Cerca
Menu Menu

Spiegata la crisi del confine tra Ucraina e Russia

Le tensioni tra Ucraina e Russia sono state le più alte degli ultimi anni. Un accumulo di truppe russe vicino ai confini delle due nazioni alla fine portò a un'invasione su vasta scala, provocando la condanna universale da parte dell'Occidente.

Aggiornamento 28 / 02 / 22: Mesi dopo il lento accumulo della Russia lungo il confine ucraino, Putin ha annunciato che stava lanciando una "operazione militare speciale" in Ucraina. Questo è stato seguito da segnalazioni di esplosioni intorno alle città, compresa la capitale Kiev, una drammatica escalation che ora vede l'Europa assistere alla sua prima grande guerra da decenni. L'attacco arriva dopo i ripetuti avvertimenti che un'invasione più ampia era imminente e dopo che gli Stati Uniti ei suoi alleati europei hanno imposto un'imposizione significativa sanzioni su Mosca. Putin ha sia negato il diritto dell'Ucraina di esistere in modo indipendente radunandosi contro l'Occidente e ha chiesto il ritiro del dispiegamento di truppe in alcuni stati dell'ex Unione Sovietica, che porterebbe indietro di decenni l'orologio La sicurezza dell'Europa e l'allineamento geopolitico. Ora, l'aggressione di Putin potrebbe portare al conflitto più devastante del continente dalla seconda guerra mondiale, costando migliaia di vite civili e creando centinaia di migliaia di rifugiati in fuga dalle violenze in Ucraina. Ecco come puoi aiutare:

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da thred. (@thredmag)

Con le tensioni tra Ucraina e Russia ai massimi degli ultimi anni, gli occhi del mondo sono puntati sull'Ucraina mentre oltre 100,000 soldati russi si ammassano al confine tra gli avvertimenti di un'imminente grande invasione.

Sebbene gli Stati Uniti, NATO , e l'Unione Europea ha messo in guardia la Russia contro qualsiasi aggressione, insistendo sul fatto che ci saranno ritorsioni se attacca l'Ucraina, i timori di un conflitto totale continuano a crescere, spingendo il Pentagono a mettere in allerta circa 8,000 soldati per un possibile dispiegamento in Europa.

Quindi, cosa sta realmente accadendo, dove è iniziato tutto e come potrebbe svolgersi la crisi? Il quadro è complicato, ma ecco una ripartizione di ciò che sappiamo.

Come sono storicamente legate l'Ucraina e la Russia?

Per comprendere meglio le tensioni tra Ucraina e Russia, vale la pena dare un'occhiata alla storia.

Durante la Guerra Fredda, l'Europa è stata divisa più o meno in due: i paesi della NATO a ovest e il Patto di Varsavia sotto il dominio di Mosca a est. Dopo la Guerra Fredda, tuttavia, paese dopo paese ha cercato di aderire alla NATO e, nei decenni successivi, si è spostata fino ai confini della Russia.

Ora, mentre una parte significativa dell'Europa centrale e orientale è divisa dal Carpazi catena montuosa, una vasta distesa di pianura si trova a nord, attraverso la quale molti hanno invaso con successo la Russia, rendendo i suoi leader estremamente nervosi.

Desiderosa di colmare il divario e impedire l'accesso da questa direzione, la Russia sta quindi cercando di occuparlo o, per lo meno, di dominarlo.

Nel 2014, ha tentato di farlo annettendo la penisola di Crimea (dopo che il presidente amichevole di Mosca del paese è stato cacciato dal potere da proteste di massa) e il suo porto di acqua calda di Sebastopol, che ha dato alla flotta russa l'accesso dal Mar Nero, in il Mediterraneo e da lì, sulle grandi rotte oceaniche del mondo.

Ha anche fomentato la guerra civile nella regione del Donbass per creare una piccola "zona cuscinetto", un'insurrezione che ha provocato oltre 14,000 morti.

In seguito, Francia e Germania hanno negoziato un accordo in 13 punti per aiutare a porre fine a battaglie su larga scala, obbligando l'Ucraina a offrire autonomia alle regioni separatiste e un'amnistia per i ribelli.

Di conseguenza, l'Ucraina ha ripreso il pieno controllo del suo confine con la Russia nei territori controllati dai ribelli.

Eppure la Russia insiste sul fatto di non essere stata parte in conflitto né – per questo – di essere vincolata alle regole dell'accordo. Questo è il motivo per cui un aumento delle violazioni del cessate il fuoco e una concentrazione russa vicino all'Ucraina hanno alimentato le preoccupazioni sulla guerra all'inizio dello scorso anno, ma si sono attenuate quando Mosca ha ritirato la maggior parte delle sue forze dopo le manovre di aprile.

Ma quali sono i motivi dietro tali incidenti?

In sostanza, Putin crede che l'Ucraina (un paese di 44 milioni di persone che in precedenza faceva parte dell'Unione Sovietica, nonché la fondazione della Russia cultura e lingua) dovrebbero essere sottomessi alla Russia dato che condividono un confine di 1,200 miglia. Invece di allinearsi con la Russia, tuttavia, l'Ucraina si è lentamente spostata verso Occidente, respingendo contro i tentativi del primo di espandere la propria influenza.

L'ammassamento di truppe russe lungo il confine con l'Ucraina è un segnale che tutto questo potrebbe cambiare.

Com'è la situazione al momento?

Oggi, le ambizioni di Putin si estendono ben oltre.

Nel dicembre 2021, funzionari dell'intelligence statunitense determinato che la Russia stava progettando di schierare 175,000 soldati vicino al confine con l'Ucraina in preparazione di una possibile invasione che credevano potesse iniziare all'inizio del 2022.

Lo sapevano perché l'Ucraina si era lamentata di una minaccia di confronto che cresceva in un tratto d'Europa dal Mar Baltico al Mar Nero, avvertendo che a gennaio potrebbe verificarsi una "escalation su larga scala".

Anche le tattiche della Russia non si limitano alla forza, accusando di recente l'Ucraina di aver violato l'accordo di Minsk-2015 del 2 e criticando l'Occidente sia per non aver incoraggiato la conformità ucraina sia per aver fornito all'Ucraina armi che "incoraggiano i falchi ucraini a provare a riconquistare le aree controllate dai ribelli con la forza.'

Tra le recriminazioni, la Russia ha rifiutato un incontro a quattro con Ucraina, Francia e Germania, dicendo che è inutile in vista del rifiuto dell'Ucraina di attenersi a Minsk-2.

Questo, a quanto pare, è un tentativo di intimidire gli Stati Uniti e l'Europa occidentale indietreggiare dall'Ucraina.

Cosa potrebbe succedere dopo?

Se ci sarà un'invasione, probabilmente si verificherà uno dei tre scenari seguenti.

In primo luogo, la Russia occuperà e annetterà la regione del Donbass, unendosi al territorio con la Crimea per espandere la sua zona cuscinetto. Da lì si sposterà lungo il Mar Nero fino a Odessa (città di lingua russa), annettendo la costa e tagliando fuori l'Ucraina. Se arriva a questo punto, Putin sposterà le truppe in Bielorussia e viaggerà attraverso le paludi di Pripet – che sono ghiacciate in inverno, quindi i tempi di questa avanzata poiché le divisioni meccanizzate avranno bisogno di un terreno duro per seguire – per circondare Kiev.

Ma a partire da ora, la situazione ha raggiunto lo stato di stallo poiché entrambe le parti anticipano la prossima mossa dell'altra. Mentre i leader occidentali hanno insistito sul fatto che un'incursione potrebbe essere imminente, Mosca continua a respingere queste affermazioni, dicendo che il suo ministero della Difesa sta semplicemente conducendo esercitazioni militari invernali "regolari" nella sua regione meridionale, parte della quale confina con l'Ucraina.

Cosa c'è dietro le paure della guerra tra Russia e Ucraina e cosa potrebbe effettivamente accadere?

Indipendentemente da ciò, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha detto che pensa che Putin "si trasferirà" sull'Ucraina e il primo ministro britannico Boris Johnson ha avvertito che l'intelligence "cupa" suggerisce che Mosca sta pianificando un'incursione fulminea su Kiev. Se questo accade, la Russia affronta 'amaro e sanguinante' resistenza dal Regno Unito.

Desideroso, ovviamente, di evitare il drammatico conseguenze globali di una guerra – sofferenza umana, shock economico e un riallineamento geopolitico tra le probabili ripercussioni – Biden ha ripetutamente offerto spazio per lavorare con la Russia su una soluzione pacifica se Putin lo vuole.

Sebbene la Russia abbia affermato di essere disposta a continuare i colloqui di questo tipo, sfortunatamente ha anche rifiutato di essere ottimista sulle loro prospettive dopo che Washington e gli alleati della NATO respinto una parte fondamentale del nuovo ordine proposto dal Cremlino per la sicurezza post-guerra fredda. Del legalmente vincolante richieste, Putin aveva chiesto la fine dell'espansione verso est della NATO, che escluderebbe l'Ucraina dall'adesione.

"È un tentativo di giustificare l'invasione poiché la Russia quasi certamente sapeva che gli Stati Uniti e la NATO non avrebbero mai accettato questo obiettivo", spiega Davide Salvo, vicedirettore del Alleanza per garantire la democrazia.

"Questa è una tattica russa collaudata di usare la diplomazia per dire che sono i bravi ragazzi, nonostante le loro richieste massimaliste, che [sono] in grado di andare dalla loro gente e dire:" guarda, noi provato di tutto, l'Occidente è una minaccia alla sicurezza, ed è per questo che stiamo intraprendendo queste azioni”.'

Nonostante questa nozione alquanto schiacciante, c'è ancora una possibilità di compromesso, ma la prospettiva di una guerra effettua rimangono – più che dal 2015 – e la NATO ha minacciato enormi sanzioni contro la Russia se ciò si concretizza. Quello che resta da vedere è se Mosca se ne accorgerà.

 

Terza Newsletter!

Iscriviti alla nostra newsletter per il pianeta positivo

Accessibilità