Cerca
Menu Menu

Vanessa Nakate nominata Ambasciatrice di buona volontà dell'UNICEF

La venticinquenne attivista per il clima Vanessa Nakate è stata recentemente nominata Ambasciatrice di buona volontà del Fondo delle Nazioni Unite per l'infanzia (UNICEF). Questo riconoscimento arriva dopo una campagna di 25 anni sul cambiamento climatico che l'ha vista rivolgersi ai leader mondiali sia ai vertici della COP3 che della COP25.

Vanessa è una nota attivista per il clima dell'Africa orientale di Kampala, in Uganda.

È stata ispirata dagli scioperi scolastici dell'attivista svedese Greta Thunberg che hanno preso slancio a livello globale e hanno iniziato la sua campagna sul clima, protestando per mesi al cancello del parlamento ugandese nel 2019.

Da allora ha fondato Rise Up Climate Movement, una voce che amplifica gli attivisti africani sulla scena mondiale.

Durante il suo discorso di accettazione a New York, ha affermato: "in qualità di Ambasciatrice di buona volontà dell'UNICEF, sarà la mia prima responsabilità portare le voci dei bambini e delle persone emarginate nelle conversazioni in cui erano precedentemente escluse".

"Questo ruolo con l'UNICEF mi fornirà maggiori opportunità di incontrare bambini e giovani nei luoghi più colpiti dai cambiamenti climatici e una piattaforma ampliata per sostenere a loro nome".

Secondo l'UNICEF, i paesi del Corno d'Africa (Kenya, Somalia, Gibuti, Etiopia) stanno affrontando una delle peggiori siccità legate al clima che colpisce oltre 20 milioni di persone.

Circa 3.7 milioni di persone sono state sfollate internamente in Somalia, insieme a 4.2 milioni di persone in Etiopia e 800,000 rifugiati.

La siccità in questi paesi ha colpito più di 10 milioni di bambini, molti dei quali subiscono violenze quando cercano acqua lontano dagli adulti.

La mancanza di acqua pulita li ha sempre più esposti al rischio di malattie pericolose come il colera, il tifo e la diarrea, che sono mortali per i bambini di età inferiore ai cinque anni. La riduzione dell'assunzione di cibo nutriente e acqua pulita ha portato anche ad un aumento della malnutrizione.

L'accesso a un'istruzione di qualità resta una sfida nella maggior parte dei settori. Circa 15 milioni di bambini non vanno a scuola e altri 3.3 milioni rischiano di abbandonare gli studi a causa della siccità. Molte scuole rimangono chiuse poiché più famiglie si trasferiscono nei campi di aiuto e alcuni bambini sono costretti a prendere l'acqua per gli animali e per uso familiare.

Nakate ha recentemente assistito agli effetti del cambiamento climatico nel suo paese dell'Uganda e nel vicino Kenya.

In Uganda, il mese scorso, 29 persone sono morte a causa delle forti piogge dopo che due fiumi hanno rotto gli argini nella città di Mbale, lasciando migliaia di sfollati. Nella regione nord-orientale, più di 400,000 persone soffrono attualmente la fame a causa della siccità.

Il recente viaggio di Nakate con l'UNICEF nella regione nord-occidentale del Kenya Turkana l'ha portata a incontrare bambini affetti da grave malnutrizione a causa delle catastrofi legate ai cambiamenti climatici. L'attuale situazione di siccità nel Corno d'Africa è la più lunga degli ultimi 40 anni.

Ci auguriamo che Nakate utilizzi il suo nuovo ruolo per il cambiamento sociale globale verso la conservazione e la protezione dell'ambiente.

 

Terza Newsletter!

Iscriviti alla nostra newsletter per il pianeta positivo

Accessibilità