Cerca
Menu Menu

All-Black Gateways Orchestra si esibirà alla Carnegie Hall

La Gateways Music Festival Orchestra si esibirà alla Carnegie Hall il 24 aprile 2022, diventando così la prima orchestra tutta nera a farlo nei 130 anni di storia del rinomato locale.

Fin dalla sua istituzione nel 1993, l'orchestra del Gateways Music Festival ha coltivato la diversità nella scena della musica classica.

Fornisce uno spazio ai musicisti professionisti neri per creare musica ed esibirsi insieme da tutti gli Stati Uniti, lontano da settori altrimenti isolanti dell'industria.

L'orchestra è cresciuta enormemente nel corso degli anni. I festival recenti hanno vantato oltre 125 strumentisti, alcuni dei quali appartenenti ad altre prestigiose organizzazioni come la Los Angeles Philharmonics e la Cleveland Orchestra.

L'anno prossimo, al gruppo si unirà in concerto l'artista vincitore dell'Oscar e nominato ai Grammy Jon Batiste.

Il significato di questo evento non può essere sopravvalutato, specialmente per i giovani musicisti classici neri.

Secondo l'Harlem World Magazine, il presidente e direttore artistico di Gateway, Lee Koonce, ha affermato che "il viaggio del Gateways Music Festival alla Carnegie Hall è durato 28 anni".

"Essere la prima orchestra sinfonica classica tutta nera ad essere il protagonista di un'esibizione è importante, specialmente in questo momento di resa dei conti razziale nella storia del nostro paese".

"Ascoltare e vedere l'orchestra Gateways sul venerato palco principale del Carnegie mostrerà ai bambini neri che possono eseguire musica classica al più alto livello, ricordando alle persone di ogni estrazione che questa musica appartiene a tutti".

Storicamente, la scena della musica classica non è riuscita ad amplificare i musicisti neri. L'esistenza e il successo di organizzazioni come il Gateways Music Festival mostrano che i passi nella giusta direzione cambiano ciclicamente fatto. Si spera che i giovani neri interessati alla musica classica possano trovare ispirazione da storie come questa per inseguire i propri sogni.

Secondo uno studio del 2014 della League of American Orchestra, solo il 4.3% dei direttori d'orchestra è nero e meno del 2% dei musicisti orchestrali americani è nero.

Queste statistiche sono incredibilmente deludenti, soprattutto considerando il contributo che le persone di origine africana hanno dato alla musica americana di tutti i generi. Iniziative come Gateway, tuttavia, mi riempiono di un senso di ottimismo sul fatto che l'industria della musica classica stia cambiando in meglio.

La linea di fondo è quella rappresentazione questioni, non solo perché può modellare il modo in cui un gruppo è visto dalla società, ma anche perché dimostra alle generazioni future che le persone possono avere successo in spazi da cui sono state storicamente escluse.

Devo essere d'accordo con Paul Burgett, il presidente del Gateways Music Festival, che guardare un palco pieno di neri che suonano musica meravigliosa "allevia il mio senso di disperazione".

Questo articolo è stato originariamente scritto da Aluet William Nyuon. 'Mi chiamo Aluet (Lei/Lei) e attualmente sono una studentessa del terzo anno di studi classici all'Università di Oxford e una stagista presso Thred. Finora ho vissuto in quattro paesi e di conseguenza ho sviluppato un amore per le storie internazionali, specialmente quelle che vengono dall'Africa. Visualizza il mio LinkedIn. '

 

Terza Newsletter!

Iscriviti alla nostra newsletter per il pianeta positivo

Accessibilità