Menu Menu

Lanciato il primo concorso di bellezza al mondo per gli influencer AI

Nel tentativo di fondere ulteriormente le tendenze emergenti dell’IA con la realtà, è stato annunciato un nuovo concorso di bellezza per gli influencer dell’IA. Nonostante l'entusiasmo degli ideatori dell'evento, i critici hanno avvertito che dovremmo avvicinarci con cautela.

Pensavi che il mondo degli influencer dell'intelligenza artificiale non potesse diventare più strano? Hmm... ripensaci.

Fanvu, una piattaforma che aiuta i creatori digitali ad aumentare il coinvolgimento utilizzando messaggistica AI, note vocali e analisi, ha appena annunciato il primo concorso di bellezza con intelligenza artificiale al mondo: Miss AI.

Come parte del suo  Premi mondiali per i creatori di intelligenza artificiale (WAICA), l'evento invita influencer generati dall'intelligenza artificiale simili a Aitana e Emilia Pellegrini per mettere in mostra la loro bellezza, abilità di intelligenza artificiale e abilità nei social media per avere la possibilità di vincere $ 20,000 in premi azionari.

Per rivendicare la corona, i partecipanti al concorso Miss AI saranno giudicati in base a tre criteri distinti: il loro aspetto fisico, il loro uso degli strumenti di intelligenza artificiale e il loro livello di influenza sui social media.

Sebbene il concorso inizi con la tradizione di valutare la bellezza e l'equilibrio dei candidati, valuterà anche l'ampiezza della tecnologia utilizzata per creare e mantenere la personalità online degli influencer.

I giudici prenderanno in considerazione anche l'abilità e la creatività coinvolte nella generazione delle immagini digitali degli influencer, prima di esaminare l'influenza e la portata di ciascun concorrente, concentrandosi sull'impegno e sulla crescita su piattaforme come Instagram.

Qualcuno ha l'atmosfera di Black Mirror?

Per partecipare al concorso, i concorrenti devono inviare immagini generate dall'intelligenza artificiale e rispondere a una serie di domande, inclusa la classica secolare: come sogni di rendere il mondo un posto migliore?

Il numero dei concorrenti verrà quindi ridotto a dieci, con gli ultimi tre annunciati durante una cerimonia di premiazione online il mese prossimo. Il vincitore riceverà 5,000 dollari in contanti e un programma di tutoraggio del valore di 3,000 dollari.

Il co-fondatore di Fanvue, Will Monanage, ha descritto il concorso Miss AI come un passo significativo nel consolidare i creatori di intelligenza artificiale all'interno del più ampio panorama dell'intrattenimento.

"L'economia dei creatori è un luogo estremamente interessante in cui trovarsi in questo momento", ha affermato Monanage, sottolineando che la rapida crescita dei creatori di intelligenza artificiale ha aperto nuove opportunità per la monetizzazione dei contenuti.

Monanage ha aggiunto che spera che un giorno il concorso diventi "l'Oscar dell'economia dei creatori di intelligenza artificiale".

 

Tra i giudici del concorso Miss AI c'è la storica britannica Sally-Ann Fawcett. È solo uno dei due giudici umani che valuteranno i candidati insieme alle modelle AI Emily Pellegrini e Aitana Lopez.

Sì, hai capito bene: gli influencer AI più famosi di Internet avranno il compito di giudicare i loro colleghi creati digitalmente.

Nonostante l'entusiasmo degli organizzatori dell'evento, il concorso non è stato accolto favorevolmente da tutti.

È stato criticato per il suo potenziale promuovere ulteriormente standard di bellezza irrealistici e rafforzare le norme di genere tossiche – due preoccupazioni comuni che hanno avvolto la tecnologia dell’intelligenza artificiale sin dal suo avvento nel mainstream.

I critici sostengono che l’uso dell’intelligenza artificiale per creare concorrenti di bellezza “perfetti” potrebbe esacerbare la disumanizzazione spesso associata ai concorsi della vita reale. Per non parlare del fatto che l’assenza di un concorso Mr. AI solleva preoccupazioni su una possibile vena misogina nel settore della bellezza dell’IA.

 

Alcuni hanno accusato gli organizzatori di eventi di cercare di eludere le critiche associate ai concorsi di bellezza presentando concorrenti non umani.

Nel frattempo, altri ritengono che la concorrenza stia cercando di normalizzare una tecnologia che sta già suscitando dibattiti e preoccupazioni diffusi in tutto il mondo.

In ogni caso, il concorso Miss AI darà sicuramente forma alla conversazione su come questa nuova tecnologia viene utilizzata nel settore dell’intrattenimento e, essendo il primo nel suo genere, costituirà anche un interessante precedente per i futuri eventi legati all’intelligenza artificiale.

Che tu creda che il concorso sia innovativo o controverso, è chiaro che i confini tra tecnologia e tradizione stanno diventando ogni giorno più sfumati.

Accessibilità