Menu Menu

Il rapporto afferma che le gigantesche espansioni dei tubi petroliferi potrebbero rovinare gli obiettivi climatici

Secondo un nuovo rapporto, più di 24,000 km di nuovi oleodotti sono in fase di sviluppo a livello globale. Ciò equivale a quasi il doppio del diametro della Terra e ci mette "drasticamente in contrasto" per raggiungere i nostri obiettivi climatici.

Nonostante sappia bene che le emissioni di carbonio devono dimezzarsi entro il 2030 per rimanere al di sotto di 1.5°C di riscaldamento globale, resta da vedere un reale senso di urgenza.

Esasperante, un recente rapporto di Monitoraggio globale dell'energia (GEM) ha suggerito che oltre 24,000 km di oleodotti sono in fase di sviluppo in tutto il mondo. Questo è completamente dettagliato nel suo documento di ricerca intitolato in modo divertente il 'Crude Risveglio,' che sfortunatamente è dove le risate si fermano.

In termini di scala, i dati descrivono un boom dei combustibili fossili così considerevole che la lunghezza combinata di tutti i gasdotti si estenderebbe per circa il doppio del diametro della Terra.

Circa il 40% di questi progetti, in gran parte sparsi tra Stati Uniti, Russia, Cina e India, sono già in costruzione e il restante 60% è in fase di progettazione. GEM aveva previsto una ripresa del petrolio nella sua valutazione del 2019, ma ha grossolanamente sottovalutato la portata assoluta a cui stiamo guardando oggi.

Gli esperti stimano che i profitti giornalieri di petrolio e gas raggiungano circa un enorme $ 3bn.

Già lottando per rompere con il carbone, l'India sarebbe il leader mondiale per gli oleodotti in fase di sviluppo, compresa la sua impresa di petrolio greggio di 1,630 km nel nord-est previsto per il 2024.

In termini di operazioni pianificate, l'Africa subsahariana intende posare il più grande volume di tubi a livello globale, il più vicino possibile 80% della sua popolazione non ha accesso a combustibili e tecnologie pulite per cucinare.

Ancora affrontando i boicottaggi delle nazioni occidentali per l'invasione dell'Ucraina, la Russia continua il suo monopolio del carburante aumentando le esportazioni di petrolio verso l'India e la Cina. Si dice che ciò coinvolga altri 2,000 km di oleodotti.

Compilando l'impatto ecologico di tutti i nuovi gasdotti a livello internazionale, GEM afferma che potrebbero essere prodotti almeno cinque miliardi di tonnellate di ulteriori gas serra ogni anno.

In ogni caso, il nostro obbligo di rimanere al di sotto di 1.5°C di riscaldamento globale sarebbe sicuramente naufragato. Comprensibilmente frustrato, il portavoce del GEM Baird Langenbrunner ha descritto i risultati come un "atto di fallimento quasi deliberato" da parte dei governi nel fornire risultati importantissima accordi sul clima.

Secondo quanto riferito, l'industria petrolifera ha vantato profitti record nell'ultimo anno e "sta usando questo momento di caos e crisi per portare avanti la massiccia espansione delle reti di oleodotti", afferma.

Come puoi immaginare, una somma francamente ridicola di investimenti dipende da questa spinta che va avanti. GEM stima che gli sviluppatori petroliferi affrontino collettivamente rischi patrimoniali fino a 75 miliardi di dollari, poiché i leader globali dovrebbero passare a soluzioni a basse emissioni di carbonio e rinnovabili. Forza karma, fai le tue cose.

Su una nota seria, sembra che siamo davvero sull'orlo di un momento decisivo per l'accordo di Parigi. È inaccettabile – e alcuni direbbero gravemente prevedibile – che siamo finiti in questa situazione in quello che è fondamentalmente il tratto di casa.

Il fatto che COP27 è questione di settimane di distanza aggiunge solo la beffa al danno e giustifica la sensazione generale di trepidazione e nichilismo che ha sostituito il vertice di Glasgow. Con questi sviluppi che circolano, puoi garantire che le proteste saranno ancora più chiassose in Egitto.

 

Terza Newsletter!

Iscriviti alla nostra newsletter per il pianeta positivo

Accessibilità