Cerca
Menu Menu

Le città stanno diventando troppo calde per gli alberi

Secondo un nuovo studio, il cambiamento climatico sta minacciando la salute e la sopravvivenza degli alberi coltivati ​​nelle aree urbane per mantenerli freschi, con più della metà delle specie che già sentono il caldo.

Se hai trascorso la tua estate in una città, è probabile che tu sia stato costretto a sopportare ondate di caldo intense e da record per tutto luglio.

Cosa puoi non siamo stati consapevoli è che, senza alberi, i nostri sforzi per rimanere all'interno e sfuggire a temperature di 40 gradi sarebbero stati ancora più difficili.

Questo perché gli alberi hanno a significativamente impatto positivo sulla qualità dell'aria e la regolazione del clima in aree edificate altrimenti tipicamente prive di vegetazione.

Come mai, ti starai chiedendo? Per cominciare, il vapore acqueo rilasciato attraverso le foglie produce a effetto di raffreddamento che possono ridurre il fabbisogno di aria condizionata del 30%.

Inoltre, forniscono aree ombreggiate create da alberi dodici gradi sollievo dal calore. Gli alberi promuovono anche un'aria più pulita nei distretti densamente popolati dove il flusso di traffico è elevato e possono (soprattutto) ridurre il colpo di riscaldamento localizzato del calcestruzzo da venti gradi.

Benefici degli alberi nelle città

Eppure, nonostante i vantaggi di questa vegetazione negli spazi fortemente industrializzati, un nuovo studio ha purtroppo rivelato che il calore potrebbe danneggiare gli alberi tanto quanto gli esseri umani.

Secondo i risultati, il cambiamento climatico sta minacciando la salute e la sopravvivenza degli alberi su cui dipendiamo per rendere vivibili le città, con più della metà di loro in tutto il mondo (tra cui querce, aceri, pioppi, olmi, pini e castagni) che si dice abbiano già sono stati spinti oltre le loro zone di comfort.

Entro il prossimo decennio circa, questa cifra dovrebbe raggiungere i due terzi, a meno che ovviamente gli scienziati non agiscano ora – e velocemente – proteggendo meglio gli alberi esistenti e piantando un numero molto più elevato di varietà resistenti alla siccità.

"Sottolineiamo l'importanza di intraprendere azioni immediate in termini di emergenza climatica per garantire la sopravvivenza e la persistenza delle foreste urbane", si legge nel studio.

'Alberi e arbusti assorbono l'anidride carbonica e raffreddano anche l'ambiente circostante fornendo ombra e pompando l'acqua dalle radici e rilasciandola attraverso le foglie. Questo effetto di raffreddamento rende le persone più a proprio agio e riduce l'energia utilizzata per il raffreddamento.'

"Purificano anche l'aria e l'acqua, forniscono l'habitat per gli animali autoctoni e migliorano la salute mentale e il benessere delle persone attraverso il collegamento con la natura".

Condotto da Manuel Esperon-Rodriguez della Western Sydney University, ha esaminato oltre 3,100 specie di alberi in 164 diverse città dagli Stati Uniti al Sudafrica alla Cina, scoprendo che il 65% aveva superato i margini di sicurezza per le precipitazioni e il 56% aveva superato il limite equivalente per le temperature.

Ciò non suggerisce necessariamente che si estingueranno del tutto, ma significa che stanno vivendo uno stress che influisce sulle loro prestazioni, come la loro capacità di immagazzinare carbonio e generare ossigeno.

"Oggi dobbiamo fare scelte vegetali consapevoli, in modo che ciò che piantiamo sopravviva nei decenni futuri", afferma Esperon-Rodriguez, spiegando che ogni specie richiede un ambiente ambientale specifico per prosperare.

"Tutti questi benefici sono forniti principalmente da grandi alberi maturi, quindi dobbiamo assicurarci che ciò che stiamo piantando oggi arrivi a quella fase in cui possono fornire tutti quei benefici alle generazioni future".

 

Terza Newsletter!

Iscriviti alla nostra newsletter per il pianeta positivo

Accessibilità