Cerca
Menu Menu

Fare il cibo con l'aria è uno spettacolo o una soluzione nutritiva?

Una società chiamata "Solar Foods" ha sviluppato una fonte naturale di proteine ​​costituita da nient'altro che aria ed elettricità. Questa meraviglia tecnologica ha il potenziale per nutrire il mondo in modo sostenibile?

Produrre cibo con nient'altro che aria ed elettricità potrebbe sembrare inverosimile, ma la start-up finlandese "Solar Foods" ha trasformato la fantasia in realtà.

Ha scoperto un modo per trasformare la CO2 dall'aria al cibo per un tipo di batteri che producono proteine ​​commestibili.

L'azienda ha recentemente annunciato di aver scoperto un modo per trasformare la CO2 dall'aria al cibo per un tipo specifico di batteri. Questo batterio produce quindi proteine ​​commestibili.

La parte migliore: quando viene alimentato utilizzando pannelli solari, il processo ha quasi no impronta ecologica.

È stato suggerito che questa innovazione "cibo dall'aria" potrebbe offrire una soluzione sostenibile per nutrire l'umanità in futuro, ma stiamo andando oltre noi stessi?


Quali sono i problemi con i processi alimentari tradizionali?

Trovare un modo per nutrire in modo sostenibile le future popolazioni umane senza distruggere il pianeta è la sfida più grande della nostra vita. L'incessante aumento della popolazione umana è alimentato dal nostro consumo delle risorse naturali del mondo e ogni anno l'umanità abbatte circa 15 miliardi di alberi maturi per terreni agricoli.

Circa il 50% della superficie abitabile della terra è ricoperta da terreni agricoli e questa percentuale è in aumento, causando la perdita dell'habitat, che è attualmente il più grande killer della fauna selvatica esistente.

In particolare, le foreste di tutto il mondo, come l'Amazzonia, vengono abbattute per coltivare la soia, ricca di proteine ​​e quindi essenziale per una grande varietà di alimenti trasformati e per l'alimentazione degli animali da allevamento.


Quale potrebbe essere la soluzione?

'Solein', la polvere proteica prodotta da nient'altro che dall'aria, potrebbe essere una soluzione alla crisi dell'uso del suolo.

Scollegare la produzione alimentare dall'agricoltura e dall'uso del suolo non solo la rende sostenibile, ma significa anche che possiamo produrre cibo ovunque, nel deserto, nell'Artico o persino nello spazio!

Secondo il CEO di Solar Foods, Pasi Vainikka, un kg di "Solein" può fornire l'assunzione giornaliera raccomandata di proteine ​​fino a dieci. La sua produzione richiede solo una frazione dello spazio occupato dall'agricoltura convenzionale.

Per produrre la polvere, Solar Foods utilizza prima l'elettricità dei pannelli solari per dividere l'acqua, rilasciando idrogeno. Questo idrogeno viene quindi aggiunto all'anidride carbonica insieme ad altri nutrienti come potassio, sodio e fosforo e somministrato ai batteri dal suolo.

I batteri trasforma questa sostanza chimica in materia organica ricca di proteine ​​e lo fa in modo molto più efficiente della fotosintesi dalle piante tradizionali.

Infatti, Solar Foods può convertire l'elettricità in cibo con circa il 20% di efficienza, che è molte volte superiore alla fotosintesi.

Questa nuova innovazione, quindi, è potenzialmente una soluzione migliore delle colture. Le analisi più accurate pubblicate fino ad oggi suggeriscono che questo processo potrebbe produrre dieci volte più proteine ​​rispetto all'agricoltura convenzionale su un dato appezzamento di terreno.


Possiamo davvero salvare il pianeta producendo cibo dall'aria?  

Sebbene non vi siano dubbi sul fatto che il cibo dall'aria sia una svolta tecnologica, gli scettici hanno discusso se sia davvero adatto all'uso su scala globale.

Da un lato, Solar Foods ha creato una tecnologia con un potenziale immenso. Ad esempio, la produzione di "Solein" al posto dei semi di soia consentirebbe 10 km2 di campi da trasformare in 1 km2 di pannelli solari, dove gli altri nove possono essere rimboschiti.

La start-up costa la sua polvere proteica a circa 6-9 sterline al chilo, che è competitiva con le proteine ​​​​vegetali e animali sul mercato.

La polvere è anche molto versatile. I fondatori suggeriscono che "Solein" può essere aggiunto agli alimenti esistenti come integratore, utilizzato in alternative alla carne a base vegetale o come fonte di amminoacidi per la creazione di carni coltivate in laboratorio.

Nonostante questi vantaggi, sono state sollevate alcune potenziali preoccupazioni.

Per prima cosa, il processo richiede ancora idrogeno e attualmente non abbiamo abbastanza energia rinnovabile per alimentare il processo altamente inefficiente dell'elettrolisi (scissione dell'acqua) per ottenere idrogeno su scala globale.

Mettere enormi quantità di energia rinnovabile nella produzione di idrogeno può vanificare gli sforzi esistenti per limitare il cambiamento climatico, che rappresenta una minaccia altrettanto grande per la fauna selvatica.

Infine, c'è anche una questione di domanda e se le proteine ​​in polvere ricavate dall'aria e dall'elettricità saranno anche attraenti per i consumatori, se effettua raggiungere il mercato.

Il professor Peter Tyedmers (della Dalhousie University in Nuova Scozia) ritiene che il progetto sia impossibile da portare a un livello tale da poter competere con l'attuale sistema agricolo. Suggerisce che il suo prezzo è ancora troppo alto per affrontare l'insicurezza alimentare globale, poiché il prodotto non sarebbe mai alla portata dei più poveri.

Sebbene "Solein" possa essere una meraviglia tecnologica, sostiene, lo è non un sistema alimentare.


Solo il tempo lo dirà…

Resta da vedere se il "cibo dal nulla" sia davvero il futuro del nutrire l'umanità.

Solar Foods ha appena ricevuto un finanziamento di 10 milioni di euro dal fondo finlandese per il clima che le consentirà di avviare la produzione su scala commerciale di "Solein". La società aprirà il suo primo impianto industriale in Finlandia entro il 2023.

Nel frattempo, dobbiamo continuare a fare tutto il possibile per ridurre al minimo l'uso dei terreni agricoli mangiando meno carne e continuando ad aumentare i raccolti adottando supercolture geneticamente modificate.


Questo articolo è stato originariamente scritto da Chiara Pfeiffer. 'Ciao! Sono Chiara (lei/lei) e sono una laureanda in biologia all'Università di Oxford, attualmente tirocinante presso Thred. Sono appassionato di tutto ciò che riguarda l'innovazione, il cambiamento sociale e l'uso della scienza per costruire un futuro più sostenibile per il nostro pianeta.'

 

Terza Newsletter!

Iscriviti alla nostra newsletter per il pianeta positivo

Accessibilità