Cerca
Menu Menu

Opinione – Dovremmo avvicinarci alla bellezza compostabile con cautela

Con le tattiche di greenwashing sempre più difficili da navigare, i consumatori attenti all'ambiente rimangono scettici di fronte alle nuove parole d'ordine di sostenibilità adottate dai marchi che promuovono cosmetici e prodotti per la cura della pelle.

Man mano che il mondo diventa più attento all'ambiente, aumentano anche le aziende desiderose di generare entrate nell'era dell'iperconsapevolezza.

Anche se non è necessariamente una cosa negativa, in molte circostanze questo desiderio di mantenere l'interesse dei consumatori si è tradotto in una grande quantità di greenwashing, per cui i prodotti sono pubblicizzati come eco-compatibili quando, in realtà, ne sono lontani.

Questa strategia di marketing è discutibile più prevalente dentro la bellezza, uno dei pianeti peggiori delinquenti in termini di inquinamento da plastica, eppure un'industria che sembra sostenere tattiche come l'uso di un linguaggio eccessivamente "verde" sugli imballaggi per dare false impressioni di devozione ambientale.

L'esempio più recente di ciò è l'aumento vertiginoso della popolarità di 'cavedano' e 'naturale' cosmetici e prodotti per la cura della pelle, nonostante la difficile verità sul loro contributo all'attuale crisi climatica.

Per questo motivo, dopo aver scoperto che la bellezza compostabile aveva iniziato a farsi strada verso il mainstream, con i marchi già coinvolti nella sua distribuzione che lo chiamavano il "futuro della sostenibilità", ero scettico.

Ma come funziona effettivamente ed è giusto che ci avviciniamo al concetto con cautela?

Marchi di bellezza naturali biodegradabili

 

Una soluzione magica alla crisi degli imballaggi in plastica?

La plastica è ovunque. Per decenni scienziati, leader globali e attivisti si sono dati da fare per porre rimedio a un problema che non mostra segni di attenuazione grazie ai tassi di consumo sempre più insaziabili della società.

Sfortunatamente, la nostra prospettiva di acquisto, utilizzo e collocamento degli articoli che siamo regolarmente incoraggiati ad acquistare non fa che alimentare ulteriormente questo, particolarmente quando si parla di bellezza, settore che produce 120 miliardi di tonnellate di imballaggi usa e getta all'anno.

Riconoscendo che i rifiuti che questo crea è catastrofico per la Terra, alcuni marchi e produttori hanno rivolto la loro attenzione a opzioni alternative nel tentativo di arginare il flusso (perché – per quanto mi addolori dirlo – non possiamo più riciclare a modo nostro fuori da questo pasticcio).

Questi includono l'incorporazione di materiali compostabili come alghe, polpa di legno e mais nelle loro offerte. A guidare la mischia in questa sfera sono Haeckel, Sulla ripetizione, eticae Aprile, tutti desiderosi di abitare in un "mondo della bellezza post-plastica".

Compostaggio: il segreto per un bellissimo giardino — Ted Collins Tree & Landscape

Al momento, Haeckels è in prima linea in questo cambiamento, dopo essere passata all'utilizzo di imballaggi realizzati in Vivimer – una sostanza vegana realizzata con l'aiuto di microbi abbondanti nel suolo e negli ecosistemi marini che sembra plastica ma è completamente compostabile in casa.

Subito dietro ci sono On Repeat, le cui buste di ricarica si decompongono in compost in 34 settimane e aprile, il cui imballaggio è certificato per il compostaggio domestico, decomponendosi in circa sei mesi.

"Siamo campioni dei nuovi materiali, quindi penso che ci si aspettasse sempre che potessimo passare a imballaggi compostabili, ma ci sono molti rumori di compostabilità là fuori, quindi siamo stati molto concentrati sui test", afferma Charlie Vickery, amministratore delegato di Haeckels.

'Tutte le nostre affermazioni sulla compostabilità sono state verificate da un'azienda chiamata Provenienza. È tutto legittimo.'

Il marchio di prodotti per la cura della pelle naturale Haeckels lancia un packaging biodegradabile

 

O troppo bello per essere vero...

Circondati da parole d'ordine, non sorprende che i consumatori consapevoli cadano ripetutamente nelle trappole tese dai marchi che cercano ingannevolmente di vendere.

Ma con successo nell'identificare i loro significati di massima priorità se vogliamo mai navigare attraverso le maree del greenwashing, è importante capire in particolare la differenza tra "biodegradabile" e "compostabile", poiché sono spesso confusi.

Il primo può essere scomposto nell'ambiente naturale senza limiti di tempo su quanto tempo può o dovrebbe richiedere.

Il secondo richiede condizioni specifiche ed è soggetto a scale temporali per la decomposizione, motivo per cui le affermazioni dei marchi secondo cui i loro materiali sono "compostabili" dovrebbero essere sempre messe in discussione.

Sì, alcuni prodotti possono essere compostati su un mucchio in casa – indicato dalle certificazioni sulla confezione – ma nella maggior parte dei casi dovranno essere inviati a un impianto di compostaggio industriale perché richiedono una miscela di temperature molto elevate, elevata umidità e ossigeno da abbattere.

Impianto di compostaggio di Edmonton - Wikipedia

E considerando lì semplicemente non sono abbastanza di queste strutture per elaborare imballaggi compostabili su larga scala, qui sta il problema.

Su questa nota, anche se un marchio può dire i suoi materiali sono tecnicamente compostabili, non ha mezzi per garantire che venga effettivamente compostato, vanificando completamente l'oggetto.

"Comprensibilmente, marchi e designer hanno colto al volo l'opportunità di utilizzare materiali" compostabili "per i loro prodotti", afferma Sian Sutherland, Co-fondatore di Un pianeta di plastica (di chi ultimo rapporto scoperto che l'uso di materiali compostabili per bellezza non è raccomandato perché non aiutano a trasportare i rifiuti alimentari nel sistema dei rifiuti alimentari e alimentano un terreno sano).

'Ma c'è una domanda molto semplice da porsi all'inizio del processo di progettazione: aiuta a portare cibo e rifiuti organici dell'orto nel nostro sistema di compostaggio? Se la risposta è no, probabilmente è l'uso sbagliato.'

"Dobbiamo guardare oltre gli scambi diretti dalla plastica ai materiali compostabili a sistemi che evitino del tutto il monouso", aggiunge. "Calcolare l'impatto e conoscere i fatti è assolutamente necessario quando si tratta di assicurarsi che i materiali facciano ciò che gli è stato promesso".

Compostaggio industriale: cos'è e come funziona

 

Quindi compostare o non compostare?

Lungo e breve, la risposta rimane poco chiara.

Naturalmente, tenendo presente lo stato del pianeta, ogni tentativo di ridurre la nostra impronta di carbonio ed essere più gentili con la Terra è importante, non importa quanto piccolo.

Ma come allude Sutherland, dobbiamo guardare oltre, cioè verso coloro che hanno il potere di influenzare il cambiamento tangibile.

Pertanto, è necessario esercitare pressioni per aumentare l'efficienza del compostaggio in tutto il mondo con infrastrutture migliori in modo che i marchi non stiano inondando un sistema incapace di gestire il livello di materiali compostabili che stanno sfornando.

Greenwashing nel marketing e come individuarlo | Esempi 2022

Fino ad allora, per evitare che altra plastica venga incenerita o messa in discarica, noi, come consumatori, dobbiamo chiedere a un'industria basata sui rifiuti di utilizzare più materiali che restituiscano attivamente all'ambiente.

"Il compostabile è fantastico, nel giusto contesto e se diventa effettivamente compost, altrimenti è solo una cortina fumogena", conclude Sutherland. "O un cerotto diversivo sulla via del vero cambiamento."

Che is chiaro, tuttavia, è che una buona dose di scetticismo era davvero giustificata.

Speriamo che i giorni in cui potremo riempire i nostri armadietti del bagno senza pensarci due volte non siano lontani.

 

Terza Newsletter!

Iscriviti alla nostra newsletter per il pianeta positivo

Accessibilità