Cerca
Menu Menu

Dobbiamo prendere sul serio gli sprechi di bellezza

Dobbiamo affrontare la valanga apparentemente infinita di imballaggi in plastica della bellezza che mette l'industria in primo piano nella nostra lotta per essere più sostenibile.

La Giornata mondiale del riciclaggio, celebrata ogni 18 marzo, mira a sensibilizzare sull'importanza del riciclaggio per preservare e garantire un futuro sano per il nostro pianeta. La missione è informare i leader mondiali dell'importanza del riciclaggio e considerare le nostre risorse limitate quando si tratta delle merci che ci circondano.

Ora, più che mai, è essenziale che tutti noi facciamo la nostra parte e riteniamo che le industrie intrinsecamente dispendiose siano responsabili delle conseguenze che presto saranno irreversibili le loro pratiche stanno avendo sulla Terra.

Non è davvero un segreto che i detriti che lasciamo sulla nostra scia siano immensi. Il boom dell'industria della bellezza da 500 miliardi di dollari all'anno fa affidamento pesantemente sulla plastica e contribuisce pesantemente al problema dell'inquinamento globale.

Tanto che, infatti, ora c'è sette volte più plastica dei giovani pesci nell'oceano. Con i ricercatori che prevedono che ogni anno finiscono nei nostri oceani ben otto milioni di tonnellate di rifiuti di plastica, è una tendenza che, se ignorata, potrebbe alla fine portare a più plastica che pesce entro il 2050.

Come un fotografo ha scattato questa tragica foto di un cavalluccio marino che trascina un cotton fioc - The Verge

Fortunatamente, non viene ignorato, almeno non dai consumatori. Incoraggiato dall'Attenborough Affetto', abbiamo ridotto di oltre la metà il consumo di plastica monouso e ora consideriamo i prodotti confezionati in modo sostenibile un'opportunità fattore decisivo chiave durante lo shopping.

Anche i marchi sembrano prendere atto, facendo un sforzo cosciente affrontare il lato brutto della nostra ossessione per la bellezza riconsiderando la natura dei loro prodotti, imballaggi e la stessa catena di fornitura. Questo riallineamento delle priorità è ciò che merita la nostra attenzione ei nostri riconoscimenti.

Ma accanto al divieto a livello di settore delle microsfere, ai trasferimenti volontari dai negozi per eliminare gradualmente la plastica dai bastoncini di cotone e alla crescente consapevolezza ecologica dei giovani acquirenti, non è ancora sufficiente rallentare il rapido ritmo con cui la bellezza sta impattando sull'ambiente.

Per fermare la valanga apparentemente infinita di cartone, pluriball, cubetti di polistirolo e noccioline da imballaggio che mette l'industria al centro della nostra lotta per essere più sostenibile.

Le scatole BeautyCycle di Nordstrom ricicleranno i prodotti di bellezza usati | Allure

Per fare davvero la differenza, i marchi devono ricordare che preferiremmo essere stupiti da una formulazione unica nel suo genere piuttosto che da innumerevoli strati di imballaggi usa e getta.

Devono sostituire le abitudini già consolidate con alternative aggiornate e sostenibili e utilizzare le risorse che già abbiamo, riconoscendo che l'usabilità di un prodotto non dipende interamente da materiali tossici.

Devono fare il possibile e impegnarsi completamente per eliminare la cultura dell'usa e getta a cui siamo diventati così abituati.

Con questa mentalità, è anche molto più probabile che attirino i consumatori moderni, il 50% dei quali preferisce prodotti realizzati in modo sostenibile.

Un cambiamento significativo ci richiederà di allontanarci dalle comodità sconvolgenti a cui ci siamo abituati, come pratiche pompe di plastica e tutto monouso e invece di acquistare con una nuova consapevolezza che abbraccia l'idea di ciò che rende un prodotto di bellezza rivelatore.

Nel frattempo, controlla questo elenco di marchi quello in realtà premiare per aver restituito vecchi prodotti utilizzando schemi di ritiro che ci avvantaggiano riducendo i rifiuti che vanno in discarica. È una vittoria per tutti.

 

Terza Newsletter!

Iscriviti alla nostra newsletter per il pianeta positivo

Accessibilità