Menu Menu

La metà di tutte le aziende produttrici di alcolici si rivolgono alla Gen Z utilizzando parole d'ordine "salutari".

Le etichette a basso contenuto calorico, a basso contenuto di zuccheri e senza glutine sulle bevande alcoliche premiscelate sono tentativi di attirare i giovani attenti alla salute a bere, afferma un gruppo di ricerca in Australia dopo aver analizzato le etichette di 491 bevande diverse.  

Se la tua salute sta peggiorando, la prima cosa che probabilmente ti verrà detto di fare è mangiare e bere in modo più sano.

L’alcol, in questo caso, sarà probabilmente fuori discussione poiché il consenso scientifico schiacciante è che il consumo di bevande alcoliche è dannoso per la salute umana. I giovani lo sanno e molti di loro non hanno nemmeno iniziato a bere regolarmente.

Secondo Forbes, la Gen Z beve il 20% in meno di alcol rispetto ai Millennial. I millennial bevono anche meno delle generazioni precedenti a causa della "maggiore consapevolezza dei pericoli e degli effetti dell'alcol e dell'aumento della consapevolezza della salute come stile di vita".

I team di marketing di tutto il mondo lo sanno, compresi quelli che lavorano per l’industria degli alcolici. Di conseguenza, stanno cambiando tattica.

Uno studio condotto dai ricercatori del Geroge Institute for Global Health mirava a scoprire quanto spesso l’industria dell’alcol inserisce indicazioni sulla salute nel suo marketing. Analizzando le lattine di 491 bevande premiscelate trovate nei principali rivenditori in Australia, hanno identificato diversi slogan "incentrati sulla salute" utilizzati.

I risultati hanno rivelato

Le indicazioni nutrizionali comunemente fornite sulle bevande premiscelate sono "naturali" (32%), di solito riferite agli aromi aggiunti, menzione di calorie (32%), contenuto di zucchero (31%), senza glutine (23%), contenuto di carboidrati (20%) e se la bevanda è vegana (13%).

I marchi di hard seltzer sono i peggiori trasgressori, con il 96% dei marchi che fa 3-4 indicazioni nutrizionali per lattina.

L'amministratore delegato della Public Health Association of Australia ha dichiarato: "I concetti di gluten-free e vegan friendly e tutto il resto sono semplicemente affermazioni assurde nel contesto del consumo di alcol quando conosciamo tutte le altri effetti avversi del consumo di alcol.'

Le indicazioni sullo zucchero riportate sulle etichette degli alcolici sono ora in fase di revisione da parte degli standard alimentari dell'Australia e della Nuova Zelanda, con molte organizzazioni che chiedono il divieto delle frasi "a basso contenuto di zucchero" e "a basso contenuto di carboidrati".


La linea di fondo

Qualsiasi bevanda che contenga alcol farà più male che bene al tuo corpo.

Solo perché una bevanda è etichettata come "a basso contenuto calorico" non la rende nutrizionalmente superiore a qualsiasi altra bevanda alcolica. Uno studiare giustamente i punti fuori che la maggior parte dei seltzer duri contengono un livello simile di contenuto alcolico e calorie di una birra leggera.

Alla fine, bere alcolici è una questione di preferenza. Alcune persone si saziano troppo bevendo birra, mentre altri semplicemente si godono una bevanda mista dal sapore più "fresco" in lattina per comodità.

Ma se il tuo obiettivo principale è vivere uno stile di vita più sano, non lasciarti ingannare dall'alcol miscelato con ingredienti "naturali" o "vegani". Eliminare del tutto l’alcol è la soluzione migliore.

Accessibilità