Cerca
Menu Menu

VeryNile costruisce una piramide di plastica per evidenziare l'inquinamento dei fiumi

Lo scorso fine settimana, per celebrare la Giornata mondiale della pulizia, i volontari egiziani hanno costruito una piramide fatta di plastica raccolta sulle rive del fiume Nilo per sottolineare la conservazione ambientale.

Un gruppo di volontari in Egitto ha preso parte a un'esercitazione di pulizia lungo il fiume Nilo per evidenziare quanto sia importante proteggere l'ambiente e salvare la vita marina per combattere il cambiamento climatico.

L'Egitto si prepara a ospitare l'evento COP27 di quest'anno a novembre. L'attività di bonifica è stata lanciata da VeryNile, un'organizzazione non governativa dedicata alla protezione del fiume più lungo del mondo, il Nilo. La piramide stessa è stata costruita con circa 200,000 scarti di plastica raccolti dal fiume e pesa circa 7,500 chilogrammi.

La piramide di plastica indica quanto è grande il problema dell'inquinamento che colpisce il fiume rispetto al presenti piramidi egizie. Milioni di persone provenienti da Egitto, Sudan, Sud Sudan ed Etiopia dipendono dal fiume per l'agricoltura, l'acqua potabile e l'uso industriale. Tuttavia, l'aumento dell'inquinamento ha ridotto la produzione alimentare e limitato l'accesso all'acqua pulita soprattutto in Egitto.

VeryNile è supportato dal Ministero dell'Ambiente del paese e i materiali per la piramide sono stati raccolti da pescatori locali che sono stati pagati per ripulire le aree fluviali profonde dove solitamente operano.


Il problema dell'inquinamento del Nilo

La scarsità d'acqua colpisce attualmente milioni di persone che dipendono dal Nilo per l'uso quotidiano. Secondo le Nazioni Unite, la mancanza di precipitazioni dovuta al cambiamento delle condizioni meteorologiche ha lasciato la maggior parte del paese all'asciutto.

L'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO) stima che l'agricoltura rappresenti circa il 28% dell'occupazione totale in Egitto, contribuendo ad almeno l'11% del PIL del paese.

L'alimento base dell'Egitto è il riso, che dipende fortemente dall'acqua per la sua coltivazione e crescita. Gli agricoltori hanno ricevuto rigide restrizioni sull'uso dell'acqua e sull'accesso alla terra, spingendo molti a cercare altre colture alternative.

 

La plastica si impiglia nelle piante acquatiche che crescono lungo le sponde del Nilo, rendendo impossibile l'accesso ai volontari delle pulizie. Grazie all'aiuto dei pescatori, alcuni sono stati sgomberati nonostante le difficoltà.

Il Nilo è per lo più inquinato da rifiuti e perdite industriali non trattati. I rifiuti contengono sostanze chimiche pericolose per la vita e hanno influito sulla pesca.

Secondo l'ONU, la presenza di metalli pesanti nel fiume rappresenta un rischio per la salute della popolazione. Il piombo velenoso ha causato la morte di un gran numero di pesci e ha ridotto la produzione agricola nella maggior parte delle aree lungo il Nilo dove il suolo è fertile.


Qual è stata la risposta?

Il governo egiziano ha implementato leggi severe sullo smaltimento dei materiali di scarto nel fiume.

Le aziende dovrebbero trattare i rifiuti e smaltirli in modo responsabile per ridurre l'inquinamento delle acque. Inoltre, la regolamentazione del tipo e del numero di industrie che smaltiscono i propri rifiuti nel fiume Nilo ha consentito una facile pulizia del fiume da parte di organizzazioni e agenzie non governative.

Il Ministero dell'Agricoltura ha incoraggiato gli agricoltori a utilizzare l'acqua trattata per l'irrigazione. Ciò consente un aumento della produzione agricola che, a sua volta, consente ai lavoratori di soddisfare l'elevata domanda di riso e altri alimenti.

Le organizzazioni non governative come VeryNile si stanno attivando per educare e creare consapevolezza sull'importanza della protezione dell'ambiente.

 

Terza Newsletter!

Iscriviti alla nostra newsletter per il pianeta positivo

Accessibilità