Cerca
Menu Menu

Opinione – La collaborazione di Kourtney con Boohoo merita critiche

La star del reality è stata presa in giro sui social media per il suo nuovo ruolo di ambasciatrice della sostenibilità del marchio di fast fashion Boohoo. Ma anche se può essere difficile da credere, l'ultima collaborazione di Kardashian non è una cosa da ridere. 

Le star della realtà e la moda veloce non sono estranee l'una all'altra.

Nonostante fa passi da gigante questa relazione radicata e una crescita disprezzo per il fast fashion tra i giovani consumatori, la Gen Z è ancora dipendente a guardaroba economici e perennemente nuovi. E gli influencer rimangono pubblicità ambulanti per imitazioni in poliestere.

I reali della Reality TV, i Kardashian, hanno forse la maggiore autorità nello spingere l'ago del fast fashion.

Mai a corto di una nuova impresa commerciale, le sorelle Kim, Khloe, Kourtney, Kendall e Kylie hanno avuto ciascuna la loro giusta quota di controversie – i più recenti dei quali sono incentrati su una mancanza di coscienza ambientale.

Ma pochi giorni dopo lo era accusato di violazione A causa delle restrizioni alla siccità in California, Kourtney Kardashian Barker ha annunciato la sua ultima collaborazione con...Boohoo.

Bene, dico "annunciato", ma la stessa Kourtney è rimasta sospettosamente tranquilla nonostante la notizia del suo ruolo di "Ambasciatrice della sostenibilità" di Boohoo. Il che potrebbe avere qualcosa a che fare con tutto il lasco che ha ricevuto per questo.

A dichiarazione pubblicato da Barker questa settimana ha delineato il ragionamento della star per unire le forze con un marchio grossolanamente controverso. A quanto pare, era pienamente consapevole dei dubbi di Boohoo e ha comunque portato avanti l'accordo.

"Quando Boohoo mi ha contattato per la prima volta per collaborare a una linea, ero preoccupato per gli effetti dell'industria del fast fashion sul nostro pianeta. Ma Boohoo ha risposto con entusiasmo e desiderio di incorporare pratiche sostenibili nella nostra linea'.

Non solo l'ottimismo di Kourtney sulla partnership – nonostante la consapevolezza dei pericoli del fast fashion – è decisamente peggiore della palese ignoranza. È tagliato e asciugato per lavare il verde.

Barker si è fatta un nome al di fuori dei reality con il suo marchio POOSH. Il blog-come-website-come-eshop si propone come una bibbia della salute e del benessere per ricchi e belli, una sorta di spin-off della controversa società Goop di Gwyneth Paltrow.

Pensa alle maschere per il viso all'avocado, al tè dai nomi complessi e ai dubbi benefici per la salute e ai giocattoli sessuali sgargianti che ti rendono parti intime di 10 anni più giovane.

Questo "stile di vita verde" è diventato quello di Kourtney marchio personale in anni recenti. Rifiuta apertamente i giocattoli di plastica per i suoi figli, gli ingredienti artificiali nel suo cibo e le sostanze chimiche nella sua cura della pelle.

Ma c'è un tema ricorrente nello "stile di vita etico" di Barker: serve solo a beneficiarla. Come le sue sorelle, Kourtney vola ancora su jet privati, unendosi all'1% delle persone che causano il 50% del emissioni del trasporto aereo.

L'ultima impresa commerciale di Barker con Boohoo è solo un altro chiodo nella sua bara sostenibile. Una crepa nella lucida maschera di salute e benessere che ha coltivato con cura.

La sua risposta alla critica ha rivelato i dettagli della collaborazione, una capsule collection in due parti che utilizza pezzi vintage e tessuti riciclati. La linea da 45 pezzi varierà nel prezzo a partire da 5 € a 75 €.

Ma indipendentemente da quanto sarà sostenibile la collezione di Barker, lavorare con Boohoo, un marchio che ha dovuto affrontare accuse consistenti di schiavitù moderna, non può mai fare alcun vero "bene".

Il fast fashion è, per sua stessa natura, insostenibile. Promuove ingenti sprechi, manodopera sottopagata e livelli catastrofici di emissioni di carbonio utilizzando tessuti economici a base di plastica.

"Un ambasciatore della sostenibilità per Boohoo è come un consulente di etica per i conservatori" un netizen tweeted in risposta al nuovo ruolo di Barker, sottolineando l'ironia del lavaggio verde infondato di Boohoo.

Essere complici della produzione da parte di Boohoo di un numero ancora maggiore di prodotti, sostenibili o meno, incoraggia la crescita di un'azienda gravemente pericolosa e guida la domanda di fast fashion in tutto il mondo.

Con tutto il suo potere e la sua influenza, la decisione di Barker di capitalizzare su un marchio che fondamentalmente va contro tutto ciò che il suo stile di vita "verde" presumibilmente rappresenta, alla fine dimostra il nocciolo marcio del suo marketing personale.

Non solo rivela la sua immagine pubblica come una bugia, ma diffonde il messaggio che uno stile di vita "pulito", "etico" è solo per i ricchi e famosi.

Che un matcha latte di origine organica, a zero emissioni di carbonio, sia affascinante solo su un jet privato. Che le alternative vegane siano ambiziose solo quando sei sdraiato in una cabina armadio, piena di una montagna di vestiti mai indossati, in una villa piena di stanze non abitate, in un cortile pieno di irrigatori non regolamentati.

Lei può affermare di non 'avere tutte le risposte' alla crisi ambientale, ma Barker ne sa certamente abbastanza per aver costruito un'immagine di sé basata sul combatterla.

Assumendo il ruolo di ambasciatore della sostenibilità di Boohoo, tuttavia, Kourtney ha dimostrato che non si trattava affatto del pianeta. Piuttosto come raffinata e perfetta poteva rendere la propria vita, a spese di chiunque altro.

 

Terza Newsletter!

Iscriviti alla nostra newsletter per il pianeta positivo

Accessibilità