Menu Menu

Opinione – Il governo del Regno Unito mantiene i migranti a uno standard ingiustamente elevato

Il ministro degli Interni del Regno Unito ha annunciato l’intenzione del governo di aumentare il reddito richiesto dai futuri migranti a 38,700 sterline all’anno – uno stipendio annuo superiore a quello che guadagna la maggior parte del pubblico britannico.

Non è un segreto che il Partito conservatore britannico abbia fatto della repressione dell’immigrazione uno dei suoi obiettivi principali nell’ultimo anno.

Insieme alla campagna “Stop The Boats”, i tentativi di rendere la Gran Bretagna poco attraente per i richiedenti asilo hanno portato alla creazione di un struttura abitativa trasformata in chiatta nel Dorset, un controverso progetto bollato come una “prigione galleggiante” dalle organizzazioni umanitarie e da coloro che vi vivono.

A raccogliere critiche simili è stato un piano per ricollocare i richiedenti asilo per vivere in un “paese terzo” – più specificamente, il Ruanda – che è stato infine bloccato dalla Corte Suprema sui diritti umani e sulle preoccupazioni relative alla sicurezza.

Ora, il nuovo ministro degli Interni del Regno Unito, James Cleverly, sta alzando il livello economico per le persone che desiderano emigrare in Gran Bretagna. Ciò comporta l’aumento del reddito annuo richiesto dai migranti – una misura che non solo “fermerà le barche”, ma ridurrà anche il numero di immigrati legali.

Innalzare gli standard per i migranti

In precedenza, coloro che richiedevano asilo nel Regno Unito dovevano guadagnare un reddito annuo di almeno £ 26,200. Secondo la nuova politica, ai lavoratori qualificati che desiderano entrare nel Regno Unito verrà chiesto di dimostrare di guadagnare più di 38,700 sterline all’anno.

Perché tutto ciò è oggettivamente controverso?

Bene, secondo Relazioni pubblicate secondo Statista, lo stipendio medio guadagnato in Gran Bretagna lo scorso anno è stato di £ 34,963 all’anno. Londra ha registrato i guadagni medi più alti pari a 44,370 sterline all’anno, mentre quelli nel nord-est dell’Inghilterra hanno guadagnato al di sotto della media nazionale con un reddito annuo di 31,200 sterline.

Queste cifre potrebbero non essere esatte, con un rapporto di Forbes collocando i guadagni medi a circa £ 35,464 e l'organizzazione Pensa che Plutus stia sminuendo redditi medi a £ 29,669 nel 2023.

Indipendentemente da queste discrepanze, però, è chiaro che la persona media che vive nel Regno Unito non soddisfa nemmeno i requisiti salariali richiesti a coloro che chiedono asilo dalla propria nazione d’origine.

Tenendo presente che queste sono nazioni in cui la povertà pervasiva e i conflitti minacciano i diritti umani fondamentali così come le opportunità di vita, costringendo le persone a chiedere asilo in primo luogo.


Il dibattito politico sul benessere sociale

La politica, annunciata questo pomeriggio, ha scatenato un acceso dibattito sulla gestione dell'economia britannica da parte del Partito conservatore.

An resoconto autunnale dalla Risoluzione Foundation ha dimostrato che sotto la guida dei Tory, gli standard di vita in tutto il paese stanno diminuendo per la prima volta nella storia moderna.

A mettere in discussione il benessere economico e sociale del paese è stato, ovviamente, il leader del partito laburista Keir Starmer, il quale ha affermato che l'aumento dei prezzi dovuto all'inflazione prolungata sta creando un "trauma culturale" e una domanda "e poi?" senso di ansia e paura nella società britannica.

'[Il grafico sopra] mostra che le cose sono peggiori rispetto agli anni '1970. Peggiore delle recessioni degli anni ’1980 e ’1990. Peggio ancora del crollo globale del 2008. Ciò che sembra è un annebbiamento, una perdita del futuro.'

Starmer ha continuato: “I genitori negli anni '1970 sentivano che, sebbene la vita quotidiana fosse spesso molto dura, il futuro sarebbe stato un posto più felice, la Gran Bretagna sarebbe stata migliore per i loro figli. Il duro lavoro, alla fine, alla lunga verrebbe ricompensato…. [Una convinzione] che, oggi, per i lavoratori britannici, purtroppo non esiste più.'

Nonostante il suo discorso un po' deprimente ma incisivo, le idee di Starmer su come cambiare la situazione – che implicano la riduzione della spesa pubblica – non sono state ben accolte dai sostenitori di sinistra.

Ha chiamato Lydia Pried, responsabile economica di un think tank di sinistra New Economics Foundation, ha avvertito che frenare la spesa pubblica e dare il via libera ai tagli di bilancio non risolverebbe i problemi legati alle infrastrutture fatiscenti del Regno Unito e al fallimento dei settori dei servizi pubblici.

Invertire i tagli fiscali a vantaggio degli ultra-ricchi, ha suggerito, sarebbe un modo molto più efficace per iniziare a rafforzare il piatto denominato “The Public Penny”.

Un effetto a catena

Parlando di servizi pubblici fatiscenti, il libero accesso ai servizi sanitari pubblici attraverso il servizio sanitario nazionale è fondamentale per sostenere il benessere delle persone che vivono in Gran Bretagna. Sfortunatamente, anche il Servizio Sanitario Nazionale è un’organizzazione che è crollata a causa di finanziamenti inadeguati durante 13 anni di governo del Partito Conservatore.

Infermiere straniere, di cui molte sono donne, svolgono un ruolo immenso nel garantire che i servizi sanitari continuino a funzionare ora e durante la pandemia di Covid-19. Infatti, statistiche governative suggeriscono che il loro ruolo è in aumento, con circa 265,000 dipendenti su 1.5 milioni che dichiaravano una nazionalità non britannica nel giugno 2023, rispetto ai 220,000 dell’anno precedente.

Questi numeri potrebbero presto diminuire, con l’annuncio del Ministro dell’Interno di piani per impedire agli operatori sanitari stranieri di portare con sé la famiglia – compresi figli e coniugi – nel Regno Unito. Le società di assistenza dovranno inoltre essere regolamentate dalla Care Quality Commission se desiderano sponsorizzare visti di lavoro per cittadini stranieri.

Christina McAnea, segretaria generale di Unisono, ha avvertito che rifiutare le famiglie di infermieri stranieri è una mossa rischiosa quando così tanti infermieri stranieri con bambini continuano a essere la spina dorsale di un servizio sanitario nazionale in difficoltà.

A Sir John Hayes, deputato conservatore di destra e principale sostenitore di Suella Braverman (che definì l'invio di aerei di richiedenti asilo in Ruanda "il suo sogno") è stato chiesto come se la sarebbero cavata i settori sanitario e assistenziale con meno operatori sanitari stranieri. La sua risposta? «La soluzione è impiegare lavoratori britannici per posti di lavoro britannici. Non è così complicato."

A rischio di definire Sir John Hayes fuori dal mondo, ci sono prove schiaccianti che lo sia estremamente complicato attrarre (e mantenere) i medici che lavorano per il servizio sanitario nazionale.

Dopo la Brexit, il servizio sanitario del Regno Unito ha registrato una carenza record di personale oltre 10,000 posti vacanti per i medici di medicina generale elencati lo scorso anno. Più o meno nello stesso periodo dell'anno scorso, 79% del personale ha affermato che il loro basso stipendio rendeva difficile giustificare la permanenza nel servizio sanitario nazionale.

A febbraio, esso è stato riportato con cui i membri del personale del NHS hanno mostrato emozioni estreme e angoscianti quando sono stati intervistati sulle loro condizioni di lavoro quattro medici junior su dieci intenzione di trasferirsi all'estero per cercare ambienti di lavoro migliori e pagare in luoghi come Australia e Nuova Zelanda.

L'immagine più grande

Nel complesso, sembra che l’attuale approccio del Partito conservatore si concentri nelle aree sbagliate – e i partiti di opposizione non sembrano offrire molto sollievo da questa follia.

Un'iper-fissazione sul 'fermare le barche' e sui tagli legale l’immigrazione distrae dalle soluzioni ovvie che potrebbero rendere la vita migliore nel Regno Unito per tutti, cittadini britannici o stranieri a parte.

Mentre l’inverno si avvicina e i pensieri del pubblico sono consumati dalla scelta di riscaldare le proprie case o mettere il cibo in tavola, tassare adeguatamente i redditi più alti della Gran Bretagna e concentrarsi sull’energia sostenibile e rinnovabile sembrano essere soluzioni di cui i principali politici non sono interessati a parlare.

La corsa del Partito conservatore per limitare l’immigrazione continuando al tempo stesso le partnership finanziarie con le grandi compagnie petrolifere e del gas sembra essere una misura preventiva per continuare a fare affari come al solito, escludendo milioni di persone che diventeranno rifugiati climatici a causa della loro incoscienza nel i prossimi decenni.

Infine, ciò che l’ultima tornata di politiche sull’immigrazione sembra suggerire apertamente è: se non guadagni più della maggioranza delle persone che già vivono in questo paese, resta fuori.

Accessibilità