Cerca
Menu Menu

La presenza indigena su Instagram sta sventando un mito del passato americano

Il lavoro di perline è rimasto al centro della cultura dei nativi nordamericani da prima del contatto coloniale, ma la sua recente ascesa sui social media sta costringendo l'Occidente non nativo a fare i conti con un'immagine di Indigeneità ancora intrappolata nel passato.

"C'era una volta tanto tempo fa" suona Carrie Bradshaw all'apertura di Sex and the 2 Città 'c'era un'isola... degli olandesi, degli indiani e delle perline.'

E così va il mito della 'nascita' di New York City, così radicato nella storia delle origini americane da aver posto le basi per un un po 'controverso film hollywoodiano. Se questo non è un testamento alla brillante commercializzazione della cultura indigena da parte dei media, non so cosa lo sia.

Ma questa narrativa, secondo cui i coloni hanno acquistato l'isola di Manhattan per poche perle, ha giustificato lo stereotipo dei nativi americani come persone facilmente sfruttabili per la loro mancanza di acume per gli affari.

Oltre ad assumere che tutti i sistemi di scambio debbano allinearsi a quelli del White West, ha cementato una finzione di provenienza della perlina.

In realtà, il lavoro di perline è rimasto centrale nella cultura indigena sin da prima del contatto europeo. Prima dell'avvento delle perle di vetro, che arrivarono con i colonizzatori, i praticanti usavano materiali naturalmente disponibili come conchiglie e ossa di animali per adornare vestiti e oggetti di uso quotidiano.

Oggi questa funzione rimane, fornendo un sostentamento vitale per le popolazioni indigene. Ma molti giovani artisti ora utilizzano Instagram come mezzo per promuovere il loro lavoro.

Se non ti sei imbattuto nelle perline delle Prime Nazioni su Instagram, potresti aver notato i loro intricati disegni - dalle toppe Baby Yoda agli orecchini dai colori vivaci - negli articoli recenti di VOGUE.

Non è un caso che il gigante della moda abbia messo gli occhi su questo fiorente mestiere, una rivisitazione della pratica secolare che è stata lodata per la sua capacità "resiliente" di "modernizzare" e rendere "trendy" un pilastro della storia dei nativi americani .

E non è solo VOGUE. Come avrai notato, la cultura materiale delle Prime Nazioni non è estranea al circuito della moda occidentale.

Nel 2016, rivenditore Urban Outfitters ha raggiunto un accordo con i membri della nazione Navajo dopo aver intentato una causa nel 2012 sulla collezione "Navajo" del marchio.

Nonostante i membri della tribù abbiano registrato il nome "Navajo" nel 1943, giganti della vendita al dettaglio come Urban, che all'epoca godevano dello status di leader di tendenza di Highstreet, hanno cooptato il termine come parte della tendenza "neo-Navajo" dei primi anni del 2010.

Questa ossessione per tutto ciò che è "nativo" ha raggiunto l'apice con i copricapi piumati e le spalle geometriche a vogatore delle celebrità legate al Coachella.

Ma queste tendenze fanno parte di una storia di appropriazione indigena che ha omogeneizzato le 562 tribù native del Nord America in un insulso accessorio di moda.

La mercificazione del copricapo e del Totem Pole ha a lungo ignorato l'importanza spirituale di questi simboli culturali tra i popoli indigeni. Questa continua estetizzazione degli indigeni nordamericani ha giustificato il loro status di popolo del "passato".

Dal film alla pubblicità, i nativi sono stati presentati come amanti della natura, nomadi che abitano i tepee, un'immagine obsoleta della vita indigena che è diventata solo più importante nell'era del cambiamento climatico.

Raffigurati come una fonte di conoscenza da cui la società non indigena può estrarre informazioni a piacimento, i nativi americani sono continuamente posizionati al di fuori della cultura tradizionale.

Sono visti come i fornitori di una storia immaginaria in cui le torbide verità coloniali americane non esistono e da cui l'occidentale bianco può cooptare immagini che placano le loro ansie moderne.

L' scoperta recente di oltre 700 tombe anonime di bambini indigeni vicino alle scuole residenziali canadesi ha costretto il Nord America a fare i conti con la sua storia travagliata, ma questo dove lascia il futuro indigeno?

Celebrare gli artisti indigeni contemporanei delle perline per la loro capacità di "modernizzare" un mestiere "tradizionale" dimostra la continua lotta dei media per rompere questa cornice di "passato".

Queste narrazioni suggeriscono che è solo la presenza di immagini familiari della "cultura pop" che convalida l'inclusione dei nativi nel mondo moderno.

I giovani indigeni devono essere riconosciuti come membri vitali della società americana contemporanea, attivamente impegnati nelle stesse piattaforme digitali degli altri Gen Z. Professionisti come Mel Beaulieu (@the.beads.knees) della Mi'kmaq First Nation stanno usando il loro Instagram per curare e vendere elaborati orecchini di perline e toppe per vestiti, un progetto che ha fornito sovranità economica e creativa agli individui indigeni durante il COVID- 19 pandemia.

I rapporti hanno scoperto che i nativi americani hanno un'incidenza di casi COVID 2.2 volte maggiore rispetto ad altri americani e quasi quadruplicare il tasso di mortalità dei bianchi in stati come il Montana.

In combinazione con un accesso già carente all'assistenza sanitaria, il COVID ha esacerbato l'emarginazione delle comunità indigene. Questo rende Instagram una piattaforma vitale, con la sua capacità di trasformare hobby come il lavoro di perline in attività commerciali.

Artisti come la perlinatrice di Mel e Cree Heather Stewart (@sweetgrass_beads) hanno costruito un seguito sostanziale sul sito, promuovendo il lavoro alle proprie condizioni e aggirando l'autorità curatoriale dei musei occidentali, che hanno inquadrato le opere d'arte indigene come artefatto storico.

Il recente lavoro di Mel basato su Montero (Chiamami col tuo nome) di Little Nas X utilizza l'inno pop per esplorare i problemi di Native sessualità a due spiriti ei traumi delle scuole residenziali del Nord America. Unendo riferimenti alla cultura pop e colori sgargianti nei commenti politici, questi artisti stanno parlando delle esperienze vissute dei giovani indigeni di oggi.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Heather Stewart (@sweetgrass_beads)

È vitale che questi professionisti siano celebrati per la loro arte al di là della cornice della resilienza storica.

Quando vediamo solo la resilienza, celebriamo solo la forza, minimizzando le realtà della lotta indigena e caricando loro il peso del cambiamento sulle spalle.

È tempo di riconoscere i molti modi in cui i nativi americani non solo hanno plasmato la storia del loro paese, ma continuano a inquadrare il suo presente. Sostenere i giovani artisti indigeni online è un modo per ascoltare il richiamo del loro popolare hashtag e iniziare a riconoscere i molti modi in cui #ilfuturoèindigeno.

 

Questo articolo è stato originariamente scritto Flo Bellinger (lei/lei). 'Sono uno stagista presso Thred e mi occupo di marketing e sensibilizzazione. Studio antropologia visiva, materiale e museale all'Università di Oxford e cerco di esplorare i modi in cui i social media possono essere utilizzati per amplificare le voci emarginate. Seguimi su LinkedIn e mandami un feedback tramite email. '

 

Terza Newsletter!

Iscriviti alla nostra newsletter per il pianeta positivo

Accessibilità