Cerca
Menu Menu

Il fondatore della Patagonia cede l'azienda "al pianeta Terra"

Yvon Chouinard sta trasferendo la proprietà della Patagonia – del valore di 3 miliardi di dollari – a un'organizzazione fiduciaria e senza scopo di lucro appositamente progettata che aiuterà a combattere la crisi climatica.

"Ehi, amici, abbiamo appena dato la nostra compagnia al pianeta Terra", ha twittato Patagonia ieri sera.

"OK, è più sfumato di così, ma oggi siamo chiusi per celebrare questo nuovo piano per salvare la nostra unica casa".

marchio di abbigliamento, rinomata per l'abbigliamento outdoor che vende da quasi cinque decenni, è da tempo un precursore nella spinta verso una maggiore sostenibilità nella moda.

Ad oggi, ha donato 140 milioni di dollari per il ripristino degli ecosistemi naturali.

Ora, andando ancora oltre dare l'esempio nella leadership aziendale ambientale, fondatore Yvon Chouinard sta trasferendo la proprietà, del valore di circa 3 miliardi di dollari, a due entità che aiuteranno a combattere la crisi climatica.

Sia il trust che l'organizzazione senza scopo di lucro sono stati appositamente progettati per preservare l'indipendenza della Patagonia e garantirla per tutti i nostri marchi storici dei suoi profitti (circa 100 milioni di dollari all'anno) vengono utilizzati per salvaguardare il futuro della Terra, oltre a proteggere i terreni non sviluppati in tutto il mondo.

Venendo in un momento di crescente controllo nei confronti dei miliardari e delle società che continuano a contribuire agli stessi problemi che affermano di essere dedicati a risolvere, la decisione di Chouinard di rinunciare alla sua fortuna è in linea con il suo duraturo disprezzo per le norme commerciali. Questo, e una vita spesa a prendersi cura profondamente dell'ambiente.

"Speriamo che questo influenzi una nuova forma di capitalismo che non finisca con pochi ricchi e un mucchio di poveri", ha detto Il New York Times in un'intervista esclusiva.

"Daremo via la massima quantità di denaro alle persone che stanno lavorando attivamente per salvare questo pianeta".

Come spiegato da Chouinard in una lettera aperta che ha scritto per l'annuncio, fin dall'inizio il suo unico scopo era usare la Patagonia per fare la cosa giusta.

Testimoniando l'entità del riscaldamento globale e della distruzione ecologica man mano che la sua azienda cresceva, cercò di cambiare il sistema.

Eppure, non importa quanti materiali eco-compatibili siano stati utilizzati nella fabbricazione dei prodotti Patagonia; quante vendite sono state donate; o quante certificazioni che affermano l'impegno del brand ha ricevuto negli anni, niente è bastato.

"Avevamo bisogno di trovare un modo per investire più soldi nella lotta alla crisi mantenendo intatti i valori dell'azienda", scrive Chouinard, delineando le due scelte che avrebbe potuto fare (vendere la Patagonia e donare tutti i soldi o renderla pubblica) ma ha scelto non perché uno non garantirebbe la perpetuazione della sua etica e l'altro minaccerebbe la responsabilità a lungo termine.

"A dire il vero, non c'erano buone opzioni disponibili", continua. "Quindi, abbiamo creato il nostro."

Come? Trasferindo permanentemente tutte le azioni con diritto di voto della Patagonia in un'entità di recente costituzione nota come Patagonia Purpose Trust.

Il restante 98% di Patagonia, le sue azioni ordinarie, è stato donato a un'organizzazione no-profit di recente costituzione chiamata Holdfast Collective, che da questo momento in poi riceverà tutti i profitti dell'azienda e utilizzerà quei fondi per combattere la crisi climatica.

"Se abbiamo qualche speranza in un pianeta fiorente tra 50 anni, è necessario che tutti noi facciamo tutto il possibile con le risorse che abbiamo", conclude Chouinard.

“Nonostante la sua immensità, le risorse della Terra non sono infinite ed è chiaro che abbiamo superato i suoi limiti. Ma è anche resistente. Possiamo salvare il nostro pianeta se ci impegniamo a farlo.'

 

Terza Newsletter!

Iscriviti alla nostra newsletter per il pianeta positivo

Accessibilità