Cerca
Menu Menu

Vestiaire Collective vieta la rivendita di fast fashion sulla sua piattaforma

Cercando di combattere gli sprechi e incoraggiare i consumatori ad acquistare "qualità piuttosto che quantità", il pre-amato mercato online ha annunciato che ora vieterà l'acquisto, la vendita o l'elenco di marchi come ASOS, boohoo e SHEIN da parte dei suoi utenti.

L'acquisto di abbigliamento di seconda mano non è mai stato così facile e comune.

Offrendo ai consumatori un modo per recuperare i soldi per gli acquisti precedenti e contemporaneamente ridurre la loro impronta di carbonio dando ai capi una nuova prospettiva di vita invece di mandarli in discarica, le piattaforme che offrono questo servizio hanno è salito in popolarità.

Domanda costante su siti di fascia bassa come Depop, Vintede eBay, così come marchi di fascia alta tra cui Per rotazione, Evvivae Il vero reale, significa che l'industria pre-amata dovrebbe valere $ 84 miliardi entro 2030.

Ma con dropshipping ancora dilagante, prospera la cultura dell'usa e getta, e apparentemente nessuna fine in vista alla produzione di massa guidata dalle tendenze che sta distruggendo il nostro pianeta, la rivendita semplicemente non è sufficiente.

Vestiaire Collective ha recentemente deciso di vietare l'acquisto, la vendita o la quotazione dei marchi di fast fashion sulla sua piattaforma globale a causa di questa crescente necessità di essere più responsabili.

Questi includono ASOS, boohoo, Miss Selfridge, Nasty Gal e SHEIN, tra molti - molti - altri.

Conosciuto soprattutto per la sua impressionante gamma di prodotti di design, la mossa del mercato arriva subito dopo la COP27, dove i delegati discusso l'impatto della moda sul clima e ha concluso che "c'è un problema sistemico nella nostra economia che non incentiva la circolarità e il riciclo".

È anche giusto in tempo per il Black Friday, un evento annuale destinato a promuovere la spesa d'impulso.

Diventando la prima e unica azienda del suo genere a far rispettare tale regola, il divieto ha lo scopo di combattere gli sprechi e incoraggiare i consumatori ad acquistare "qualità piuttosto che quantità".

'Il fast fashion non ha valore, e ancor meno nella rivendita. Abbiamo fatto questo passo perché non vogliamo essere complici di questo settore che ha un enorme impatto ambientale e sociale", ha affermato il chief impact officer della B-Corp Corporation certificata, Dounia Wone, in una dichiarazione.

'L'attuale sistema incoraggia la sovrapproduzione e il consumo eccessivo di articoli di bassa qualità e genera enormi quantità di rifiuti tessili. È ora che intraprendiamo un'azione immediata e radicale contro di essa».

Tuttavia, mentre la risposta online a questo è stata finora ampiamente positiva, ci sono due problemi evidenti che gli attivisti si rifiutano di lasciar correre.

Per cominciare, poiché Vestiaire Collective è all'estremità superiore della rivendita, sostengono che il suo sfratto delle Pretty Little Things di questo mondo farà a malapena un'ammaccatura.

In secondo luogo, questo stratagemma di sostenibilità potrebbe avere il di fronte effetto di ciò per cui sta spingendo, poiché gli utenti potrebbero essere inclini a smaltire i propri vestiti prematuramente piuttosto che provare a rivenderli.

'Onestamente deluso da questo! Vietare il fast fashion lo manda in discarica prima ', ha postato il modello Scott Staniland su Instagram.

“Rimette anche i soldi nelle tasche dei marchi di fast fashion perché apriranno semplicemente le loro piattaforme di rivendita. Mi sembra elitario.'

Per placare queste preoccupazioni specifiche, Vestiaire Collective si è inoltre impegnata a trovare soluzioni pratiche come indossare, riparare, riciclare, upcycling e strategie di donazione costruttive.

E a prescindere da questi complicazioni, è difficile non vedere i progressi come positivi di fronte alla nostra attuale crisi, che viene significativamente catapultata in avanti dalle nostre insaziabili abitudini di acquisto.

 

Terza Newsletter!

Iscriviti alla nostra newsletter per il pianeta positivo

Accessibilità