Cerca
Menu Menu

In che modo il divieto di plastica della California sfiderà l'industria della bellezza

Il Golden State ha annunciato un nuovo disegno di legge che vieterà la vendita di plastica monouso entro il 2032. Cosa significa questo per le centinaia di marchi di bellezza che creano e vendono i loro prodotti in California?

La plastica è probabilmente il materiale sintetico più conveniente al mondo, ma è diventata un'arma a doppio taglio indistruttibile che danneggia il benessere degli esseri umani e dell'ambiente naturale.

Decenni di dipendenza da robuste bottiglie di plastica, pellicole e imballaggi hanno reso difficile l'eliminazione graduale, nonostante la nostra crescente consapevolezza delle sue conseguenze negative. Ciò è in parte dovuto al fatto che pochi governi hanno adottato misure legislative per realizzarlo, fino ad ora.

Lo stato della California ha annunciato una mossa storica per vietare la vendita di plastica monouso entro il 2032. E poiché lo stato della costa occidentale tende a dare il tono al resto d'America, molti credono che altri in tutta la nazione seguiranno presto l'esempio.

Cosa significa questo per l'industria della bellezza, uno dei principali responsabili dell'inquinamento da plastica? A livello globale, il settore produce 120 miliardi unità di imballaggio in plastica ogni anno – 95 per cento di cui non è riciclabile e gettato dopo un utilizzo.

Le aziende di bellezza con un mercato nel Golden State si affretteranno sicuramente a ripensare i loro modelli di design dei prodotti nei prossimi mesi, man mano che le scadenze per il divieto si avvicinano.

La nuova legge afferma che almeno il 30 per cento degli articoli di plastica venduti o acquistati in California devono essere riciclabili entro il 2028. Solo quattro anni dopo, nel 2032, tutti i prodotti venduti, distribuiti o importati nello stato dovranno essere riciclati, materiali ricaricabili o compostabili.

Secondo il disegno di legge, il mancato rispetto avrà pesanti conseguenze. Qualsiasi azienda o "entità" che continua a pompare imballaggi di plastica oltre le date specificate riceverà una pesante multa di $ 50,000 per giorno.

Oltre a tenere d'occhio le operazioni dei produttori, un gruppo di rappresentanti del settore formerà un'organizzazione di responsabilità del produttore, che sarà responsabile di un fondo per la mitigazione dell'inquinamento da plastica di 500 milioni di dollari all'anno.

Questo finanziamento annuale sarà destinato alla ricerca e all'indagine sugli impatti ambientali e sulla salute dei vari tipi di plastica.

Alcuni marchi di bellezza come Fenty, Kiehl's e Glossier stanno già aderendo a pratiche più rispettose dell'ambiente, creando programmi di riempimento che consentono ai clienti di conservare vasi, bottiglie e pompe originali per un uso più lungo.

Anche se tutto questo va bene, queste aziende producono ancora quantità significative di plastica nella loro confezione originale e nei metodi di spedizione.

Altri, come The Ordinary di Deciem, preferiscono bottiglie di vetro riciclabili e contagocce ecologici che possono essere rispediti ai distributori e probabilmente vedranno meno ostacoli quando adatteranno i loro prodotti al mercato californiano.

Mentre i programmi di ricarica e le bottiglie di vetro riducono sicuramente la quantità di plastica che finisce nelle nostre discariche, un divieto totale della plastica vedrà le aziende obbligate a ripensare il design dei prodotti, compresi i coloranti e le etichette adesive che rendono difficile il riciclaggio.

Sembra che la nuova legge stimolerà una revisione completa nella progettazione del prodotto, almeno in California per cominciare.

Il senatore dello stato californiano Ben Allen ha condotto per anni una campagna per convincere i legislatori ad affrontare la crisi dell'inquinamento da plastica, ma il respingimento dell'industria lo ha reso un "lungo viaggio".

Dopo aver assemblato un collegio di negoziatori, composto da principalmente donne, la decisione è stata presa nel palazzo del Campidoglio dove hanno celebrato all'esterno ambientalisti e sostenitori del disegno di legge.

"Con questa legislazione, la California continua la sua tradizione di leadership ambientale globale", Ben Allen detto al Los Angeles Times. "[La nuova legge] farà crescere i mercati, creerà incentivi per gli investimenti e fornirà strumenti ad altri stati e paesi per contribuire a fare la loro parte in questa lotta".

L'industria della bellezza non sarà la sola a sentire la pressione esercitata dalla nuova legge. Anche i negozi di alimentari, i fast-food e molti altri rivenditori dovranno salire a bordo, ma molti preoccupati per i pericoli della plastica direbbero che è giunto il momento.

Penso che Ben Allen abbia parlato a nome di tutti noi quando ha detto: "I nostri ragazzi meritano un futuro libero dai rifiuti di plastica e da tutti i suoi pericolosi impatti. Tutto, dall'ostruzione dei nostri oceani all'uccisione di animali, contaminando l'aria che respiriamo, l'acqua che beviamo e il cibo che mangiamo. Non più.'

 

Terza Newsletter!

Iscriviti alla nostra newsletter per il pianeta positivo

Accessibilità