Cerca
Menu Menu

Gli aerei elettrici potrebbero essere più vicini alla realtà di quanto pensassimo

Determinata a garantire che il futuro del mondo senza emissioni possa prendere il volo, una start-up svedese sta mettendo in servizio un aereo passeggeri da 30 posti alimentato a batteria entro il 2028.

A meno che tu non sia un membro della famiglia Kardashian, saprai bene che volare è terribile per l'ambiente.

In effetti, sebbene non sarebbe realistico presumere che alla fine potremmo rinunciarvi del tutto, rinunciando a questo modo di trasporto, il che spiega 2.5 per cento dell'inquinamento atmosferico globale – è una delle cose più impattanti che noi, come individui, possiamo fare per ridurre la nostra impronta di carbonio.

Il viaggio aereo, tuttavia, è comodo, veloce e (il più delle volte) conveniente.

Per questo motivo, la nostra capacità di percorrere lunghe distanze ad alta velocità in modo da poter esplorare facilmente, visitare coloro che amiamo e partecipare a riunioni di lavoro internazionali probabilmente non passerà mai di moda.

In ogni caso, qualcosa deve dare se vogliamo impedire che la Terra si surriscaldi ulteriormente.

Particolarmente quando si tiene conto della quantità di combustibili fossili bruciati per alimentare gli oltre 9,700 aerei che sono nel cielo in un dato momento.

Finora, le soluzioni sono state rare e rare, il che potrebbe sorprendere considerando il progresso sempre più rapido di tecnologie sostenibili nel campo dei veicoli elettrici Compreso auto, forma, e persino barche.

Questo perché l'aviazione è estremamente difficile da elettrificare, con il peso della batteria che è il problema più grande.

Cercare di elettrificare completamente un aereo con le batterie di oggi significherebbe eliminare qualsiasi spazio per passeggeri e merci. Anche allora, saresti in grado di volare solo per meno di un'ora.

Inoltre, il carburante per jet può contenere circa 50 volte più energia rispetto alle batterie per unità di massa, il che lo rende un'opzione economicamente interessante.

Per risolvere questo dilemma, è necessario sviluppare nuove batterie in grado di immagazzinare più energia, ma non ci siamo ancora del tutto.

Per ora, il nostro miglior tentativo è un modello che utilizza una combinazione di batterie e carburante, noto anche come ibrido.

Questa ibridazione si estende anche al sistema di propulsione, l'area di servoassistenza dell'aereo che gestisce i decolli e la salita. Durante il rullaggio sulla pista, un aereo ibrido utilizzerebbe solo elettricità, risparmiando molto carburante e riducendo al minimo le emissioni nette per l'intero volo.

Dirigere lo sforzo per far decollare questa innovazione è una start-up nota come Cuore aerospaziale.

Piuttosto opportunamente, è svedese, dalla nazione responsabile della creazione del movimento flygskam che cerca di scoraggiare le persone dal volare per contrastare il cambiamento climatico.

Il suo progetto attuale è l'ES-30, un aereo passeggeri da 30 posti con quattro eliche elettriche progettato per servire destinazioni a 200 chilometri di distanza solo con l'elettricità.

Un turbogeneratore ibrido di riserva pianificato, alimentato da carburante per l'aviazione sostenibile, potrebbe raddoppiare quella gamma a 400 km. Oh, e non ci vuole più di trenta minuti per ricaricare.

Se tutto va bene, il presupposto è che Air Canada abbia già mostrato fiducia in ES-30 rubandone 30 – gli aeromobili entreranno in servizio già nel 2028.

"Se vuoi confrontare gli aerei elettrici con gli aerei convenzionali sulla gamma, beh, non siamo ancora arrivati", afferma l'amministratore delegato e fondatore Anders Forslund.

'Ma quello che possiamo offrire è basso rumore, zero emissioni, il che significa che non solo fa bene al clima, ma anche all'ambiente locale, per l'inquinamento vicino agli aeroporti. Questo è un balzo in avanti nel progresso altrimenti lento nella corsa al volo commerciale verde'

 

Terza Newsletter!

Iscriviti alla nostra newsletter per il pianeta positivo

Accessibilità