmente.

Va da sé che ritardare e negare questo diritto fondamentale ai bambini influirà automaticamente non solo sulla loro cittadinanza, ma anche sulla partecipazione agli affari pubblici, compresa la rappresentanza degli uffici pubblici e il voto.

 

Terza Newsletter!

Iscriviti alla nostra newsletter per il pianeta positivo

Accessibilità