Menu Menu

Il crescente pericolo di rientri satellitari

Sebbene i satelliti svolgano un ruolo cruciale in vari settori, recentemente sono emerse preoccupazioni riguardo ai potenziali rischi per la sicurezza posti dal rientro dei satelliti obsoleti nell'atmosfera terrestre.

Negli ultimi anni è cresciuta la preoccupazione per i pericoli derivanti dalla caduta dei satelliti dal cielo.

Ciò è dovuto a diversi fattori, tra cui il numero crescente di dispositivi in ​​orbita, la durata dei satelliti esistenti e la crescente minaccia dei detriti spaziali. In effetti, da quest'anno, ci sono Satelliti 7,702 che attualmente orbitano attorno alla Terra.

Questo volume è destinato ad aumentare nei prossimi anni con i progressi tecnologici e una crescente domanda di servizi. Si prevede che fino al 2031 verranno lanciati in media almeno 2,500 satelliti ogni anno.

Attualmente, gli Stati Uniti, la Cina e il Regno Unito possiedono il maggior numero di satelliti in orbita attorno al pianeta come di 2022. La maggior parte di essi viene utilizzata per scopi commerciali, seguiti da quelli governativi e militari.

Governativo e scientifico preoccupazioni ruotano attorno ad una maggiore probabilità di collisioni che portano alla formazione di campi di detriti che possono potenzialmente danneggiare i satelliti vicini. Ci sono anche preoccupazioni per i riflessi intensi che possono influenzare negativamente l’astronomia scientifica e alterare l’aspetto del cielo notturno.

In termini di minaccia immediata, tuttavia, la sicurezza delle persone a terra e l’eliminazione dei rischi di caduta dei satelliti hanno la massima priorità.

È fondamentale notare che i satelliti hanno due metodi principali di rientro: assistito e non assistito, che modificano radicalmente la discesa di un oggetto sulla Terra.

Il rientro assistito del satellite prevede l'impiego di misure attive per guidare o controllare la traiettoria del satellite, spesso con l'aiuto di squadre a terra o sistemi di propulsione. Ciò consente una discesa più prevedibile, riducendo il rischio di mettere in pericolo le aree popolate.

Recentemente, l'Agenzia spaziale europea (ESA) ha guidato il suo Satellite AelousIl rientro per garantire che il suo smaltimento post-missione non abbia causato alcun danno a coloro che si trovavano a terra. Lo hanno fatto allontanando il corridoio di rientro dalle aree popolate e misurando i venti nello spazio.

Al contrario, il rientro satellitare non assistito si basa sul decadimento orbitale naturale, in cui il satellite perde gradualmente quota e rientra nell’atmosfera terrestre senza una guida attiva. Senza il nostro intervento, o senza la conoscenza anticipata di un rientro imminente, il rischio di lesioni o danni causati dai detriti è ovviamente molto più elevato.

All'inizio dell'anno scorso, una tempesta geomagnetica ha cancellato la funzione di 40 satelliti Starlink dei 49 che furono schierati in orbita bassa. Tutti questi satelliti ricaddero sulla Terra e bruciarono al rientro nell'atmosfera.

Musk aveva avvertito a marzo che i satelliti V2 della compagnia stavano incontrando alcune difficoltà e che alcuni di loro sarebbero stati deorbitati, ma la realtà era tutt'altro che tranquilla.

Le Agenzia federale dell'aviazione (FAA) ha recentemente espresso la propria preoccupazione per il pericolo che la caduta dei satelliti Starlink – che funzionano solo per circa 5 anni – rappresenta per le persone. Il rapporto dell'agenzia al Congresso degli Stati Uniti afferma che entro il 2035 almeno 28,000 frammenti dei satelliti potrebbero sopravvivere al rientro.

Il rapporto implicava anche che in questo caso la probabilità che i frammenti causassero la morte a terra aumenterebbe del 61% ogni anno.

SpaceX ha respinto quelle che definisce "ipotesi errate". Si prosegue menzionando che l’analisi effettuata dall’agenzia si basava su uno studio condotto dalla NASA 23 anni fa. L'azienda ha sottolineato che il modello di satellite attorno al quale ruotava lo studio era realizzato con materiali completamente diversi da quelli di Starlink

L'anno scorso c'erano pezzi di rottami scoperto in tutto il sud-est asiatico. Gli esperti hanno dedotto che i pezzi trovati erano parti del razzo cinese Long March 5B, che pesava 25 tonnellate, e che la caduta era stata del tutto incontrollata.

In un altro caso, un pastore Australia scoperto un pezzo di detriti che spuntava dal terreno. L'Agenzia spaziale australiana ha confermato che fa parte dell'astronave Crew Dragon di SpaceX che un tempo trasportava gli astronauti.

Sebbene il numero di vittime registrate causate dai rientri dei satelliti rimanga relativamente basso, il potenziale di danno si estende ben oltre le vittime umane.

Il potenziale danno che i detriti di grandi dimensioni potrebbero infliggere alle infrastrutture critiche sul terreno è catastrofico. L’impatto di un frammento considerevole potrebbe paralizzare le reti elettriche, le reti di comunicazione e i sistemi di trasporto, causando diffuse interruzioni della vita.

Inoltre, i detriti stessi potrebbero contaminare il suolo e le risorse idriche, comportando rischi ambientali a lungo termine.

Rientro a parte, i satelliti dismessi danneggiano anche altri dispositivi in ​​orbita bassa. L'accumulo di detriti aumenta il rischio di collisioni, generando ancora più detriti in una reazione nota come Sindrome di Kessler, che potrebbe rendere lo spazio inutilizzabile per le generazioni future.

In definitiva, le crescenti preoccupazioni relative ai satelliti che cadono dal cielo evidenziano le complesse sfide che emergono mentre continuiamo ad espandere la nostra presenza nello spazio.

La collaborazione tra le agenzie spaziali e gli organismi di regolamentazione è essenziale per lo sviluppo di metodi di rientro satellitare più sicuri, mitigando così le minacce poste dai satelliti dismessi. Non è scienza missilistica.

Accessibilità