Cerca
Menu Menu

Decidi tu: la bellezza sta rendendo glamour la cultura della droga?

Il tanto atteso marchio di cosmetici di Harry Styles ha appena lanciato una collezione di ispirazione psichedelica. Grafica estetica a parte, potrebbe esistere un problema più ampio con il modo in cui questi prodotti vengono commercializzati.

Che ci piaccia o no, gli psichedelici stanno vivendo il loro momento.

Permeando sia i media mainstream per il loro straordinario potenziale medico che i nostri feed sui social media come giovani alle prese con condizioni di salute mentale sempre più esaminate per lo sviluppo personale, le droghe allucinogene sono di gran moda nel 2022.

Questo nonostante le complicazioni legali che ancora li pervadono, così come lo stigma pubblico prevalente che circonda il loro utilizzo.

Su questa nota, con la cultura popolare un riflesso diretto dei tempi, ha senso che l'industria della bellezza stia saltando su evoca le vibrazioni di liberato hippies che ha trascorso gli anni '60 esplorando nuovi stati di coscienza e capitalizzando sulla rinascita di queste sostanze.

Non per i loro effetti che alterano la mente di per sé, piuttosto per la crescente popolarità degli effetti visivi caleidoscopici che inducono la dopamina che tipicamente associamo a LSD, funghi magici e DMT.

Eppure, mentre abbiamo già assistito all'incursione della moda in questo rinascimento con l'anno scorso piste da brivido una raffica di colori vivaci, stampe fantastiche e intere collezioni dedicato agli stessi composti (per non parlare del Ossessione anni '70 dell'elegante generazione TikTok), l'ingresso della bellezza nel mondo della psichedelia non è stato così divorante.

Più un dito del piede immerso nell'acqua che un'immersione in piena regola. Bene, fino ad oggi è così.

Dopo il CBD mania che ha visto aziende cult di skincare e cosmetici da eos a Rivoluzione avidamente attingere Il clamore verso questo ingrediente degno di nota, rinomato per le sue proprietà antiossidanti e antinfiammatorie, un assortimento di marchi ha rivolto la propria attenzione al regno di Classe A negli ultimi tempi.

In particolare, Piacevole by Harry Styles, la tanto attesa avventura di bellezza della cantante, che è appena caduta Fioritura di funghi, una varietà appropriatamente intitolata di prodotti di ispirazione psichica pubblicizzati attraverso i nostri schermi con immagini che ricordano l'iconico Sottomarino giallo video.

Questi includono un siero notturno "lucido" etichettato "Gocce acide,' il cui colloquialismo innegabilmente provocatorio ha spinto molti a mettere in discussione il ruolo dell'industria nel rendere glamour e potenzialmente banalizzare la cultura delle droghe ricreative con il suo marketing.

Vale a dire a causa della base di fan principalmente minorenni di Styles, accumulata durante i suoi giorni 1D e ora brama della sua gamma di smalti per unghie.

Tuttavia, Styles non è l'unico sulla linea di tiro, con Lavanderia Estée – il collettivo Instagram anonimo che è stato tenendo conto della bellezza dal 2018 – avendo recentemente chiamato Trucco al latte per 'lavare le erbacce.'

È la promozione del danno alla cultura della droga da parte dell'industria della bellezza

In sostanza, nel tentativo di spingere i suoi balsami per labbra "Kush", i mascara "puff puff brush" e i gel per sopracciglia "ad alto volume", l'azienda aveva iniziato a vendere accessori come sacchetti di plastica trasparente stampati con i numeri 4:20 e francobolli in la forma delle foglie di cannabis che i consumatori possono mostrare con orgoglio sulla loro pelle.

Non sorprende quindi che questo abbia sollevato alcune sopracciglia, probabilmente più problematiche e di vasta portata dell'approccio giocoso di Styles, ma da nessuna parte vicino insensibile come il 2019 di Svenja WenbergSferza la cocaina' (che parla da sé, davvero).

"La cultura giovanile e la sottocultura della droga hanno radici comuni nella lingua e nel gergo popolare sin dagli anni '60, ma è solo di recente che questo gergo è arrivato sugli scaffali dei rivenditori commerciali", afferma Alessia Inge of Cult Beauty.

"Per differenziarsi tra un'abbondanza di nuovi marchi, gli esperti di marketing afferreranno tutto ciò che attirerà l'attenzione gratuita e cancelleranno la tendenza fino a quando non funzionerà più!"

Secondo lnge, ciò può essere attribuito a un movimento più ampio in base al quale i marchi di bellezza sono più espliciti sui loro valori e opinioni nell'era digitale, spacciando la cultura della droga ricreativa come mezzo per posizionarsi tra il loro pubblico "svegliato".

"Dicendo 'siamo come te, siamo liberi e non abbiamo paura dei confini', questi marchi stanno inviando un messaggio molto potente, sia ad altri marchi e organi di governo, sia ai consumatori", continua.

"E poiché i social media sono diventati il ​​veicolo per la condivisione del pensiero ribelle, vediamo prodotti e idee più divisivi, in precedenza tabù, che iniziano a emergere".

Naturalmente, questo tipo di romanticizzazione non è nulla a cui non abbiamo assistito prima. Quando "l'eroina chic" era un ideale desiderato nei primi anni '90, Urban Decay ha cambiato le sue offerte con una revisione sgangherata e la fragranza più venduta di YSL is chiamato 'Opium' dopo tutto.

Il gruppo antidroga protesta contro gli annunci di Black Opium di L'Oreal - Beauty Packaging

Ma non è stato fino al 2011 quando questo primo ha innescato un contraccolpo, innescando un dibattito sul pericolo di normalizzare le sostanze che creano forte dipendenza e dannose per la salute oltre a promuovere un mercato che viola i diritti umani.

"L'esposizione alle droghe in qualsiasi forma è una sfida per le persone in via di guarigione", afferma Joe Griffiths di Speranza Regno Unito.

"È molto probabile che un uso crescente di farmaci nei prodotti di bellezza possa essere problematico per qualcuno in fase di guarigione. Inoltre, attenua l'atteggiamento dei giovani nei confronti delle droghe e li rende più propensi a sperimentarle: tutte le dipendenze iniziano con qualcuno che prova qualcosa per la prima volta.'

D'altra parte, i sostenitori della crescente fissazione della bellezza per la cultura della droga ricreativa la considerano innocua, sottolineando che la maggior parte degli esempi di ciò sono semplicemente ironici e che suscitare polemiche ha - e sarà sempre - una tattica di successo con il solo scopo di guidare i saldi.

Per questo motivo, ritengono che il nostro focus dovrebbe essere altrove, soprattutto considerando come la droga sia stata prevalentemente presente in altri campi creativi nel corso della storia, in particolare il cinema e la musica, che hanno entrambi un'influenza significativamente maggiore.

"Spesere tempo e denaro per regolamentare questo distrae dai veri problemi che spingono i giovani di oggi a prendere droghe", conclude Inge.

'Ciò include la mancanza di istruzione e lavoro, nonché la sensazione generale di dover fuggire dalla realtà del mondo. Controllare i riferimenti ai farmaci sui prodotti di bellezza è destinato a essere meno efficace nell'affrontare l'uso di droghe rispetto al finanziamento di programmi educativi adeguati e alla fornitura di servizi di riabilitazione.'

Quindi, tutto questo è un po' di divertimento innocuo che rimane fedele all'integrazione in continua evoluzione della bellezza con il rapido avanzamento della società moderna o è ora che chiediamo all'industria di attenuarlo?

 

Terza Newsletter!

Iscriviti alla nostra newsletter per il pianeta positivo

Accessibilità