Cerca
Menu Menu

Stella McCartney vuole creare un mercato della cura della pelle genuinamente sostenibile

Poiché sempre più marchi adottano pratiche sostenibili a favore di quelle dannose per l'ambiente, l'industria della bellezza sembra essere sul punto di rinunciare al greenwashing, una tattica che continua a ostacolare i progressi nella nostra lotta contro la crisi climatica.

Questa settimana, la designer e campionessa di sostenibilità Stella McCartney, che negli ultimi due decenni ha costruito la sua reputazione di essere una pioniera della moda consapevole attraverso il suo utilizzo di tessuti come seta di ragno e mylo coltivati ​​in laboratorio – ha svelato il suo nuovo marchio di prodotti per la cura della pelle vegan e cruelty free.

In mezzo all'implacabile greenwashing dell'industria della bellezza e al flusso infinito di prodotti approvati dalle celebrità, le notizie hanno fatto poco per destare la mia attenzione.

Questo fino a quando non ho appreso che la linea - giustamente intitolata Stella di Stella McCartney - aveva richiesto anni di lavoro, meticolosamente sviluppata per garantire che rimanesse fedele all'etica di McCartney di usare "solo l'essenziale".

L'ultima cosa di cui il mondo ha bisogno è ancora un altro marchio di bellezza "pulito" autoproclamato sconsiderato che contribuirà ulteriormente alla crisi climatica.

"Quando ho iniziato questo progetto, sapevo che era necessario un cambiamento nel settore", ha detto Stordito in un'intervista. "Il fattore chiave è che quando si tratta di sostenibilità non esiste una soluzione magica".

'Durante la produzione, è necessario valutare le opzioni in ogni fase del processo per ridurre al minimo l'impatto sul pianeta. Quindi, in ogni fase mi sono sfidato a prendere le decisioni più responsabili possibili.'

Stella di Stella McCartney lancia Skincare: è davvero sostenibile? Ecco la mia recensione

La gamma - che è intrinsecamente minima, composta solo da un detergente, un siero e una crema idratante - dà la priorità alla longevità rispetto ai risultati a breve termine.

E, evitando di mantenere le false promesse di devozione ambientale per cui altre aziende sono famose, tutto è ricaricabile, l'imballaggio è riciclato, gli ingredienti sono per il 99% di origine naturale (tutti quelli che potrebbero avere un impatto negativo sul pianeta sono stati banditi) e i consumatori lo faranno far spedire i propri acquisti invece di farli volare per ridurre l'impronta di carbonio del marchio.

Tutte credenziali che la stessa McCartney ha lavorato duramente per garantire, parte del suo rifiuto di evitare di entrare nel mercato con l'unico intento di forgiare un'immagine ecologicamente responsabile tra il pubblico.

"Sebbene il settore della cura della pelle sia già consolidato, ci sono costanti progressi nel settore e, ad essere onesti, c'è ancora molto che può essere ulteriormente migliorato", continua.

"Le persone possono complicarsi eccessivamente e consumare eccessivamente la cura della pelle, e poi quando quei prodotti non vengono utilizzati molti vengono gettati via e finiscono in discarica. Ecco perché ho creato una nuova linea essenziale di prodotti per la cura della pelle e l'ho lanciata con soli tre prodotti.'

Ora, la cosa forse più eccitante dell'incursione di McCartney nel regno della bellezza è che è accompagnata da vari sforzi in tutto il settore per rinunciare a una tattica che per troppo tempo ha ostacolato i nostri progressi nella lotta per evitare la distruzione della Terra.

Stella McCartney ha lanciato la cura della pelle e l'abbiamo provata | Pelle | Ottieni il gloss

Dai marchi che incorporano materiali compostabili, all'uso agricoltura rigenerativa come mezzo per mitigare il loro sfruttamento della natura, la marea sembra cambiare.

Naturalmente, abbiamo molta strada da fare prima che il settore in generale smetta pigramente di fare il greenwashing e di autoproclamarsi ecologico per raccogliere i vantaggi di essere "senza sensi di colpa", ma questo è certamente un inizio.

E la dedizione pragmatica di McCartney ad essere qualcosa di più di una semplice "coscienza", evidenziando l'importanza dell'innovazione autentica e mantenendo la voce su ciò che semplicemente non è possibile in bellezza, sta guidando la carica.

"La verità è che tutto ciò che creiamo ha un impatto, la scelta che abbiamo è quanto", conclude, aggiungendo che con la sostenibilità un'impresa senza fine quando si tratta di moda e bellezza, il suo obiettivo generale è far sapere che non è perfetta al 100%, ci sarà sempre spazio per crescere.

"È nostra responsabilità ridurre al minimo questo il più possibile e, come settore, essere onesto e trasparente al riguardo. Faccio del mio meglio in tutte le aree della mia attività per assicurarmi di essere consapevole e creare il minor impatto possibile.'

"Qualcosa è sempre meglio di niente."

 

Terza Newsletter!

Iscriviti alla nostra newsletter per il pianeta positivo

Accessibilità