Cerca
Menu Menu

In che modo la Gen Z sta ridefinendo il "lavoro frenetico" nel 2022?

Quasi due terzi dei giovani puntano sull'avvio di un'impresa e poco meno della metà ha più progetti collaterali e opportunità di freelance, secondo Microsoft. È il risultato di salari stagnanti e condizioni di vita più difficili man mano che i beni diventano più costosi.

Se hai trascorso una ragionevole quantità di tempo su TikTok, probabilmente ti sarai imbattuto in almeno alcuni video di "trambusto" o "fare soldi" millenari che promuovono lunghe ore di lavoro, freelance e sollevamento pesi pesanti in palestra.

Man mano che la Gen Z diventa una parte più ampia della forza lavoro della popolazione, porta nuove idee e atteggiamenti a modelli occupazionali consolidati. Questo è il caso della cultura del "trambusto". Laddove una volta era visto come un invidioso flex della produttività e della determinazione incentrata sulla carriera, da allora è diventato una necessità fondamentale affinché i giovani sopravvivano in un difficile ambiente economico.

L'affitto, le bollette, i prezzi del cibo e il costo delle merci stanno aumentando in modo esponenziale. Per molti della Generazione Z (incluso questo), quasi la metà dei loro stipendi viene utilizzata per le spese di soggiorno, rendendo i freelance e i progetti extra un must piuttosto che un lusso di avere la vita insieme.

Quindi, come stanno ridefinendo i giovani l'idea di 'spacciare' nel 2022? Diamoci dentro.


Il lavoro secondario è ancora molto di moda

Non dovrebbe essere uno shock, ma rimangono le faccende secondarie e il lavoro freelance extra molto alla moda con la Gen Z.

Il sondaggio di Microsoft ha rilevato che poco meno della metà dei giovani ha più progetti collaterali, con il 48% che afferma di lavorare su ulteriori opportunità di freelance. A tal fine, un enorme 91% degli imprenditori della Gen Z ha affermato di lavorare in orari non convenzionali.

I social media si sono molto sovrapposti a questa spinta al lavoro. Ad esempio, gli imprenditori che utilizzano TikTok per affari hanno quasi il doppio delle probabilità di avere problemi secondari.

Tuttavia, uno dei più grandi cambiamenti tra i millennial e la Generazione Z è la ragione di questi trambusti laterali. Se è vero che le persone anziane hanno vissuto la recessione e le turbolenze politiche, hanno anche avuto la fortuna di essere giovani durante un periodo di crescita economica relativamente stabile negli anni 'XNUMX.

La Generazione Z non ha mai conosciuto un mondo in cui i salari non erano stagnante.

Il mercato del lavoro è diventato continuamente più competitivo, con salari più bassi, tirocini più non retribuiti, ulteriore divario di ricchezza e processi di qualificazione all'ingresso più difficili. Abbina questo con bollette in aumento e hai un generazione che bisogno ulteriori fonti di reddito di lato, piuttosto che farlo per scelta.


Come cambiano gli orari di lavoro?

I giovani cercano un significato personale nella loro vita quotidiana e questa mentalità si estende al loro lavoro.

La Generazione Z ha visto in prima persona gli effetti ambientali devastanti del capitalismo e ha capito che il mondo non può continuare in modo sostenibile con un approccio di "crescita esponenziale".

Questo ha un impatto sulle nostre decisioni e scelte personali quando si tratta di carriera, relazioni e lavoro. Impegnarsi per le nostre attività o, per lo meno, lavorare per datori di lavoro in cui abbiamo fede morale è estremamente importante. Di conseguenza, è meno probabile che lavoriamo tutti allo stesso ritmo e programma.

La pandemia ha portato lockdown e chiamate Zoom per molti. Tonnellate di aziende ora offrono il lavoro a distanza o un modello ibrido che ha dipendenti in ufficio solo poche volte a settimana. Questo programma più fluido e dinamico incoraggia anche uno scossone nel normale orario di lavoro, a cui la Gen Z risponde bene.

Lo studio di Microsoft ha rilevato che molti lavoratori della Generazione Z stavano "rivalutando gli obiettivi personali e professionali" e che preferiscono lavorare al proprio ritmo. Alcune aziende e società hanno testato nuovi orari di routine. Il 2022 ha visto il più grande prova mai vista di una settimana di quattro giorni per sperimentare la produttività dei dipendenti.

C'è la sensazione generale che cambiare l'orario di lavoro per soddisfare meglio le esigenze individuali sia la via da seguire. Ciò si estende alla Generazione Z, che sta già subendo gli effetti del burnout nella prima età adulta grazie alla costante esposizione alle notizie, alle minacce climatiche, ai disordini politici e all'indebolimento delle economie.

Un orario di lavoro evoluto che offra più tempo personale potrebbe diventare una normalità man mano che i giovani si appropriano degli spazi di lavoro. Ciò offre ampie opportunità anche per i trambusti secondari.


Il costante aumento del "smettere tranquillo"

A proposito di burnout, potresti aver letto della recente ondata di "dimissioni tranquille" da parte dei giovani.

Questa è l'idea che tu continui a lavorare per il tuo datore di lavoro ma semplicemente fai il minimo indispensabile, rifiutando l'atteggiamento convenzionale di "trambusto" che promuove responsabilità extra, lavoro straordinario e definizione dell'autostima in base alla tua produttività.

La Generazione Z è più ricettiva ad aprire una conversazione sull'etica della cultura del trambusto e se sia persino salutare impegnarsi.

Questo ha senso dato che molti giovani si sentono a proprio agio nel discutere le loro difficoltà per la salute mentale e la sensibilità emotiva in un momento in cui gran parte della forza lavoro mondiale lotta per sentirsi coinvolta nel proprio datore di lavoro.

Uno studio di Gallup chiamato il "Stato del posto di lavoro globale" dal 2022 è emerso che solo il 21% dei dipendenti è impegnato sul lavoro. Il 44% si sente stressato durante la giornata lavorativa. Il 33% dei dipendenti afferma di essere "fiorente" nel proprio benessere generale. Quelli sono Basso numeri.

Non sorprende quindi che molti di noi stiano semplicemente respingendo del tutto gli ideali del trambusto. Se lavorare extra non è una necessità, perché accettarlo come una realtà? Avviare attività ed essere il proprio datore di lavoro possono essere ambizioni della Generazione Z, ma è probabile che si realizzino in modi che non soccombono ai soliti ornamenti della "cultura del trambusto".

Stiamo 'spacciando' al nostro ritmo, a modo nostro, e le nuove routine di lavoro a cui ci siamo abituati stanno facilitando questo cambiamento.

 

Terza Newsletter!

Iscriviti alla nostra newsletter per il pianeta positivo

Accessibilità