Cerca
Menu Menu

Lo stato legale dell'aborto nel mondo nel 2021

Gli atteggiamenti nei confronti del sempre controverso dibattito pro-scelta/pro-nascita sono cambiati in modo diverso negli ultimi 25 anni in tutto il mondo. Nel 2021, ecco dove attualmente si trovano diverse regioni sulla legalità.

Una settimana dopo che l'Argentina si è assicurata un'enorme pietra miliare per gli attivisti pro-choice diventando il più grande paese dell'America Latina - e solo il terzo nella regione - a legalizzare l'aborto, il magnate dei dati dei consumatori S ha pubblicato un verbale definitivo che mostra lo stato giuridico della questione in ogni nazione, e in tempo reale.

Infografica: lo status giuridico dell'aborto nel mondo | Statista

Derivato da analisi per gentile concessione di Centro per i diritti riproduttivi, la mappa originale è diventata una risorsa chiave per avvocati, funzionari governativi e organizzazioni della società civile che lavorano per promuovere i diritti riproduttivi in ​​tutto il mondo.

Classificata dal divieto completo (rosso scuro), al legale per "ampi motivi sociali o economici" (verde), questa mappa fornisce un unico luogo per comprendere l'intera portata del dibattito pro-scelta/pro-nascita e mostra quale ombrello diversi paesi cadere all'inizio del 2021.

Ciò che gli ultimi 25 anni ci hanno mostrato è che sono stati fatti enormi progressi nel garantire i diritti delle donne all'aborto, con quasi 50 paesi che hanno fatto una completa inversione a U per liberalizzare la riforma anti-aborto.

Certo, in gran parte del Sud America e in particolare in Africa, i recenti permessi di aborto sono autorizzati solo per motivi di tutela della salute mentale o fisica di una donna. All'interno di queste regioni non rimane alcun sistema per limiti gestazionali o considerazioni economiche, a differenza della maggior parte dell'Europa e degli Stati Uniti. Ora, nel 2021, ben 56 paesi, tra cui il 14% delle donne, sono governati da questa sentenza.

Tornando al tema dell'Europa, un recente campione di 17,000 adulti prelevato da a sondaggio di 25 paesi nell'estate 2020, ha rivelato un atteggiamento prevalente secondo cui gli aborti non dovrebbero essere consentiti nel continente, mentre i paesi dell'America Latina e dell'Asia erano fortemente favorevoli alla completa libertà riproduttiva.

Sorprendentemente, questo studio ha mostrato che, sebbene il sostegno a favore della scelta sia cresciuto costantemente per un certo numero di anni nel Regno Unito, è tornato ai livelli del 2014 in questo particolare sondaggio.

Diversi esperti hanno attribuito il calo del sostegno alla pandemia, alludendo al fatto che i precedenti sostenitori potrebbero aver cambiato il loro atteggiamento nel vedere chiudere le cliniche e non assumere operatori sanitari essenziali che potrebbero essere utilizzati altrove.

La più grande svolta in termini di volontà di legalizzare l'aborto si è verificata in Corea del Sud, con un aumento del 20% ormai favorevole rispetto al 2014. Infatti, si dice che il suo governo stia attualmente valutando un nuovo modifica alla legislazione che possono vedere cessazioni legali disponibili fino al 14th settimana di gravidanza per il 2021.

In tutto il mondo, il sostegno all'aborto legale varia nel complesso tra il 48% e l'88% con l'eccezione della Malesia, dove solo il 24% è d'accordo.

Se sei interessato ad approfondire il dibattito paese per paese e a cogliere le sfumature dell'attuale riforma di ciascuna nazione, puoi semplicemente fare clic su mappa interattiva da indirizzare a frammenti di informazioni accessibili.

Assicurati di tenerlo d'occhio per tutto il 2021. Come abbiamo già evidenziato, questo dibattito è in continua evoluzione.

 

Terza Newsletter!

Iscriviti alla nostra newsletter per il pianeta positivo

Accessibilità