Cerca
Menu Menu

L'Indonesia approva una legge che vieta il sesso al di fuori del matrimonio

Il parlamento indonesiano ha approvato un controverso nuovo codice penale che vieta ai locali e agli stranieri di fare sesso extraconiugale. I critici vedono la mossa come un "disastro" per i diritti umani e un potenziale colpo per il fiorente settore turistico del paese.

Dopo anni di discussioni parlamentari e accesi dibattiti pubblici, l'Indonesia ha appena approvato un controverso nuovo codice penale che secondo i critici rappresenta una drammatica battuta d'arresto per le libertà nella terza più grande democrazia del mondo.

In base alla legislazione draconiana, i genitori, i figli o i coniugi potranno denunciare le coppie non sposate alla polizia se sospettano che abbiano rapporti sessuali al di fuori del matrimonio.

Se i denunciati vengono giudicati colpevoli, dovranno affrontare una pena fino a dodici mesi di carcere.

"L'obiettivo è proteggere l'istituzione del matrimonio ei valori indonesiani", ha affermato Alberto Ariete, portavoce del ministero della giustizia indonesiano, al momento dell'annuncio.

"Pur essendo allo stesso tempo in grado di proteggere la privacy della comunità e anche di negare il diritto del pubblico o di altre terze parti di denunciare la questione o 'fare il giudice' per conto della moralità".

La mossa, che molti considerano un cenno alla polizia morale, sottolinea il crescente conservatorismo di un paese a lungo acclamato per la sua tolleranza religiosa, con il secolarismo sancito dalla sua costituzione.

Si teme inoltre che possa essere utilizzato per prendere di mira i membri della comunità LGBTQ+, dato che nella regione si verificano già fustigazioni pubbliche per una serie di reati tra cui l'omosessualità e l'adulterio.

Una bozza precedente doveva essere approvata nel 2019, ma il voto è stato rinviato dopo che migliaia di manifestanti, per lo più studenti, è sceso in strada chiedendo al governo di ritirarlo.

"Quello a cui stiamo assistendo è un duro colpo per i progressi faticosamente conquistati dall'Indonesia nella protezione dei diritti umani e delle libertà fondamentali dopo la rivoluzione del 1998", afferma il direttore di Amnesty International Indonesia, Usman Hamid, che crede che le espansioni delle leggi esistenti avranno un "effetto agghiacciante" sulla libertà di parola.

'Stiamo tornando indietro. Le leggi repressive avrebbero dovuto essere abolite ma il disegno di legge dimostra che le argomentazioni degli studiosi all'estero sono vere, che la nostra democrazia è indiscutibilmente in declino'.

Anche la convivenza tra coppie non sposate sarà resa illegale nella nazione a maggioranza musulmana, così come gli insulti al presidente, l'aborto tranne che per le vittime di stupro, la pratica della magia nera, la diffusione di opinioni contrarie all'ideologia di stato e l'organizzazione di proteste senza preavviso.

Il codice penale si applicherà sia ai locali che agli stranieri. Tuttavia, non entrerà in vigore prima di tre anni per consentire un'adeguata redazione dei regolamenti di attuazione.

Approvate martedì all'unanimità da tutti i partiti politici, le riforme hanno sconvolto non solo gli attivisti – che la considerano un 'disastro' per i diritti umani – ma anche il fiorente settore turistico dell'Indonesia, che conta ogni anno milioni di visitatori nelle sue isole tropicali.

Nel 2019, un record di 1.23 milioni di turisti australiani ha visitato Bali, secondo l'Indonesia Institute, un'organizzazione non governativa con sede a Perth. Confrontalo con il 2021, quando solo 51 turisti stranieri hanno visitato l'isola per l'intero anno a causa della pandemia, I registri di STATISTICA mostrano.

"Questo è totalmente controproducente in un momento in cui l'economia sta iniziando a riprendersi dagli impatti di COVID-19", afferma Maulana Yusran, vice capo del consiglio dell'industria del turismo indonesiano.

'Siamo profondamente dispiaciuti che il governo abbia chiuso gli occhi. Abbiamo già espresso la nostra preoccupazione al ministero del turismo su quanto sia dannosa questa legge'.

 

Terza Newsletter!

Iscriviti alla nostra newsletter per il pianeta positivo

Accessibilità