Menu Menu

Palmsy è la nuova app anti-social media che alimenta la nostra dipendenza dalla tecnologia

Con Mi piace e follow artificiali, Palmsy replica i colpi di dopamina che riceviamo dai social media proteggendo al contempo le nostre informazioni private. Ma questi progetti fanno più male che bene? 

I social media dominano quasi ogni interazione a cui prendiamo parte oggigiorno. Se sia una cosa positiva o negativa è ancora oggetto di dibattito, ma ciò non ha impedito alle app di cercare di salvarci da noi stessi.

Da Calm a TEMPO DI FERMO, le aziende tecnologiche stanno trovando innumerevoli modi per creare relazioni apparentemente più sane tra noi e i nostri telefoni.

Questi progetti paradossali hanno adottato il soprannome di "app sociali antisociali", ma forse nessuno è degno di questo nome quanto Palmo, l'ultima piattaforma innovativa che tenta di riscrivere il nostro rapporto con i social media.

Il concetto è semplice: gli utenti possono pubblicare testi e foto all'interno di Palmsy – a nessuno. Importando il tuo elenco di contatti, consenti all'app di creare "Mi piace" da parte delle persone che conosci, arrivando addirittura a inviare false notifiche push come se queste persone avessero interagito con i tuoi post.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da TechCrunch (@techcrunch)

Fondamentalmente, però, nulla lascia mai il tuo telefono. La tua privacy è protetta e puoi goderti da solo i colpi istantanei di dopamina offerti dall'impegno sui social media.

Secondo Engadget, Palmsy è un'app per giornalisti che offre "mi piace falsi da veri amici". Sebbene la piattaforma non dichiari esplicitamente il motivo dietro la sua strana configurazione, la spiegazione più ovvia per un'app ridondante è fornire la dose di dopamina offerta dai social media reali.

Non è un segreto che i social media non siano l'ideale per noi salute mentale. Pertanto, Palmsy fornisce un modo apparentemente innocuo per godersi il telefono senza le minacce derivanti dall'esposizione pubblica.

È una soluzione allettante per chi è stanco dello scorrimento infinito e dei pericoli della condivisione eccessiva. Tuttavia, è anche un sintomo di un problema più profondo: una società così disperatamente alla ricerca di conferme da essere disposta ad accontentarsi di un’affermazione artificiale.

E non illudiamoci: app come Palmsy non sono una cura. Sono un cerotto, una soluzione temporanea per un problema molto più grande. Mercificando la connessione umana, Palmsy perpetua una cultura di superficialità e disimpegno, erodendo ulteriormente l’autenticità delle nostre interazioni online.

E non dimentichiamo le implicazioni più ampie. L'esistenza di Palmsy solleva domande scomode sul ruolo della tecnologia nel modellare il nostro panorama sociale.

Cosa dice di noi il fatto che siamo così disposti ad abbracciare un placebo digitale? E quale responsabilità hanno le aziende tecnologiche nell’affrontare le questioni di fondo che guidano la nostra dipendenza?

Sicuramente il nostro tempo sarebbe speso meglio confrontandoci con le verità che definiscono i nostri paesaggi digitali? Altrimenti rischiamo di perderci in un mare di like e follower, rincorrendo per sempre l’illusione della connessione.

L'emergere di Palmsy evidenzia la portata allarmante della nostra dipendenza dalla convalida sociale. In un mondo in cui i Mi piace e i follower sono moneta corrente, è facile capire perché un'app come Palmsy potrebbe trovare un pubblico ricettivo. Dopotutto, chi non vorrebbe una soluzione rapida ai propri problemi sui social media?

Ma invece di incoraggiare una connessione autentica, offre un sostituto vuoto: un miraggio digitale che ci fa sentire più vuoti di prima. E così facendo, perpetua un ciclo di dipendenza che serve solo ad approfondire la nostra dipendenza.

La domanda quindi ruota attorno a ciò che siamo disposti a perdere nel perseguimento dell’interazione sui social media. Nel caso di Palmsy, sembra che siamo disposti a sacrificare la realtà.

Forse l’aspetto più preoccupante di Palmsy è il suo impatto sulla nostra percezione della realtà. Viviamo in un’epoca in cui la verità è sempre più soggettiva. Il confine tra il mondo digitale e quello fisico si sta offuscando di giorno in giorno e corriamo sempre il rischio di perdere il contatto con le cose che ci rendono umani.

Allora dove andiamo da qui? La risposta non sta in app come Palmsy, ma in una rivalutazione fondamentale del nostro rapporto con la tecnologia. Ciò significa stabilire dei limiti, praticare la consapevolezza e dare priorità alla genuina connessione umana rispetto alla convalida artificiale.

Anche se affidarsi alle app per portare a termine questi sforzi può sembrare controintuitivo, iniziare dalla fonte a volte può essere l’approccio più efficace. E ci sono alcune piattaforme là fuori che offrono una sana interazione tecnologica lontana dal concetto di "mi piace" e "segue".

App come 'Calma' sono un ottimo modo per integrare la consapevolezza nel nostro utilizzo del telefono. Mentre optare per i gestori del tempo sullo schermo può aiutarci a disintossicarci digitalmente.

Alla fine, Palmsy è solo un altro sintomo di un problema più ampio, che solleva la domanda: ci accontentiamo di sostituire la connessione reale con la convalida artificiale? È un dilemma che richiede un'attenta considerazione mentre affrontiamo le complessità della nostra era digitale.

Accessibilità