Cerca
Menu Menu

Perché la risposta all'epidemia di vaiolo delle scimmie è problematica

Monkeypox è stato appena dichiarato un'emergenza sanitaria globale dall'Organizzazione Mondiale della Sanità. Perché i funzionari stanno spingendo la narrativa dannosa che è solo una preoccupazione per gli uomini nella comunità LGBTQ?

Sebbene negli ultimi anni abbiamo tutti sperimentato una maggiore consapevolezza nei confronti delle malattie contagiose, sembra che i funzionari e il pubblico in generale non abbiano imparato dal nostro recente passato.

Abbiamo ancora a che fare con un COVID-19 in continua mutazione, ma nuovi ceppi di virus diversi sono in missione per entrare nella popolazione umana, da isolati focolai di Ebola che non sembrano mai essere completamente soffocate, al ceppo emergente del virus Marburg trovato in Ghana.

Monkeypox, tuttavia, è un virus che ha viaggiato in regioni dove non lo è endemicoe casi in aumento in Nord America, Europa e Australia, l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha lanciato l'allarme "emergenza sanitaria globale".

Testate giornalistiche, funzionari governativi e persino alcune organizzazioni sanitarie hanno definito l'epidemia isolata dalla comunità maschile gay e bisessuale. Quello che questo dice – e non dice – ha conseguenze pericolose per capire come si diffonda e rischia di incitare a un grave stigma sociale.


Mettere in chiaro i fatti

Quando la notizia è stata sollevata per la prima volta a maggio su un nuovo focolaio di vaiolo delle scimmie, un modello emergente ha mostrato che i casi sono stati identificati principalmente tra gay, bisessuali e altri uomini che hanno rapporti sessuali con uomini.

Mentre è vero che il vaiolo delle scimmie può essere trasferito attraverso i fluidi corporei, rendendolo facilmente trasferito attraverso l'attività sessuale, il vaiolo delle scimmie è non esclusivamente un'infezione a trasmissione sessuale (STI).

Il vaiolo delle scimmie lo è anche diffuso attraverso il contatto diretto con l'eruzione cutanea infettiva o le croste di una persona infetta. Ad esempio, se qualcuno si trova in uno spazio affollato e strofina le braccia involontariamente con un'altra persona che ha il vaiolo delle scimmie, è altamente possibile che possa prenderlo.

Può anche essere trasmessa attraverso le secrezioni respiratorie durante il contatto faccia a faccia prolungato, che si tratti di goccioline di sputo mentre si parla o di contatti fisici ravvicinati come tenersi per mano, coccolarsi, baciarsi o, come accennato, fare sesso.

Anche i custodi e i coinquilini delle persone infette sono a rischio, poiché il virus può essere contratto attraverso il contatto con oggetti che in precedenza hanno toccato l'eruzione cutanea o altri fluidi corporei, inclusi vestiti, asciugamani condivisi o biancheria da letto.

Sebbene sgradevole, il vaiolo delle scimmie è curabile e ci sono già dei vaccini in fase di implementazione – anche se in piccoli numeri – per proteggere i più a rischio. E sebbene i suoi sintomi siano spesso paragonati al vaiolo, il vaiolo delle scimmie è molto meno grave. Dei 16,000 casi segnalati in 75 paesi, ci sono stati nessun incidente mortale.

Nonostante ciò, è problematico suggerire che le persone al di fuori della comunità LGBTQ non corrano alcun rischio particolare di contrarre il vaiolo delle scimmie. Crea stigma per quelli entro la comunità, omettendo i fatti scientifici su come il virus può essere trasmesso.

Tracciamento della risposta medica

Sebbene confrontare diversi virus sia come confrontare mele con arance, è importante guardare approcci passati al controllo dei virus per essere meglio preparati per il futuro.

Dopo lo scoppio del COVID-19, i funzionari sanitari detto che i governi lenti ad agire avevano ripetuto gli stessi errori commessi durante l'epidemia di AIDS negli anni '80 e '90.

Una risposta disgiunta e disinformata da parte dei governi locali ha consentito al COVID di diffondersi da aree isolate in interi paesi e, come sappiamo, alla fine in tutto il mondo. Questo atteggiamento "aspetta e guarda" gioca un ruolo enorme nel consentire ai virus incompresi di raggiungere le popolazioni globali.

E sebbene la grande maggioranza dei casi di vaiolo delle scimmie sia emersa tra "uomini che hanno rapporti sessuali con uomini", i messaggi sul vaiolo delle scimmie hanno attirato critiche per "dannoso, stigmatizzante' e 'ingannevole,' in quanto prende di mira un gruppo specifico come 'lo spargitore' mentre dice al resto che loro dovrebbe, in teoria, stare bene.

Per quanto riguarda l'inquadramento del vaiolo delle scimmie come una malattia che colpisce esclusivamente la comunità LGBTQ, Lauren Beach, assistente professore di ricerca presso la Feinberg School of Medicine della Northwestern University disse:

'Il vaiolo delle scimmie, come qualsiasi altra condizione trasmissibile, può essere diffuso ovunque il virus possa prosperare. Qualsiasi essere umano sarà suscettibile al vaiolo delle scimmie, quindi penso che se attribuiamo il virus a un certo gruppo di persone, come le persone LGBT, ciò potrebbe portare a stigmatizzare le persone LGBT come portatrici di una piaga, quando vediamo che accadeva prima con l'HIV.'

@_anastasiagracia_

#schermo verde #fyp #Centro per la prevenzione e il controllo delle malattie #vaiolo delle scimmie #direttorecdc #rochellewalensky #stigma #lgbtq

♬ suono originale –

Cosa possiamo imparare dall'epidemia?

Il punto di questo articolo non è quello di spaventare le persone facendole rivendere i biglietti del festival o evitando gli spazi affollati per le preoccupazioni sul vaiolo delle scimmie. Comprendere meglio il virus, soffocare lo stigma nei confronti della comunità LGBTQ e imparare dal passato is.

Esperti hanno criticato il governo degli Stati Uniti per aver minimizzato l'epidemia iniziale in Europa, dicendo che i segnali di avvertimento sono stati ignorati. "Noi [la comunità LGBTQ] siamo soli come sempre. Non possiamo contare su nessun altro", ha detto il senatore Scott Weiner detto al Los Angeles Times.

In questo momento, i vaccini sono in fase di lancio per gli uomini all'interno della comunità LGBTQ, ma secondo quanto riferito, gli appuntamenti sarebbero stati approvati secondo un 'criteri rigorosi,' il che significa che i numeri già amministrati rimangono bassi e scarsamente disponibili.

Si teme che le persone ad alto rischio che vivono in aree a basso reddito non abbiano un facile accesso ai vaccini, poiché è già notoriamente difficile per i membri della comunità LGBTQ ricevere un'assistenza sanitaria adeguata, specialmente in America.

In California, uno degli stati più liberali del paese, piani sanitari per le comunità a basso reddito attualmente non coprono test per il vaiolo delle scimmie e al momento in cui scriviamo non ci sono aiuti finanziari per coloro che sono costretti a isolarsi con il virus.

In risposta alla crescente epidemia, i leader LGBTQ chiedono più test, condivisione del vaccinoe l'inserimento di ulteriori operatori sanitari per aiutare a controllarne il numero. In modo incoraggiante, i governi affermano che nelle prossime settimane saranno disponibili centinaia di migliaia di dosi aggiuntive.

Nel frattempo vi consiglio di leggere questo pezzo brillante, onesto e informativo di Kyle Planck, uno studente di dottorato con sede a New York, che descrive la sua recente esperienza con il vaiolo delle scimmie.

 

Terza Newsletter!

Iscriviti alla nostra newsletter per il pianeta positivo

Accessibilità