Menu Menu

Una quattordicenne sviluppa una nuova saponetta per curare il melanoma

Heman Bekele potrebbe aver trovato una risposta sorprendentemente semplice al trattamento del cancro della pelle: una saponetta. 

Nonostante le quantità esorbitanti di raccolte fondi e di ricerca instancabile, una cura per il cancro spesso sembra ancora un sogno irrealizzabile. Ma per quanto riguarda la ricerca sul cancro, si sospetta da tempo che la risposta a uno dei più grandi killer dell’umanità potrebbe trovarsi ovunque o essere scoperta da chiunque.

Questa settimana, un quattordicenne della Virginia è l'ultima improbabile mente a sostenere questa ipotesi, avvicinando leggermente alla realizzazione del sogno di una cura per il cancro.

Heman Bekele è uno studente delle medie con una buona serie di attività extracurriculari, tra cui la fiera della scienza e l'informatica. Ora può aggiungerne un altro alla lista: curare il cancro.

A soli 14 anni, Bekele è già stato nominato 'Il miglior giovane scienziato americano' dopo aver sviluppato una saponetta che potrebbe aiutare a curare il melanoma.

Le Sfida del giovane scienziato è una sfida annuale che assegna agli studenti di successo $ 25,000 per le loro idee innovative, oltre a un'iscrizione esclusiva con un 3M scienziato.

Bekele ha conquistato gli elettori con la sua idea semplice ma efficace per curare il cancro della pelle: basta usare il sapone.

Quindi, come funziona? Bene, il sapone di Bekele contiene alcune molecole che stimolano il sistema immunitario, il che significa che quando qualcuno lo usa, può far rivivere le cellule della pelle in modo che possano combattere il melanoma.

Si basa sulle pratiche già utilizzate dai medici di tutto il mondo, che trattano il cancro della pelle aumentando la risposta naturale del sistema immunitario del nostro corpo contro le cellule tumorali.

La teoria è già stata dimostrata in altri prodotti per la cura della pelle, in particolare in quelli topici crema originariamente realizzato per trattare le verruche genitali.

Bekele ha tratto ispirazione dal periodo trascorso in Etiopia fino all'età di quattro anni, dove ha osservato le persone costantemente al lavoro sotto il sole cocente. "Volevo rendere la mia idea qualcosa che non solo fosse eccezionale dal punto di vista scientifico ma che potesse anche essere accessibile a quante più persone possibile", ha detto il Washington Post.

La verità è che il cancro della pelle è uno dei più comune cancro, le cure rimangono inaccessibili per molti, soprattutto in paesi come gli Stati Uniti dove l’assistenza sanitaria non è pubblicizzata.

Durante le ricerche per il suo progetto, Bekele è rimasto scioccato nello scoprire quanto le cure non fossero disponibili, soprattutto quelle economiche da produrre e semplici da applicare.

Secondo Insider, i trattamenti per il melanoma negli Stati Uniti costano circa 8.1 miliardi di dollari all’anno. Bekele ha stimato che produrre 10 saponette con il suo sapone costerebbe meno di 20 dollari.

Il suo mentore alla 3M, Deborah Isabelle, ha descritto Bekele come "concentrato nel rendere il mondo un posto migliore per persone che non ha necessariamente ancora incontrato".

Anche se deve ancora ottenere l'approvazione della FDA, Bekele spera che il suo finanziamento aiuterà a realizzare gli obiettivi del prodotto.

"C'è sicuramente molto altro da imparare e sono davvero entusiasta di vedere dove mi porterà tutto ciò", ha detto.

Considerato che il cancro della pelle uccide quasi 8,000 americani ogni anno, un prodotto conveniente e di cui ci si può fidare come il sapone rappresenta un innegabile passo avanti.

E Bekele, che attende con ansia una carriera esplorando non solo il trattamento del cancro, ma anche il DNA e l’ingegneria elettrica, ha chiaramente un futuro brillante davanti a sé.

Dopo aver ritirato il premio Young Scientist, ha detto alla giuria che vedeva il sapone come un "simbolo di speranza, accessibilità e di un mondo in cui il trattamento del cancro della pelle è alla portata di tutti".

Che abbia successo o meno, Bekele ha già raggiunto ciò che il suo prodotto si proponeva di fare; stimolare la fede e un cambiamento positivo in un mondo spietatamente ingiusto.

Accessibilità