Cerca
Menu Menu

Tutto quello che c'è da sapere dopo la COP27

I 27 paesith Il vertice annuale delle Nazioni Unite sul clima si è concluso venerdì a Sharm el-Sheikh, in Egitto. Ecco una carrellata di ciò che è stato raggiunto, ciò che ha mancato il bersaglio e i punti più importanti sollevati dai 13 attivisti della Gen Z con cui abbiamo avuto conversazioni tematiche nelle ultime due settimane.

Anche se la COP27 doveva concludersi venerdì scorso, i delegati hanno lavorato furiosamente alle decisioni finali fino al fine settimana.

Lo sul risultato dell'ultimo vertice delle Nazioni Unite sul clima sono stati svelati solo domenica mattina dopo che estenuanti dibattiti sui finanziamenti e sulle emissioni di combustibili fossili hanno costretto i negoziati a trascinarsi per quasi due giorni in più del previsto.

I paesi non si sono impegnati a eliminare gradualmente, o addirittura a ridurre gradualmente, tutti i combustibili fossili. È un'evidente omissione che allarma scienziati ed esperti del clima che avvertono che sono necessarie azioni più forti e tagli più netti per limitare il riscaldamento.

Tuttavia, le deliberazioni ha fatto culminare in una svolta fondamentale, che è stato un accordo molto combattuto per istituire un fondo "perdite e danni". Ciò offrirà alle nazioni vulnerabili assistenza finanziaria nell'affrontare i disastri naturali da cui sono colpite.

Esaminiamo i principali risultati delle ultime due settimane. I risultati hanno preso le misure necessarie per affrontare adeguatamente la crisi che stiamo esaurendo il tempo per affrontare?

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da earthrise (@earthrise.studio)

Cosa è stato ottenuto alla COP27?

Perdita e danni

Dopo trent'anni di pressioni da parte dei paesi in via di sviluppo, l'UE ha fatto un'inversione a U dell'ultimo minuto per bloccare gli sforzi per perdite e danni.

Il risultato - che è stato salutato come il progresso più significativo dall'accordo di Parigi alla COP15 - è a nuova disposizione che istituisce un fondo per aiutare i paesi a basso reddito e fortemente colpiti a sostenere i costi immediati di eventi meteorologici estremi causati dal riscaldamento globale.

Secondo l'accordo, il fondo attingerà inizialmente ai contributi dei paesi sviluppati e di altre fonti pubbliche e private come le istituzioni finanziarie internazionali per aiutare queste nazioni a ricostruire le loro infrastrutture fisiche e sociali.

Anche se le questioni più controverse riguardanti il ​​fondo (come quali saranno i criteri per attivare un pagamento e come esattamente il denaro dovrebbe essere fornito) sono state spinte nei colloqui che si terranno il prossimo anno, la sua adozione mostra una dedizione a ricostruire la fiducia e la resistenza solidarietà con il Sud del mondo.

La Cop27 approva lo storico fondo "perdite e danni" per l'impatto climatico nei paesi in via di sviluppo | Cop27 | Il guardiano


Adattamento rispetto alla mitigazione

Mentre la mitigazione è stata a lungo al centro dei negoziati su dove indirizzare i finanziamenti per il clima, i leader mondiali alla COP27 si sono assicurati di evidenziare la necessità di maggiori adattamento soluzioni mirate.

In breve, riconoscere il lasso di tempo in continua diminuzione che dobbiamo ridurre Vista la gravità della crisi, hanno rivolto la loro attenzione a come le nazioni dovrebbero aggirarla per diventare più resilienti agli impatti del collasso ecologico.

Il risultato di questo è un globale completo lista di cose da fare per aiutare a migliorare la resilienza di oltre quattro miliardi di persone contro i rischi legati al clima, con misure proposte tra cui difese contro le inondazioni, dighe, conservazione delle zone umide, ripristino delle paludi di mangrovie e ricrescita delle foreste.

Sulla base di ciò, le Nazioni Unite hanno lanciato un nuovo piano d'azione (in cui chiede ai governi di investire 3.1 miliardi di dollari) per implementare sistemi di allerta precoce nelle regioni fragili.

Come si sta adattando il Regno Unito ai cambiamenti climatici? Riflettori puntati sulla salute


Tutela della biodiversità

Nonostante le preoccupazioni che non si sia detto abbastanza sulla natura prima della COP15, una conferenza sulla biodiversità appositamente dedicata e separata, le speranze sono state alimentate dalla presenza del nuovo presidente del Brasile, Lula de Silva, che si è impegnato a fare tutto ciò che è in suo potere per salvare le foreste pluviali del suo paese – in contrasto con i timori degli anni precedenti sul loro destino sotto Bolsonaro.

Dedicato alla drastica riduzione della deforestazione in Amazzonia, ha confermato che il Brasile sta cercando una cooperazione con l'Indonesia e la RDC sulla conservazione, nonché la creazione di un consiglio di leader indigeni con i quali cerca di collaborare più strettamente per proteggere la biodiversità del Brasile .

Non solo questo, ma circa 140 paesi hanno lanciato ufficialmente il Foreste e partenariato di Leader per il clima arrestare e invertire la perdita di foreste e il degrado del suolo entro il 2030, garantendo al contempo uno sviluppo sostenibile e promuovendo una trasformazione rurale inclusiva.

Il greenwashing può salvare i polmoni della terra? — Il secondo angolo

Altri risultati degni di nota includono la pubblicazione di un documento di "linee guida" net zero destinato a essere un "testo di riferimento unico" per le organizzazioni che desiderano creare obiettivi significativi in ​​modo credibile, gli Stati Uniti hanno raddoppiato il loro precedente impegno da $ 4 a $ 8 miliardi per preparare l'agricoltura settore per gli effetti del cambiamento climatico e la Germania che firma un accordo con l'Egitto per promuovere l'idrogeno verde.

L'accordo COP27 afferma inoltre che "salvaguardare la sicurezza alimentare e porre fine alla fame" è una priorità fondamentale e che le comunità possono proteggersi meglio dagli effetti del clima se i sistemi idrici sono protetti e conservati. Tuttavia, indipendentemente da quanto siano gradite queste nuove aggiunte, non sono supportate da azioni che devono essere intraprese né da alcun finanziamento dedicato per promuoverle.

 

Cosa ha mancato il bersaglio?

I governi dovrebbero impegnarsi a eliminare gradualmente i combustibili fossili alla COP27 | Human Rights Watch

Al di fuori di questi risultati, i progressi sono stati limitati.

Per cominciare, l'eliminazione graduale obbligatoria dei combustibili fossili è stata notevolmente assente dalle discussioni, nonostante l'impegno al vertice dello scorso anno di iniziare almeno a ridurre l'estrazione di carbone e una presenza industriale più forte del solito a quest'anno.

Infatti, anche se alcuni paesi – sorprendentemente guidati dall'India – hanno espresso la loro ambizioni per smettere di bruciare gas, petrolio, e carbone (che rappresenta il 40% di tutte le emissioni annuali) alla COP27, questa proposta è fallita e la risoluzione raggiunta è stata la stessa di quella di Glasgow.

Ciò ha molto a che fare con l'attuale crisi energetica innescata da L'invasione russa dell'Ucraina, che ha avuto un grande risalto durante i negoziati e ha visto il linguaggio che chiedeva un'eliminazione graduale dei combustibili fossili eliminato dal testo finale.

Al suo posto ora c'è un riferimento a "basse emissioni e energie rinnovabili", considerata una scappatoia problematica che potrebbe consentire lo sviluppo di ulteriori risorse di gas, poiché il gas produce meno emissioni del carbone.

Infine, al danno si aggiunge la beffa, mentre uno degli obiettivi primari della COP27 era quello di rafforzare la COP26 impegni sulle emissioni – che sono disperatamente necessari per garantire che il riscaldamento globale sia limitato a 1.5 gradi Celsius – nessun impegno del genere è stato preso in Egitto.

Piuttosto, alcuni paesi hanno effettivamente cercato di fare marcia indietro sulle loro promesse di rimanere entro il limite e di abolire il meccanismo a cricchetto.

Grafico a barre che mostra come il mondo si è riscaldato tra il 1850 e il 2020

Fortunatamente, hanno fallito, ma una risoluzione per causare il picco delle emissioni entro il 2025 è stata rimossa dal testo finale, con sgomento di coloro che hanno familiarità con i recenti avvertimenti dell'IPCC sulle catastrofi che si verificheranno se non agiamo presto.

Tra questi vi sono il riscaldamento dell'Amazzonia, che potrebbe trasformare la foresta pluviale in savana, trasformandola da serbatoio di carbonio a fonte di carbonio, e lo scioglimento del permafrost che potrebbe innescare una "bomba a orologeria del metano".

Ciò ha portato molti a concludere che il mondo è destinato a riscaldarsi oltre questo limite, un'aspettativa azzeccata dato che c'è una probabilità cinquanta e cinquanta che probabilmente lo supereremo definitivamente entro il 2031.

Per un anno annunciato per essere tutto incentrato sull'"implementazione", sembra che non siamo stati all'altezza.

«Non c'è stato alcun passo indietro. Che di conseguenza, si potrebbe dire, è molto poco ambizioso. E sarei davvero d'accordo', dice il segretario esecutivo delle Nazioni Unite per il clima, Simon Stiell The Associated Press.

'Per dire che abbiamo, siamo rimasti fermi. Sì, non è fantastico.'

Questo è un sentimento ripreso dai 13 attivisti della Generazione Z con cui abbiamo parlato durante la COP27, i quali hanno condiviso preziosi spunti su come dovremmo sentirci riguardo agli argomenti trattati al vertice di quest'anno.

In conversazione con 13 attivisti della Gen Z

Melati Wijsen – Giornata mondiale dei leader

tre: Con le turbolenze politiche e la spirale economica che oscurano i nostri obiettivi climatici, le attuali promesse sono troppo ambiziose o irrealistiche? Riusciremo mai davvero a raggiungerli?

melati: Date le circostanze attuali, penso che siano a portata di mano e dovrebbero essere la priorità per tutti. Se non iniziamo a concentrarci sul cambiamento climatico ci saranno più guerre e pandemie.

Trifoglio Hogan – Giornata mondiale dei leader

tre: Nel contesto degli sforzi precedenti (o della loro mancanza), ritieni che gli obiettivi delineati finora siano raggiungibili o troppo ambiziosi? In base a cosa dovremmo misurare il successo delle discussioni?

Trifoglio: Anche se molti leader mondiali negano, l'urgenza di queste soluzioni è difficile da ignorare. Vedremo un cambiamento climatico fuori controllo in molte parti del mondo se non riusciamo a limitare le emissioni e questo è terrificante perché anche molti degli impegni globali che sono stati presi finora non ci mettono su quella strada, per non parlare dell'azione. Ci sono già così tante persone che vivono attraverso il cambiamento climatico, che sono già sfollate, che stanno già perdendo la vita e i mezzi di sussistenza. Non hanno scelta per dire che è troppo tardi o troppo lontano. Per loro, è fare o morire.

Oluwaseyi Moejo – Giornata della Finanza

tre: Di volta in volta, i paesi ad alto reddito non sono riusciti a rispettare i loro impegni di finanziamento per il clima. Pensi che queste promesse saranno mai soddisfatte con azioni reali?

Oluwaseyi: È stato triste vedere quanto sia lento il processo per ottenere un'azione dai nostri leader. Ci sono state così tante promesse, parole, impegni e discorsi fantasiosi nel corso degli anni. Il fatto che abbiamo tenuto più di 27 conferenze sul clima, alcune anche prima che io - o la maggior parte della Gen Z - nascessi, significa che questo è in corso e sta ancora accadendo. Dobbiamo capire che sono in gioco delle vite. La gente dice che la COP di quest'anno riguarda l'attuazione. Quindi quali strutture stiamo mettendo in atto per garantire che governi e presidenti riferiscano i loro progressi durante tutto l'anno e prima della prossima riunione? Il tempo non è nelle nostre mani.

Ann Makosinski – Giornata della scienza

tre: Cosa ne pensi del vertice di quest'anno?

Ann: Greta Thunberg ha accusato la COP27 di essere un esercizio di greenwashing, cosa che capisco perfettamente visto il numero di jet privati ​​che hanno volato all'evento. Per non parlare del fatto che la Coca-Cola è uno dei maggiori sponsor della COP quest'anno, il che è piuttosto contraddittorio. Hanno i soldi, certo, ma anche – cosa dicono? Devi seguire il discorso.

Shelot Massithi – Giornata dei giovani e delle generazioni future

tre: Attualmente, la struttura della COP è intrinsecamente priva di potere per i giovani, dalle regole su come si possono tenere le azioni (ad esempio le proteste), alle limitazioni sull'accesso. Ciò aggrava in modo sproporzionato le sfide che già devono affrontare i gruppi storicamente emarginati. Come si possono correggere questi problemi e finora abbiamo assistito a miglioramenti?

Shelot: È una questione sistemica e strutturale. Al di là dell'inaccessibilità della COP, i nostri governi nel Sud del mondo non stanno nemmeno facendo abbastanza. Sono sottofinanziati senza una ragione esplicita sul perché. Ci sono molti "perché". Senza risposte, cercheremo sempre di capire cosa ci viene nutrito in superficie e non navighiamo sui "perché". Dovremmo demolire la gerarchia che vede le generazioni più anziane prendere tutte le decisioni.

Pietro Havers – Giornata dei giovani e delle generazioni future

tre: Perché è così essenziale che i giovani siano il cambiamento che vogliono vedere?

Peter: Perché dobbiamo convivere a lungo con gli effetti della crisi climatica. Probabilmente abbiamo più da perdere e quindi abbiamo il più forte incentivo ad agire.

Michael Backlund – Giornata della decarbonizzazione

tre: Cosa speri di vedere dalle conversazioni di oggi?

Michael: una maggiore attenzione all'istruzione, attualmente poco prioritaria. Come facciamo a sapere quali strumenti sono disponibili per ridurre la nostra impronta di carbonio e come possiamo scegliere i migliori? In che modo la singola persona può sentire che i propri soldi stanno andando in un posto che li aiuta davvero? Penso che sia il grande elefante nella stanza. Tutti qui parlano di quanto sarà meraviglioso quando la società sarà in grado di compensare tutto in modo affidabile, eppure si concentrano solo sulla parte di convalida. Personalmente penso che ci siano molte false speranze nell'aspettarsi che le persone utilizzino questi strumenti.

Catalina Santelices – Giornata del genere

tre: Credi che la COP27 possa soddisfare i bisogni primari delle donne e delle ragazze in prima linea (politiche integrate, aiuti finanziari e una migliore cooperazione regionale sono alcuni esempi)?

Catalina: Non credo che COP li salverà. Le decisioni prese oggi non raggiungeranno le donne e le ragazze in prima linea. Non ora, non per gli anni a venire. Ciò che aiuta davvero, tuttavia, è entrare in contatto con persone al di fuori dei negoziati. Perché dentro quelle stanze non si proiettano i bisogni delle persone, solo interessi privati. Sono i soldi sulle vite al momento.

Bodhi Patil e Nyombi Morris – Giornata dell'acqua

tre: Potresti condividere alcune delle strategie di mitigazione che speri di vedere implementate?

Bodhi: Sentiamo sempre l'idea che richiede ai consumatori di essere responsabili. Ma gli inquinatori - grandi società di fracking, petrolio e gas - sono finanziati da industrie multinazionali come Coke, Pepsi e Unilever. Sono loro la fonte del problema e non spetta ai consumatori portare questo fardello. Quindi sfido tutti a rilasciare quel fardello e concentrarsi sull'apportare cambiamenti sistemici.

Nyombi: Voglio aggiungere che il cambiamento comportamentale negli individui è una nozione proposta dagli inquinatori in modo che ci preoccupiamo, anche se loro non lo fanno. A volte non possiamo smettere di acquistare prodotti in plastica perché ne abbiamo bisogno. Le aziende che hanno il potere di cambiare stanno dando la priorità al denaro rispetto alle nostre vite. Ecco perché dico che chi inquina deve pagare. Dobbiamo ritenere ognuno di loro responsabile.

Ghislaine Fandel – Giornata dell'energia

tre: Sebbene le persone, i politici e le aziende siano ora ben consapevoli delle implicazioni dell'inazione sui combustibili fossili, l'energia sostenibile costituisce ancora una parte considerevolmente piccola di ciò che usiamo quotidianamente. Perché pensi che non ci sia stato ancora un passo più deciso verso opzioni sostenibili, nonostante fossimo così chiaramente consapevoli della necessità di cambiare?

ghislaine: Quando si accoppia la miopia di molti politici con un'industria che è così disposta a fare tutto il necessario per massimizzare i propri profitti e rimanere rilevante in senso economico – anche in senso politico – con l'imperialismo e il neo- mentalità coloniale che sta dettando le relazioni tra i paesi in questo momento, porta a dove siamo oggi: di fronte a una mancanza di azione decisiva che consenta una transizione energetica pulita, giusta ed equa. È importante accettare che sarà necessario ridurre i consumi per consentire questa transizione.

Kasha Slavner – Giornata della Biodiversità

tre: Mentre ci avviciniamo agli ultimi giorni del vertice, quanto siete fiduciosi che vengano concordate politiche per limitare gli effetti del riscaldamento globale in futuro?

Kasha: Il Nord del mondo non si impegna a fermare l'espansione dei combustibili fossili per l'estrazione di petrolio e gas, che è una delle cose fondamentali di cui abbiamo bisogno per impedirci di superare il nostro limite di 1.5 gradi. Eppure il linguaggio del convegno si concentra su questo essere il traguardo, quando in realtà è un limite da non superare. Ecco perché esiste l'accordo di Parigi, perché abbiamo quel limite che ci impedirà di vedere disastri climatici e impatti molto più grandi che colpiscono le persone su vasta scala. Abbiamo urgentemente bisogno di cambiare il modo in cui consideriamo un aumento della temperatura globale di 1.5 gradi Celsius come obiettivo perché questo rischio toglie parte della responsabilità.

Fazeela Mubarak – Giornata delle soluzioni

tre: Quali impegni sono necessari per sostenere le comunità che sopportano il peso maggiore nelle regioni fragili? Credi che la COP27 abbia adeguatamente affrontato le esigenze di coloro che sono in prima linea e perché è così essenziale che le loro specifiche vulnerabilità siano al centro dell'attenzione?

Fazeela: Non possiamo riporre la nostra fiducia in individui di alto livello fino a quando non vediamo che non fanno più affidamento sulle entrate. Quanto tempo dobbiamo aspettare prima di avere qualcosa di concreto che farà davvero la differenza per comunità come la mia? Queste sono riparazioni e sono attese da tempo. Siamo stati sfruttati così tanto dal nord del mondo, quindi è giusto che ora ci venga dato ciò di cui abbiamo bisogno per sostenerci durante una crisi che non abbiamo creato noi.

 

Terza Newsletter!

Iscriviti alla nostra newsletter per il pianeta positivo

Accessibilità