Menu Menu

Una biblioteca mobile offre formazione ai giovani durante il conflitto nella Repubblica Democratica del Congo

L’iniziativa della biblioteca mobile, guidata dall’Istituto francese di Bukavu, sta trasformando il panorama dell’alfabetizzazione e dell’istruzione per i bambini nel paese colpito dal conflitto della Repubblica Democratica del Congo.

L’est della RDC è da decenni un punto caldo di conflitti, con la guerra civile e i gruppi armati che causano una diffusa instabilità.

Questa violenza incessante ha avuto un impatto devastante sul sistema educativo. Le scuole sono state distrutte e le famiglie sono state sfollate, rendendo l’istruzione un lusso irraggiungibile per molti bambini.

L' Nazioni unite Si stima che circa 15 milioni di bambini nella RDC abbiano un disperato bisogno di assistenza umanitaria a causa del conflitto in corso. Proprio la scorsa settimana, più di 41 persone, compresi bambini, sono state attaccate nei villaggi di Masala, Keme e Mahini, nella parte orientale del paese.

In risposta alla terribile situazione, il Istituto Francese di Bukavu ha lanciato l'iniziativa della biblioteca mobile denominata "Kitabus" - che in swahili si traduce in "Libri in inglese". Il progetto è pensato per portare libri e risorse educative direttamente ai bambini nelle scuole e nelle aree svantaggiate.

La biblioteca, ospitata in un furgone dai colori vivaci, è piena di scaffali di libri che coprono una vasta gamma di argomenti e livelli di lettura per accogliere i giovani.

La biblioteca mobile viaggia verso vari villaggi e insediamenti temporanei dove hanno trovato rifugio le famiglie sfollate. Questi luoghi sono spesso fuori dai sentieri battuti, luoghi in cui le biblioteche e le scuole tradizionali esistono in pochissimi numeri.

L'iniziativa non si limita a distribuire libri; fornisce un senso di normalità e continuità nella vita di questi bambini.

Per molti, è una rara opportunità di impegnarsi in un’attività educativa che possa offrire una via di fuga dalla dura realtà della loro vita quotidiana. La lettura diventa un’ancora di salvezza, un modo per sognare, imparare e immaginare un futuro migliore.

Inoltre, comprende sessioni di narrazione, club di lettura e lezioni di alfabetizzazione di base condotte da volontari formati.

Secondo il Fondo per l'infanzia delle Nazioni Unite (UNICEF), la RDC ha uno dei numeri più alti al mondo di bambini che non frequentano la scuola. Quasi 7 milioni di bambini di età compresa tra 5 e 17 anni costituiscono questa popolazione e le ragazze sono particolarmente svantaggiate.

Il conflitto in corso ha esacerbato questa crisi, con molti bambini costretti ad abbandonare la scuola per fuggire dalla violenza.

Nonostante le difficoltà, la biblioteca mobile dimostra la resilienza e la determinazione dell’organizzazione nel fornire istruzione e senso di comunità ai giovani della nazione. Dimostra che anche nelle circostanze più difficili stanno emergendo soluzioni creative.

Attualmente sono stati raggiunti migliaia di bambini, instillando la gioia della lettura e la speranza in un futuro migliore.

Man mano che l’iniziativa continua a crescere, ci sono piani per espandere la sua portata, aggiungere più libri alla collezione e integrare risorse digitali per migliorare l’esperienza di apprendimento. L’obiettivo è garantire che ogni bambino nella parte orientale della RDC abbia accesso a un’istruzione di qualità, indipendentemente dalle circostanze in cui si trova.

In una terra dove le ombre della guerra incombono, la biblioteca mobile è un simbolo commovente di speranza e possibilità.

Accessibilità