Menu Menu

Opinione – I consumatori stanno diventando esperti nei confronti dell’inclusività performativa

Il marchio di bellezza britannico Pink Honey è stato criticato per un recente viaggio di influencer. La reazione dimostra che i consumatori non sopporteranno un marketing insulso. 

Le controversie sui marchi sembrano essere in aumento. Ovunque guardi, in particolare sui social media, un'azienda si trova ad affrontare il ridicolo per campagne miopi o tattiche di marketing superficiali.

Ma l’aumento della reazione negativa non è necessariamente un segno che i marchi stanno diventando più pigri, piuttosto che i consumatori chiedono di più dai loro acquisti.

Al giorno d’oggi, i marchi non possono fare affidamento solo su buoni prodotti e prezzi per catturare i cuori (e i portafogli) dei nuovi clienti. Devono creare una comunità e un’identità con cui le persone possano sinceramente allinearsi.

La controversia più recente per dimostrare questa teoria ha circondato il marchio di bellezza britannico Pink Honey, un'azienda di trucco fondata da donne, famosa su TikTok, specializzata in imballaggi vivaci e prodotti a tema alimentare.

Il marchio ha ricevuto una reazione diffusa dopo che sono state condivise immagini e video di un recente viaggio dell'influencer Pink Honey. Il "soggiorno" ad alto budget ha coinvolto 15-20 influencer di bellezza provenienti da tutto il paese, che sono stati portati in un hotel di lusso e inondati di regali, cibo e bevande di marca.

Questo tipo di eventi sono comuni al giorno d'oggi, poiché l'influencer marketing è al centro della scena per molti marchi. Ma l’evento di Pink Honey ha attirato critiche dopo che le riprese hanno mostrato che tutte le persone invitate erano donne bianche.

TikTok utenti - probabilmente il più grande gruppo demografico di consumatori di Pink Honey - si sono affrettati a denunciare il marchio per la mancanza di diversità.

"L'intero fiasco mi ha davvero aperto gli occhi su quanti pregiudizi inconsci abbiano ancora i bianchi", ha commentato una persona.

Altri hanno affermato che non avrebbero mai più acquistato dal marchio, mentre alcuni hanno suggerito che la reazione fosse troppo estrema, chiedendo una risposta più gentile e costruttiva (sottolineando che la fondatrice di Pink Honey è attualmente in forte gravidanza).

Ma nonostante la risposta senza precedenti all’incidente, la mancanza di lungimiranza di Pink Honey evidenzia un problema più profondo di inclusività performativa.

Che la scelta non diversificata degli ospiti sia stata intenzionale o meno (i Pink Honey hanno risposto sostenendo quest'ultima ipotesi), è la mancanza di considerazione e consapevolezza che ha infastidito maggiormente le persone.

Come molti hanno sostenuto, non dovremmo essere costretti a richiamare i brand per ricordare loro perché l’inclusività è importante.

“Tutti i marchi, tutte le aziende, devono essere diversificati”, ha affermato l’utente di TikTok Parigi. Questa è, fondamentalmente, la conclusione.

Il fondatore di Pink Honey si è rivolto a TikTok questa settimana con una risposta in lacrime alla reazione negativa. Ma non sembra aver avuto l’effetto desiderato.

La parte lunga e breve del video delle "scuse" è che in realtà non ci sono affatto scuse, piuttosto una spiegazione mal formulata del motivo per cui il viaggio includeva solo donne bianche, normodotate e convenzionalmente "belle".

Il marchio sostiene che il motivo per invitare questi specifici influencer era dovuto a ciò che avevano “fatto per la crescita [dell’azienda]”. Ma gli utenti si sono affrettati a sottolineare la gamma di persone diverse che hanno supportato Pink Honey sin dal suo inizio.

@parissax

Non avevo intenzione di pubblicarlo, ma onestamente i commenti che ho letto sul mio ultimo video mi hanno demoralizzato e ho bisogno di fermare la negatività 😔🙊 #pinkhoney #pinkhoneyuk #pinkhoneybffabbronzante #diversità e inclusione #diversità Miele rosa Controversia sul miele rosa Dramma sul miele rosa Viaggio nel marchio Miele rosa Diversità e inclusione

♬ suono originale – PARISSA | Bellezza&Vita 🤍

Sembra solo una scusa pigra.

“Penso che questo sia un campanello d’allarme per Pink Honey, ma dovrebbe essere anche un campanello d’allarme per altri marchi che non mettono la diversità e l’inclusione in primo piano”, ha affermato Melissa.

In effetti, la risposta sottolinea la necessità di un approccio olistico all’inclusività, che vada oltre la semplice ottica e si estenda ai valori fondamentali e alle operazioni del marchio.

Lo spostamento verso il consumismo consapevole è indicativo di una più ampia trasformazione sociale. I consumatori stanno sfruttando il proprio potere d’acquisto per responsabilizzare i marchi, chiedendo trasparenza e autenticità.

Non si tratta solo di acquistare un prodotto; si tratta di sostenere un marchio che riflette i propri valori e fornisce un senso di comunità e identità.

Sebbene fosse attesa da tempo, l’era del consumismo consapevole è arrivata e i marchi che non riescono ad evolversi potrebbero ritrovarsi indietro sulla scia di una base di consumatori più socialmente consapevole ed esigente.

Accessibilità