Cerca
Menu Menu

La Gen Z fa marcia per la pace in vista delle elezioni in Kenya

Per celebrare la Giornata mondiale per la giustizia internazionale, i giovani di Nairobi hanno organizzato una campagna di marcia per la pace per sottolineare l'importanza della non violenza in vista delle elezioni generali in Kenya di agosto.

Domenica 17 luglio, i giovani degli slum Dandora di Nairobi hanno partecipato alla celebrazione della Giornata mondiale della giustizia internazionale attraverso una campagna di marcia per la pace.

È stato pianificato dalla Dandora Seed Foundation, un'organizzazione basata sulla comunità il cui obiettivo è fornire ai bambini tutoraggio, guida, sviluppo delle abilità e opportunità di artigianato.

Il tema di quest'anno, “Raggiungere la giustizia sociale attraverso l'occupazione formale”, è una questione importante per i giovani africani, molti dei quali non hanno un lavoro a tempo pieno.

La marcia per la pace si è concentrata sulle imminenti elezioni generali in Kenya di agosto. Aveva lo scopo di creare consapevolezza sull'importanza dell'educazione dei bambini, del rifiuto della violenza e dell'insegnamento ai giovani come identificare ed evitare il potenziale sfruttamento da parte dei leader durante le campagne elettorali.


I giovani chiedono opportunità

Nonostante il Kenya sia considerato un paese giovane, quest'anno la Commissione elettorale e per i confini indipendenti (IEBC) ha registrato solo 2.5 milioni di nuovi elettori di età pari o superiore a 18 anni.

Secondo la commissione, la bassa affluenza alle urne è stata esacerbata dall'alto costo della vita vissuto a causa delle difficoltà economiche, dell'elevata disoccupazione e della corruzione. In passato, durante le elezioni, la Gen Z è stata utilizzata da leader in competizione per provocare il caos nelle campagne elettorali e corrompere gli elettori.

Molti Gen Z hanno perso fiducia nelle elezioni e nei leader al ballottaggio.

Tuttavia, la speranza non è persa poiché Anita Soina, 21 anni, un'ardente attivista ambientale e autrice di The Green War, è in lizza per il seggio di membro del Parlamento di quest'anno per Kajiado North.

La presenza nel governo ha reso difficile che la Gen Z debba essere presa in considerazione e agita.

Nelle baraccopoli come Dandora, i tassi di criminalità sono alti, nonostante gli sforzi del governo per riportare la calma. Molte ragazze hanno abbandonato la scuola a causa di gravidanze precoci, mentre i ragazzi sono diventati dipendenti dalla sostanza e non sono in grado di continuare la loro istruzione.

Secondo UNEP, Dandora ha una discarica che copre circa 30 acri. La discarica è stata un fulcro per un certo numero di bambini che cercano rifiuti come plastica, rottami metallici, tra gli altri da vendere.

Secondo i rapporti locali, la discarica ospita più di 500 famiglie che vendono questi rifiuti per la loro sopravvivenza quotidiana. Inoltre, i membri delle gang usano questi luoghi nell'area per terrorizzare i residenti. I casi di rapina sono dilaganti nella maggior parte delle baraccopoli del paese e Dandora non fa eccezione.

Durante questo periodo della campagna, molti leader in lizza promettono alla Generazione Z migliori opportunità come più occupazione, la creazione di fondi di sviluppo per le startup giovanili, tra le altre cose. Per anni, questi ideali non sono mai venuti alla luce, lasciando i giovani elettori indifferenti a registrarsi alle elezioni.

La mancanza di opportunità e le vuote "promesse" hanno reso difficile lo sviluppo della maggioranza dei giovani.

Organizzazioni come Be The You Foundation e Dandora Seed Foundation sono state in prima linea nel sollevare tali problemi e creare consapevolezza pubblica. Spingono anche affinché gli enti governativi e le organizzazioni umanitarie assistano questi giovani.

Tali gruppi hanno cambiato il volto delle aree emarginate e sempre più giovani stanno creando opportunità per se stessi per creare un cambiamento sociale!

 

Terza Newsletter!

Iscriviti alla nostra newsletter per il pianeta positivo

Accessibilità