Cerca
Menu Menu

In che modo la tassa britannica sugli imballaggi in plastica influirà sulla bellezza?

Dal 1° aprile, qualsiasi azienda che produce o importa imballaggi contenenti meno del 30% di materiali riciclati sarà tassata di £ 200 per tonnellata. Per un'industria rinomata per la sua insormontabile dipendenza dalla plastica, questo potrebbe porre alcuni problemi. 

All'inizio di questo mese, 'l'accordo internazionale più importante dall'accordo sul clima di Parigi' è stato approvato dall'Assemblea ambientale delle Nazioni Unite nel tentativo di affrontare le montagne su montagne di rifiuti di plastica monouso che continuano ad accumularsi in tutto il mondo.

Scegliendo di sostenere questo ambizioso piano d'azione, il Regno Unito è pronto a introdurre analisi proprio alla fine della prossima settimana.

Dal 1 aprile, tutte le aziende che producono o importano imballaggi che non contengono almeno il 30% di materiali riciclati verranno addebitate a £ 200 per tonnellata.

Piuttosto conveniente in effetti, dato che l'inquinamento da microplastica ha appena stato rilevato nel sangue umano per la prima volta, con gli scienziati che hanno trovato le minuscole particelle in quasi l'80% delle persone che hanno testato e hanno avvertito della loro capacità di viaggiare intorno al corpo e di depositarsi nei nostri organi.

Microplastiche in una capsula di Petri

Tuttavia, sebbene molti abbiano accolto favorevolmente la mossa, affermando che incentiverà le aziende ad adottare pratiche più eco-consapevoli, un settore in particolare, rinomato per la sua affidamento insormontabile su un contributo attivo alla distruzione del nostro pianeta – ha sollevato preoccupazioni sul cambiamento imminente.

Nonostante sia d'accordo con le sue buone intenzioni, l'industria della bellezza teme che l'imposta avrà un impatto significativo sulle vendite, soprattutto nell'attuale crisi del costo della vita, che ha già visto i consumatori costretti a ridurre gli acquisti inutili e indulgenti.

"È probabile che rappresenti una vera sfida per i produttori e i produttori di prodotti di bellezza", afferma Millie Kendall, co-fondatrice di Il British Beauty Council.

"Da un lato, dobbiamo assolutamente continuare a guidare il cambiamento nel modo in cui le aziende operano per affrontare la crisi climatica, ma dall'altro, con relativamente poche informazioni da parte del governo su questo, è probabile che si insinui in molte aziende che hanno" Ho avuto la possibilità di prepararmi per i cambiamenti futuri.'

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da BritishBeautyCouncil (@britishbeautycouncil)

Riferendosi qui alle difficoltà che le imprese più piccole (sostenibili o meno) dovranno inevitabilmente affrontare, Kendall aggiunge che l'obbligo di monitorare i livelli di produzione e importazione comporterà un ulteriore onere finanziario e amministrativo per le imprese anche se stanno già andando oltre.

Per questo motivo, la sua organizzazione non profit sta lavorando con il governo per chiarire esattamente cosa ci si aspetta da questa difficile transizione, in modo che le aziende possano iniziare a procurarsi materiali alternativi se non lo hanno ancora fatto e adattarsi più rapidamente alle nuove regole.

Oltre a ciò, altri ritengono che esistano modi migliori per incoraggiare le aziende a cambiare metodo proteggendo e coinvolgendo i consumatori.

Ciò include un divieto assoluto delle materie plastiche monouso più inquinanti, obiettivi legalmente vincolanti per ridurre il consumo di plastica a livello nazionale e investimenti nelle infrastrutture di cui abbiamo bisogno per costruire un vero economia circolare, dove i prodotti non sono progettati per far parte della cultura dell'usa e getta a cui siamo così abituati.

"Penso che questo particolare obiettivo politico sia fondamentalmente imperfetto in quanto il suo obiettivo è incoraggiare l'uso della plastica riciclata", afferma Iolanda Cooper, Fondatore della Siamo Paradoxx.

"Come sappiamo, la plastica non è riciclabile all'infinito, quindi non crediamo che questo risolva effettivamente il problema, ma semplicemente lo spinge lungo la strada".

A parte questo, non si possono negare i potenziali benefici di questa decisione.

Pompe, spray, sigilli antimanomissione e così via, i nostri prodotti cosmetici e per la cura della pelle preferiti non sarebbero disponibili per noi senza i loro contenitori funzionali, che troppo spesso sono tutti realizzati con molti pezzi diversi di plastica, vetro o alluminio.

Ed è davvero Non è un segreto che i detriti che questo lascia sulla sua scia è immenso (120 miliardi di unità di imballaggio all'anno per l'esattezza, una cifra che si prevede crescerà fino a 131 miliardi di sterline entro il 2025), in gran parte responsabile del fatto che ora c'è sette volte più plastica che giovane pesce nell'oceano.

"Incoraggiare le aziende a rifornirsi in modo più sostenibile e a utilizzare una percentuale maggiore di materiali riciclati nei loro imballaggi è un passo positivo per il pianeta", afferma Lisa Oxenham, Style Director presso Marie Claire.

"Successivamente, le aziende cosmetiche dovrebbero spingersi a puntare a un contenuto riciclato superiore al 30% e pensare a utilizzare meno imballaggi di plastica nera. Questo è notoriamente difficile da riciclare in quanto non può essere ordinato dalla tecnologia negli impianti di riciclaggio. È fondamentale che sia i leader del settore che i marchi più piccoli inizino ad apportare modifiche ora.'

In definitiva, più rigenerazione, riutilizzo e riciclaggio avvengono nel settore, più i marchi che hanno perso la palla al balzo saranno inclini a valutare la propria filiera. E, naturalmente, più sana sarà la nostra Terra.

 

Terza Newsletter!

Iscriviti alla nostra newsletter per il pianeta positivo

Accessibilità