Cerca
Menu Menu

Come le principali compagnie petrolifere cercheranno di bloccare il primo trattato al mondo sull'inquinamento da plastica

I leader globali si riuniranno questa settimana per garantire il primo trattato globale sull'inquinamento da plastica al mondo, ma le grandi compagnie petrolifere hanno interessi importanti nel continuare a produrre plastica vergine. Ci sarà sicuramente un grande respingimento.

L'industria dei combustibili fossili sta iniziando a perdere il suo monopolio nel settore energetico globale.

Le energie rinnovabili vengono abbracciate in tutto il mondo, i veicoli elettrici stanno diventando più economici e l'innovazione mirata allo stoccaggio di energia verde continua a riscuotere successo. Sapendo questo, i giganti dei combustibili fossili sono ricorsi al Piano B: produrre più plastica vergine per restare a galla.

Con grandi aziende che investono verso l'alto di £ 300 miliardi per aumentare la loro produzione, si prevede che la plastica diventerà l'unico motore della crescita della domanda di petrolio nei prossimi anni.

Questo a meno che non vengano messi in atto quadri giuridici globali sulla produzione di plastica per fermarli. Fortunatamente, questo è esattamente ciò che l'Assemblea delle Nazioni Unite per l'ambiente mira a raggiungere questa settimana con il suo trattato globale sull'inquinamento da plastica.

Diamo un'occhiata alla loro missione, va bene?

Incontrandosi in Uruguay questa settimana, i delegati di tutto il mondo sperano di concordare il primo Trattato globale sull'inquinamento da plastica (GPPT) al mondo.

Grazie alla crescente consapevolezza di quanto sia pericolosa la plastica per la Terra e tutta la vita su di essa, il GPPT sarà un accordo legalmente vincolante per frenare l'inquinamento da plastica.

Con la maggior parte della plastica quasi impossibile da riciclare, 12 milioni di tonnellate di rifiuti viene scaricato ogni anno nei corsi d'acqua oceanici. Non è esattamente una novità che ciò stia causando grossi problemi alla salute di tutta la vita marina.

Le Nazioni Unite hanno approvato la formazione del Trattato globale sull'inquinamento da plastica nel marzo di quest'anno. Dopo i colloqui di base in Kenya, i leader hanno affermato che il trattato sarebbe stato finalizzato nel 2024. È stato celebrato come un risultato importante, descritto come una "cura" per quella che è diventata un'"epidemia".

Imporrà importanti restrizioni alla produzione di plastica, causando importanti conseguenze economiche per le industrie e le imprese che fanno affidamento sul suo utilizzo. Le economie sostenute dalla generazione di materiale plastico – America, Cina, India, Arabia Saudita e Giappone – ne risentiranno sicuramente.

Sebbene molti negoziatori delle Nazioni Unite siano molto ottimisti sulla volontà dei leader mondiali di unirsi per la stessa causa, si registrano divisioni su alcuni elementi del patto finale.

Come sempre nel caso di accordi globali, alcune nazioni sarebbero complessivamente più ambiziose nel trovare una soluzione. Queste esitazioni sono probabilmente radicate nelle preoccupazioni per un crollo del loro PIL nazionale.

Allo stato attuale, la domanda di plastica vergine dovrebbe raggiungere il picco entro il 2027. Gli strateghi del think tank Carbon Tracker hanno affermato che la rimozione della plastica dall'equazione dei combustibili fossili eliminerà la narrazione che le richieste di petrolio sono in aumento.

Fermare la produzione di plastica non solo fermerebbe le pratiche che distruggono gli ecosistemi come il fracking e il rigging, ma impedirà anche ai materiali nocivi di entrare negli ecosistemi e avvelenare la vita all'interno.

Per non parlare del fatto che impedirà per sempre a sostanze chimiche dannose di fuoriuscire nel suolo, nei corsi d'acqua e in noi umani. Mi sembra una vittoria per tutti. Dove firmiamo?

 

 

Terza Newsletter!

Iscriviti alla nostra newsletter per il pianeta positivo

Accessibilità