Cerca
Menu Menu

I marchi di creme solari "reef safe" sono semplicemente un altro esempio di greenwashing?

Il termine "reef safe" non è regolamentato, il che significa che qualsiasi marchio di protezione solare può includere la frase sulle etichette dei prodotti. Cosa significa "reef safe" e queste affermazioni sono greenwashing?

Se sei stato al passo con le tendenze della cura della pelle, l'SPF per viso e corpo è probabilmente in cima alla lista delle cose da fare per le vacanze quest'estate.

Negli ultimi anni la protezione solare è stata promossa come il prodotto più importante nella nostra routine quotidiana di cura della pelle, non solo per la sua capacità di proteggere dai danni del sole e dal cancro della pelle, ma anche per prevenire lo sviluppo di macchie scure e linee sottili.

Quindi non sorprende che quando i guru della bellezza di TikTok se ne sono accorti, la Gen-Z si è affrettata a raccogliere SPF da marchi come L'Occitane e La Roche Posay, soprattutto dopo che i dermatologi hanno co-firmato le loro formule sulla piattaforma.

Allo stesso tempo, i marchi relativamente più recenti amano Superboo! hanno visto aumenti drastici delle vendite per essere delicati sulla pelle e (presumibilmente) anche sulla vita marina, nonostante il prezzo leggermente più alto del prodotto.

Con i consumatori disposti a pagare di più per proteggere l'ambiente e la loro pelle, tonnellate di aziende hanno iniziato a etichettare i loro prodotti come "sicuri per la barriera corallina". Ma cosa significa esattamente? E queste affermazioni sono reali?

In che modo la protezione solare è tossica per la vita oceanica?

Stime recenti suggeriscono che 14,000 tonnellate di perdite di SPF in aree ricche di barriere coralline ogni anno, provocando gli scienziati a lanciare l'allarme sui potenziali effetti negativi che i filtri solari chimici hanno su di loro.

Vedete, i composti chimici usati nella protezione solare non sono noti per essere dannosi se applicati sulla pelle. Ma quando galleggiano nell'oceano mentre nuotiamo e entriamo in contatto con le barriere coralline, la storia sembra un po' diversa.

I ricercatori non hanno ancora coperto l'elenco completo degli ingredienti, ma i test su inclusioni comuni come ossibenzone, octinoxate, avobenzone e octocrylene aver mostrato possono interrompere i cicli di riproduzione e crescita del corallo, che alla fine portano a candeggio.

Da allora le Hawaii e le Isole Vergini americane hanno vietato la vendita di creme solari contenenti le sostanze chimiche sopra elencate, ma in altre parti del mondo i prodotti etichettati come "sicuri per la barriera corallina" contengono ancora questi ingredienti.

Ciò è possibile perché, senza un elenco conclusivo e supportato dalla ricerca di ingredienti dannosi per l'ambiente, il termine "reef safe" non può essere regolamentato su scala nazionale o internazionale.


Quali creme solari cambiano ciclicamente barriera corallina sicura?

Mi dispiace deluderti, ma non c'è ancora una risposta chiara. La buona notizia è che potremmo averne uno relativamente presto.

Il crescente interesse per le opzioni sicure per la barriera corallina da parte dei consumatori e della comunità scientifica ha visto gli Stati Uniti Accademia Nazionale delle Scienze riunire un consiglio di esperti per esaminare la ricerca sull'impatto delle sostanze chimiche per la protezione solare sulla vita marina.

Le conclusioni definitive sono arrivate lentamente perché la maggior parte dei test sono condotti sottoponendo le barriere coralline coltivate in laboratorio estremamente alte concentrazioni di crema solare – uno scenario che non è realistico nella maggior parte delle spiagge costiere.

E mentre una volta si pensava che la protezione solare minerale fosse migliore per l'ambiente rispetto alla protezione solare chimica, nuovo suggerimento per le prove di laboratorio che potrebbe anche essere dannoso per le barriere coralline, le alghe e altre piante oceaniche.

Nel caso tu sia un po' perso nella salsa di protezione solare, diciamo solo è complicato. Ma poiché tutti abbiamo bisogno di indossare la protezione solare (sì, tutti noi!), entriamo nei dettagli di come i due tipi sono diversi.

Creme solari minerali e chimiche

I filtri solari minerali includono ingredienti come l'ossido di zinco e il biossido di titanio, che si trovano sulla pelle per impedire fisicamente ai raggi UV di penetrare nella pelle. Sono in genere una scelta migliore per chi ha tipi di pelle sensibile, con opzioni popolari Superboo!, Mimitica, RENe Elefante ubriaco.

Al contrario, i filtri solari chimici consentono alla luce UV di entrare nella pelle, ma creano una reazione chimica in cui la luce UV viene convertita in calore, che poi si dissipa dalla pelle. È stato a lungo dimostrato che queste sostanze chimiche (con i nomi pazzi di cui sopra) danneggiano l'ambiente e potrebbero non essere altrettanto eccezionali per noi.

Di norma, le creme topiche devono sottoporsi a studi di sicurezza per i loro possibili effetti tossici, misurando la velocità con cui vengono assorbite dalla pelle. La Food and Drug Administration solo di recente ha raccomandato di testare anche la protezione solare in questo modo.

Test clinici hanno suggerito che gli ingredienti chimici per la protezione solare come l'avobenzone, l'ossibenzone, l'octocrilene e l'ecamsule vengono assorbiti nel flusso sanguigno a una velocità superiore rispetto ad altre creme raccomandate per i test di tossicità.

Anche se questo può sembrare spaventoso, i risultati non indicano che questi filtri solari siano dannosi per la nostra salute. In verità, i vantaggi di indossare in qualsiasi la protezione dai raggi UV supererà sempre gli effetti negativi dell'esposizione al sole non protetta.

A cosa voglio arrivare, allora?

Bene, sembra che siamo costretti a scegliere tra il minore dei due mali che ovviamente odiamo tutti, giusto?

Forse aiuterà sapere che gli esperti di biologia marina stanno pacificando il nostro dilemma sulla protezione solare ricordando che la minaccia globale più intensa per le barriere coralline è ancora riscaldamento globale.

Dicono che la mancanza di azione per il clima vedrà le acque più calde e l'acidificazione degli oceani cancellare questi ecosistemi più velocemente di qualsiasi tipo di protezione solare, il che è ciò che rende così importante la promozione di soluzioni di energia verde.

Tutto sommato, sembra che dovremmo procedere con cautela quando si tratta di affermazioni "sicure sulla barriera corallina" e resistere a risultati di ricerca più ampi. Ma supponendo che tutti vogliamo ridurre al minimo la nostra esposizione a sostanze chimiche non necessarie, è sicuro dire che la protezione solare minerale è la strada da percorrere.

Alexa, interpreta Starships di Nicki Minaj.

 

Terza Newsletter!

Iscriviti alla nostra newsletter per il pianeta positivo

Accessibilità