Cerca
Menu Menu

Perché il nuovo documentario "Slay" ti farà rivalutare la moda

Slay è un documentario illuminante che ti farà guardare il tuo guardaroba in una luce completamente nuova, probabilmente colorata di rosso.

Uccidere è un nuovo documentario in anteprima su WaterBear, il nuovo servizio di streaming attento all'ambiente. Presentato e diretto dall'attivista per i diritti degli animali Rebecca Cappelli, il film mira a puntare i riflettori sugli angoli oscuri dell'industria della moda.

Negli ultimi anni le conseguenze disastrose dei cambiamenti climatici sono diventate più evidenti e sempre più frequenti. L'industria agricola è stata a lungo una delle cause principali, ma l'attenzione generale e l'attenzione del pubblico sono sempre state sul cibo e non sulla moda.

Uccidere intende cambiare questo, dando ai nostri capi tante attenzioni e critiche quanto ciò che mangiamo.

Il documentario esplora le questioni etiche relative ai materiali preferiti dalla moda, tra cui pelle, pelliccia e lana, l'elemento di riferimento dell'influencer eco-consapevole.

Il film è prodotto da Keegan Khun, il pluripremiato co-regista del documentario seminale Cowspiracy. Con un nome così importante legato al progetto, i confronti sembrano inevitabili. Così è Uccidere all'industria della moda cosa Cowspiracy era per l'agricoltura? E sarà ugualmente influente?

Incontra Rebecca

Al centro di Uccidere è la regista Rebecca Cappelli, una fashionista francese diventata combattente per i diritti degli animali, che avvia il documentario ponendo la domanda: puoi essere un amante degli animali e indossare animali?

È un dilemma con cui molti di noi hanno lottato, fungendo da ethos centrale del film e incoraggiando il pubblico a entrare in gioco. Siamo pronti a seguire Rebecca nel suo viaggio di tre anni attraverso sette paesi per scoprire le risposte.

Come suggerisce il logo macchiato di sangue, tuttavia, potrebbero non essere le risposte che vogliamo sentire.

Il documentario è senza sceneggiatura. La maggior parte delle riprese è stata girata prima della narrazione che si svolge intorno alle sanguinose rivelazioni che Rebecca e il suo team scoprono costantemente, dando al documentario un autentico senso di scoperta.

Il team di Thred ha avuto la fortuna di intervistare Rebecca dopo una prima proiezione a Londra.

Quando le è stato chiesto di acquisire il filmato, ha spiegato che uno degli aspetti più spaventosi durante le riprese è stato che "non abbiamo passato mesi a cercare qualche problema o qualche problema". I motivi di preoccupazione erano nascosti in bella vista, facilmente visibili a chiunque fosse disposto a guardare.

L'intenzione principale del film è convincere le persone a fare proprio questo, esponendo il vero costo morale degli abiti di tutti i giorni. Uccidere vuole che riconosciamo la brutale realtà di come sono realizzati i nostri capi la prossima volta che vediamo un paio di scarpe di pelle o un cappotto bordato di pelliccia.

La bugia della pelle

Dopo una clamorosa sequenza di titoli di testa in passerella, ci vengono presentate interviste di professionisti del settore che sembrano usciti Lo Il diavolo veste Prada, amplificando l'importanza di vasta portata della moda.

Questa introduzione rafforza l'idea che se indossi dei vestiti, sei coinvolto con la moda.

Vedi, non è solo un maglione blu bitorzoluto, Anne Hathaway!

In questo modo il film ci rende tutti colpevoli partecipanti, cooperando inconsapevolmente con un'industria crudele, sfruttatrice e dannosa.

Una volta che il pubblico è sul posto caldo, il film analizza attentamente ogni argomento pro-moda nei suoi 85 minuti di esecuzione. Difese come "la pelle è più duratura e più biodegradabile delle alternative sintetiche" vengono private della loro pelle evasiva per rivelare la sanguinosa verità sottostante.

Per soddisfare la domanda, vengono utilizzate potenti sostanze chimiche per trasformare in modo efficiente la pelle degli animali in pelle. Questi sono enormemente dannosi per l'ambiente e dannosi non solo per la forza lavoro sfruttata, ma anche per i vicini residenti delle concerie che sono esposti ad acque tossiche.

Questo potrebbe non turbarti se la tua giacca di pelle ha un'etichetta "made in Italy", un prestigioso segno di status che evoca immagini di artigiani italiani che lavorano con materiali di alta qualità e di provenienza etica, il che è falso.

Per poter beneficiare di questo marchio 'illustre', solo una piccola percentuale del processo di produzione deve avvenire in Italia.

Ciò significa che una cintura in pelle ricavata da una mucca allevata in una zona deforestata dell'Amazzonia, la cui pelle è stata trasportata in un'officina sfruttatrice in India per l'abbronzatura prima di recarsi a Milano per gli ultimi ritocchi, può ancora essere considerata "made in Italy".

Questo è solo un esempio di Uccidere contraddicendo a lungo il dogma del settore progettato per convincere i clienti che la pelle è un mero sottoprodotto della carne e dell'allevamento di prodotti lattiero-caseari quando, in realtà, la pelle è preziosa quanto quella che c'è sotto.

Sebbene il documentario incoraggi gli spettatori a mettere in discussione le proprie scelte quando si tratta dei vestiti che compriamo, la responsabilità non ricade interamente sui piedi del consumatore.

Uccidere non è timido nel nominare e svergognare i grandi marchi che si riforniscono di pelle da fonti discutibili come Armani, Versace, Dior, Zara, Calvin Klein e Tommy Hilfiger, solo per citarne alcuni.

Se tali elementi fondamentali dell'industria sono complici volenterosi di questo processo ingannevole e subdolo, ti viene da chiedersi cos'altro ci sta mentendo la moda.

Il lato non così morbido della pelliccia e della lana

Una volta che il pubblico è stato esposto a un numero sufficiente di filmati di pelli impilate, il film sposta l'attenzione sulla pelliccia.

Uccidere dovrebbe essere lodato per aver incluso interviste con i sostenitori di entrambi i lati dell'argomento della pelliccia. Una conversazione con il CEO di Fur Europe rivela la vera portata del settore, con migliaia di fattorie che ospitano milioni di animali come visoni, cincillà, volpi e procioni.

Analogamente alla pelle, la pelliccia ha affermato da tempo di essere un'opzione più sostenibile rispetto alle alternative a base di plastica (ma a differenza della pelle, non ci vedo mangiare un bolognese fatto con carne di visone una volta che gli abbiamo rubato la pelle).

Potresti suggerire che il documentario non è del tutto equo, interrompendo l'intervista con inquadrature di animali in gabbia insieme a fatti e grafica, negando le nebulose affermazioni del CEO secondo cui la pelliccia è umana. Allo stesso modo, non ci vuole molto sforzo per far sembrare immorali i visoni gasati e le volpi fulminanti.

Guardare filmati di creature catturate, ingabbiate e uccise per la loro pelliccia è probabilmente la parte più dolorosa del documentario, ma la verità è spesso scomoda. Uccidere è implacabile nei suoi messaggi, chiarendo che indossare pelli di animali ignorando la sofferenza che provoca non è giusto.

Infine, il film tenta di strappare la lana dai nostri occhi per rivelare la verità strappalacrime su – beh, la lana.

La lana viene spesso esclusa dalle conversazioni sulla crudeltà sugli animali poiché nessuna pecora ha bisogno di morire per ottenere il materiale. Potresti fare un argomento simile sul latte, ma come chiunque abbia visto il documentario Munto (disponibile anche gratuitamente su WaterBear) saprà, quando si parla di coltivazione di animali, la crudeltà non è mai difficile da trovare.

L'Australia produce l'80% della fornitura mondiale di lana merino, ma gli agricoltori allevano i loro agnelli durante l'inverno per mantenere bassi i costi.

Sorprendentemente per un paese che celebra il Natale in costume da bagno, gli inverni australiani sono particolarmente brutali. Questo, combinato con l'allevamento selettivo per incoraggiare gemelli e terzine - che rende il processo di parto più difficile - significa che milioni di agnelli muoiono ogni anno entro poche ore dalla nascita.

Allora, che cosa può noi indossiamo?

Verso la fine di Uccidere, inizi a sentirti come se non ci fossero più spazi sicuri da nascondere quando si tratta di decidere cosa indossare.

Anche se il film ti lascia nudo alla verità, non devi buttare via il tuo intero guardaroba e unirti a una comunità di nudisti: il documentario offre una conclusione ottimistica.

I progressi nella tecnologia alternativa sono in continuo aumento. Marche come Stella McCartney e Adidas stanno aprendo la strada, con la pelle di micelio. Altri sostituti a base vegetale includono foglie di ananas e pelle di cactus.

Per citare L'uomo da 6 milioni di dollari, 'abbiamo la tecnologia.' Ciò di cui abbiamo bisogno è la domanda. Ed è qui che tutti noi dobbiamo fare la nostra parte.

Uccidere parla anche di una più ampia questione socio-politica.

Durante una sessione di domande e risposte dopo la prima del film, a Rebecca Cappelli è stato chiesto, considerando l'attuale minaccia ambientale per la terra, perché gli animali contano?

Il regista ha tracciato un parallelo tra il trattamento crudele degli animali e la crisi climatica collegandoli allo stesso problema causale: un insensato disprezzo per la vita.

Sottolinea che dobbiamo riconnetterci con tutta la vita se vogliamo avere la possibilità di risolvere i problemi affrontati dal nostro pianeta. E tutta la vita significa per tutti i nostri marchi storici vita. Sostenibilità ed etica devono essere sinonimi. Cercare di risolvere il problema con l'uno e non con l'altro non funzionerà mai.

Vale la pena guardare?

Ogni tanto arriva un documentario che cambia completamente il modo in cui vediamo una parte quotidiana della nostra vita. Uccidere è uno di quei film.

Proprio come Cowspiracy ci ha fatto rivalutare ciò che mangiamo, Uccidere ci fa dubitare di come ci vestiamo. Ma nonostante si concentrino su un solo argomento, film come questi servono come inestimabili promemoria del rapporto dell'umanità con la natura e del perché non dobbiamo mai smettere di sforzarci di bilanciarlo.

Guarda Slay gratis ora su Orso d'acqua.

5
su 5

Un documentario da non perdere

I miei amici e colleghi non se la caveranno saltando questo.

 

Terza Newsletter!

Iscriviti alla nostra newsletter per il pianeta positivo

Accessibilità