Cerca
Menu Menu

La polvere cosmica di Venere ispira la tecnologia automobilistica per la pulizia dell'inquinamento

Quando si parla di innovazione climatica, la rimozione del carbonio è l'argomento di tendenza. I ricercatori di The Conservation, tuttavia, sono preoccupati per la minaccia più immediata degli ossidi di azoto, che si trova nell'inquinamento urbano.

Sembra un cliché dire che l'ispirazione può essere trovata tra le stelle, ma gli innovatori del clima lo stanno dimostrando esattamente.

In questo momento, gli sforzi per utilizzare la tecnologia per la futura prosperità del pianeta ruotano in gran parte (nessun gioco di parole) attorno alla decarbonizzazione. Che si tratti di geoingegneria oceanica, cattura diretta dell'aria o alternative a combustibili ecologici, il principale avversario è senza dubbio il carbonio.

Fare il giro 76% di tutte le emissioni di gas serra, la CO2 sarà la principale responsabile di eventuali cambiamenti marcati nel nostro clima, se non riusciremo a invertire i nostri impatti e le nostre emissioni di picco entro il prossimo decennio.


Carbonio > Azoto

Poiché siamo ossessionati da questo obiettivo, tuttavia, la minaccia per la salute più immediata dell'inquinamento atmosferico urbano (in particolare, il biossido di azoto) viene trascurata nonostante le statistiche indichino il bilancio delle vittime associato superando i 10,000 in Europa ogni anno.

Questo non vuol dire che tutti gli appassionati di tecnologia eco-consapevoli stiano ignorando l'inquinamento atmosferico locale, però. Con l'obiettivo di strozzare uno dei suoi fattori chiave: il traffico, una coorte di innovatori e ricercatori a La conservazione ha presentato la loro prossima generazione di marmitta catalitica a giugno, in grado di abbattere più fumi che mai alla fonte.

Mentre i convertitori catalitici sono già progettati per ridurre al minimo la quantità di sostanze chimiche tossiche che fuoriescono dagli scarichi dei veicoli, questo team ha perfezionato il suo design per soffocare ancora più ossido di azoto senza i noti inconvenienti dei tipi odierni.

Ora, questo è sia casuale che strano, scontato, ma la squadra è stata ispirata non dalla meccanica automobilistica tradizionale o dall'ingegneria moderna, ma piuttosto dalla chimica ultraterrena osservata sulla superficie calda e volatile di Venere. Ah, certo.


Principi ultraterreni qui sulla Terra

Anche se non riusciamo a comprendere bene come sia stata realizzata la connessione dell'intero spazio esterno, garantiamo che questi ricercatori debbano essere lodati.

Nella fase principale, hanno notato che la luce del Sole distrugge l'anidride carbonica nelle atmosfere dei pianeti, lasciando dietro di sé il monossido di carbonio. Hanno quindi postulato che Venere avrebbe dovuto modo livelli di monossido di carbonio più elevati di quanto non faccia effettivamente.

Dopo ulteriori osservazioni, i ricercatori hanno scoperto che il materiale meteorico che circonda il pianeta (polvere spaziale) stava essenzialmente soffocando la produzione di gas tossico, allo stesso modo di un convertitore catalitico.

Da lì, sono stati in grado di creare la propria polvere di silicato di ferro con caratteristiche simili. Secondo il gruppo, questo si è rivelato efficace nell'accelerare la conversione del monossido di carbonio in anidride carbonica - un gas molto meno pericoloso - e riuscì a convertire il protossido di azoto tossico in innocuo azoto molecolare.

Questo rappresentava a Enorme vittoria, considerando che l'ossido di azoto continua a superare i limiti di legge in molte grandi città causando problemi respiratori e morte. Inutile dire che, su tutta la linea, lo standard generale odierno per gli scarichi semplicemente non lo taglia.

Quindi, quali miglioramenti immediati ea lungo termine potrebbero avere questi convertitori se scoppiassero su larga scala?

 

Impatto immediato e a lungo termine

Siamo d'accordo con l'argomento secondo cui i combustibili fossili devono essere eliminati completamente, nonostante la mancanza di dettagli sulla questione nel disegno di legge COP27. Questo non vuol dire che non dovremmo escogitare soluzioni più immediate, però.

In attesa del 2030, quando teoricamente avverrà la vendita di nuove auto diesel e benzina essere fuorilegge, non è abbastanza buono. Il alto costo del carbonio anche la produzione di veicoli elettrici oggi è una preoccupazione.

Per le auto attuali che hanno convertitori catalitici installati, in genere soffocano il gas tossico a temperature superiori a 150 gradi. Ciò significa che mentre si muovono nel traffico, l'inquinamento continuerà ad accumularsi.

Il prototipo del convertitore, invece, continua a trasformare l'ossido di azoto in azoto molecolare a temperatura ambiente. Nel contesto di un'intera città, ciò farebbe un'enorme differenza nell'abbassare i livelli di aria tossica.

A lungo termine, quando si spera che i combustibili fossili siano completamente ridondanti, l'idrogeno giocherà senza dubbio a parte enorme nelle nostre richieste di energia. Ma lo sapevi che la combustione ad alto livello con l'idrogeno converte l'azoto molecolare nell'aria in - hai indovinato - ossido di azoto?

Pertanto, le iterazioni di questo convertitore in diverse forme saranno probabilmente importanti quando si tratta di impedire alle tossine di fuoriuscire nell'atmosfera.

"Ecco perché siamo entusiasti di sviluppare un prototipo di convertitore di emissioni in grado di funzionare nella maggior parte delle situazioni, con il potenziale per ridurre radicalmente le emissioni tossiche dei motori a combustione e di altre fonti in futuro", afferma il leader del team e ricercatore di chimica dell'atmosfera Alessandro Giacomo.

Dato che queste rivelazioni sono state fatte la scorsa estate, siamo entusiasti di vedere come usciranno i prototipi nel prossimo anno.

 

Terza Newsletter!

Iscriviti alla nostra newsletter per il pianeta positivo

Accessibilità