Cerca
Menu Menu

Esclusivo – Jerome Foster ed Elijah McKenzie-Jackson parlano di attivismo intersezionale

I Gen Z hanno dedicato la loro vita a mobilitare i giovani all'azione. Ho parlato con loro delle molteplici sfaccettature della presa di posizione contro l'ingiustizia sociale e ambientale.

Quando si tratta della lotta unificata contro la nostra attuale crisi climatica, Jerome Foster ed Elijah McKenzie-Jackson sono una coppia di potere, se mai ce n'è stata una.

Jerome, la cui educazione negli Stati Uniti ha agito da catalizzatore per il suo coinvolgimento nel centrare le voci emarginate negli spazi che spingono per la giustizia sociale e ambientale, è un consigliere della Casa Bianca, il più giovane di sempre.

Elia, il cui attivismo deriva da un impegno permanente nella difesa dei diritti degli animali e attinge alla sua appassionata creatività, è un coordinatore della campagna per Fridays for Future International e un membro di XR Youth, l'ala indipendente di Extinction Rebellion con sede nel Regno Unito.

Insieme, hanno co-fondato Waic Up, un'organizzazione no-profit "news to impact" che lavora a fianco delle comunità per fare la differenza diffondendo contemporaneamente la consapevolezza delle cause civiche attraverso il giornalismo e l'arte.

Credito: Pamela Elizarraras Acitores

Entrambi sono fermamente convinti che mobilitare i giovani di oggi all'azione con conversazioni intersezionali sia della massima importanza se vogliamo trovare soluzioni eque per riportare il nostro pianeta sempre più sofferente dall'orlo del baratro.

Soprattutto, tuttavia, c'è il loro obiettivo collettivo di garantire che l'umanità sia al centro del movimento in corso per salvaguardare il futuro della Terra.

Che il persone coloro che sono prima di tutto colpiti dalle ripercussioni del crollo ecologico sono in prima linea e al centro dell'impulso per realizzare un cambiamento significativo che alla fine andrà a beneficio di tutti noi.

Eppure nell'età di affaticamento della compassione – per cui il flusso incessante di notizie che raccontano gli eventi spaventosi che si verificano ogni giorno in tutto il mondo sta lasciando molti di noi desensibilizzati – raggiungere questo obiettivo si sta rivelando un'impresa non facile. Non senza empatia, cioè.

"Collegare l'emozione con l'azione è così importante", dice Elijah. "È responsabilità di tutti assicurarsi che le persone in questi paesi che sono isolate e si sentono a rischio sappiano che siamo qui per entrare in empatia con loro e supportarle. E se non possono farlo apertamente, saremo lì a porte chiuse a farlo per loro.'

Rimanendo fedeli a questa affermazione, lo sforzo più recente di Jerome ed Elijah li ha visti appello alle Nazioni Unite di trasferire la COP27 dall'Egitto a causa del trattamento riservato dal paese alle persone LGBTQ+, adducendo la preoccupazione che loro e altri attivisti sarebbero stati presi di mira dalle forze di sicurezza se avessero partecipato al vertice di novembre.

"Volevamo incoraggiarli a impegnarsi in un dialogo aperto con noi perché veniamo da un luogo di compassione e dovrebbero rispettare il fatto che abbiamo il diritto di amare, esistere, essere noi stessi", afferma Jerome, che aggiunge che la coppia è ancora in attesa di risposta.

Sebbene mantengano la speranza che le Nazioni Unite coopereranno (e sono pronte a rivolgersi ad altri mezzi per trasmettere il messaggio se necessario), entrambi considerano il silenzio finora un'indicazione non detta che l'organizzazione non è così all'avanguardia come afferma di essere.

Credito: Mia Evans

Vale a dire perché questo è un altro duro colpo per la comunità LGBTQ+, gli sfollati e i gruppi minoritari che continuano a essere esclusi dalle sale decisionali nonostante siano quelli più sproporzionatamente colpiti dall'eco-emergenza.

Con questo in mente, oltre al timore che contesti potenzialmente pericolosi o discriminatori per tali discussioni agiscano come un altro ostacolo al tentativo di una maggiore diversità in queste arene, Jerome ed Elijah sono determinati a sostenere gli organi di governo che si autoproclamano falsamente responsabile accessibile e inclusivo.

"Nessuno comprende veramente l'intersezionalità tra la crisi climatica e i diritti umani quando è così reale, ha così disperatamente bisogno di essere discussa su scala globale che cambierà il modo in cui viene vista", afferma Elijah.

'Questo argomento non può essere messo da parte. Se lo è, qualsiasi problema sociale o stigma in gioco sarà perpetuato e i problemi con cui abbiamo a che fare persisteranno. In poche parole, la porta non dovrebbe nemmeno essere aperta se dobbiamo essere messi in un angolo.'

Per Jerome, la chiave per garantire che queste istituzioni mettano in pratica ciò che predicano è insistere sul fatto che siano il più trasparenti possibile.

Come spiega, questo è diventato difficile di fronte al costante lavaggio del verde, che pone un dilemma quando si tratta di separare il grano dalla pula.

"Il nostro più grande ostacolo al momento è l'eccessiva commercializzazione del movimento per il clima", afferma, riferendosi alla COP26 come esempio, dove la tempesta mediatica che la circondava e le precoci elogi verso accordi che dovevano ancora essere verificati come validi lo hanno reso possibile faticoso per comprendere appieno ciò che stava effettivamente accadendo.

'Una mancanza di chiarezza è come le cose scivolano attraverso la rete. In tutto questo greenwashing c'è un vero cambiamento, ma sta diventando sempre più difficile identificare quale ritarda lo sviluppo', continua.

'Affinché abbiamo l'intersezionalità, noi devi obbligatoriamente avere intuizione. Senza trasparenza non c'è responsabilità, quindi dovremmo sostenere le piattaforme che forniscono informazioni chiare e utili senza secondi fini negativi.'

Sfortunatamente, la navigazione nel greenwashing non è l'unico ostacolo che gli attivisti del POC in particolare si stanno sforzando di superare.

Testimoniando in prima persona le esperienze del suo partner in un ruolo non retribuito, Elijah mi dice che è necessario un completo sradicamento di tutti i sistemi per evitare che gli attivisti del POC si sentano sfruttati.

"È più di un semplice colore, è così integrato nella società, anche negli spazi che affermano di essere diversi", afferma.

'Jerome fa così tanto lavoro gratuitamente. Poiché [gli attivisti del POC] sono spaventati, assumono queste posizioni, ma ciò non dovrebbe significare che vengano quindi tokenizzati.'

È un sentimento ripreso da Jerome, il quale spiega che mentre la situazione - e il discorso - sono effettivamente migliorati, ancora troppo spesso incontra momenti non solo di tokenizzazione (in cui è considerato un "bene", una "opportunità fotografica") ma di pregiudizio , anche.

"Anche se sono un consulente che fornisce raccomandazioni, la lotta è stata ancora dover urlare nelle riunioni, per alzare la voce", dice, con Elijah che aggiunge: "una donna musulmana nera non si sentirebbe autorizzata come una bianca maschi perché devono urlare quando quest'ultimo deve solo sussurrare. È così ingiusto perché ciò che conta di più alla fine della giornata è il lavoro disinteressato che le persone stanno facendo, non chi sono o da dove vengono.'

Fortunatamente, questo non ha dissuaso né Jerome né Elijah dalla loro battaglia contro l'ingiustizia, principalmente perché condividono la stessa mentalità secondo cui la frustrazione è uguale al potere.

Credito: Pamela Elizarraras Acitores

Che incanalare le nostre emozioni in un'agenzia costruttiva accenderà ulteriormente il nostro senso di scopo.

"Se non sei appassionato, non alimenterà il desiderio delle persone di essere coinvolte", dice Elijah.

"Dobbiamo incitare a una combinazione di fatti (per rafforzare il riconoscimento della gravità di ciò che sta accadendo) con metodi d'azione tangibili in modo che si facciano avanti e non si spengano".

Questo si traduce in tutto il continente sia negli Stati Uniti che nel Regno Unito, dove la pressione delle persone guidata dalla delusione verso il ritmo di progresso della lumaca è, secondo Jerome ed Elijah, il modo più efficace per aumentare l'impegno pubblico e istigare il cambiamento.

"Credo pubblicamente che dobbiamo essere radicali per essere il cambiamento che vogliamo vedere", dice Elijah.

'Questo può essere qualsiasi cosa, dalle proteste organizzate, ai sit-in, alla creatività. Non ci sono limiti. Tutte le strade hanno un impatto perché sono l'amalgama di tutti che si uniscono.'

Parlando di creatività, Elijah – che sta scrivendo un libro per bambini progettato per guidare i giovani attraverso il loro viaggio verso l'attivismo – considera gli sbocchi innovativi efficaci al giorno d'oggi come scendere in strada.

In un mondo saturo di dimostrazioni (che lui sottolinea rimangono indubbiamente vantaggiose), sostiene che dovrebbe esserci un maggiore apprezzamento dei punti di forza, delle passioni e delle competenze individuali nella lotta per un futuro sicuro.

"Non fraintendermi, le proteste sono alla base dell'attivismo e sono essenziali perché attirano l'attenzione, ma abbiamo bisogno di soluzioni più creative", dice.

'Inoltre, dovremmo considerare l'attivismo come un cerchio. Può essere dall'alto verso il basso, dal basso verso l'alto e nel mezzo. Tutto lavora insieme in tandem per realizzare il cambiamento che stiamo cercando. Ci sono così tante sfaccettature, dobbiamo coprire tutte le basi, non solo attenerci a una dimostrazione di indignazione tutto il tempo.'

E quale posto migliore per presentare soluzioni creative se non attraverso i social media?

Come spiega Elijah, in un'era in cui chiunque abbia il privilegio di accedere a queste piattaforme è in grado di esprimersi senza fare i salti mortali, educare gli altri non è mai stato così facile.

Che si tratti di musica, fotografia, illustrazione o poesia, solo per citarne alcuni.

Jerome, d'altra parte (sebbene ovviamente a sostegno delle tattiche di Elijah), ha adottato un atteggiamento più tecnico nel regno dell'aumento dell'attivismo della Gen Z.

"Come giovani, non esistiamo solo, spendiamo soldi", dice.

"E dove scegliamo di farlo, questo ha un impatto significativo perché le aziende e i politici ne sono al centro. Quello a cui ci stiamo avvicinando è un movimento che ci assicuri di essere consapevoli di ciò che spendiamo in modo che istintivamente spinga le aziende a chiudere gli affari se continuano a sostenere pratiche non etiche che contribuiscono ulteriormente alla crisi climatica.'

Tanto imperativo quanto l'introduzione di nuove forme di attivismo e il rafforzamento di quelle già esistenti, tuttavia, nulla conta quanto proteggere la salute mentale di una generazione sopraffatta dall'impotenza in mezzo al collasso ambientale.

Per combattere questo, Jerome ed Elijah hanno tre approcci che raccomandano.

Il primo, trovare un posto nell'attivismo, cercare dove risiedono le nostre capacità e capire che ogni singola voce ha il potenziale per capovolgere la catastrofe.

Per Jerome, questo implica spostare l'attenzione dal problema onnicomprensivo in questione al pensare a come possiamo alleviare la confusione nei sistemi specifici che vogliamo cambiare.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Jerome Foster II (@jeromefosterii)

"Quando sono completamente esausto, ricordo a me stesso che il peso di questo non cade solo sulle mie spalle", dice. "Siamo uniti in questa missione, e questo è liberatorio".

Il secondo, che incarna l'etica comune del duo, è riconoscere il potere della comunità.

"Questo non è solo un movimento, è un meccanismo per far fronte", dice Elijah.

'Abbiamo amici in questa sfera, persone che chiamiamo famiglia che ci aiutano a risollevarci. Non si tratta solo di preoccuparsi costantemente del futuro; si tratta di concentrarsi sull'adesso e sulle connessioni che si creano.'

Credito: Mia Evans

E il terzo, confidare nell'incommensurabile influenza di una fascia demografica la cui età si rifiuta di impedire loro di ispirare i loro coetanei a contestare assolutamente qualsiasi cosa a cui si oppongano.

'Essere giovane significa che non sei stato condizionato dalla paura di chiederti perché', dice Elijah.

«Non andremo d'accordo solo per il gusto di farlo. Possiamo ancora sollevare domande, esaminare le cose con una nuova prospettiva. Ci interessa un'azione che non prolunghi le linee di oppressione e le tradizioni storiche che stanno causando il fallimento del mondo.'

'È il motivo per cui i giovani sono così parte integrante di questa lotta. Poiché non vogliamo questo per il nostro futuro, non lo accetteremo. È ora di fare un passo avanti e coinvolgere tutti nei modi che funzionano meglio per loro.'

 

Terza Newsletter!

Iscriviti alla nostra newsletter per il pianeta positivo

Accessibilità