Cerca
Menu Menu

Esclusivo – Giornata della scienza della COP27 con Ann Makosinski

Abbiamo parlato con l'inventore e oratore pubblico Ann Makosinski della scienza, del cambiamento climatico e di come la COP27 può aiutare i giovani a far sentire la propria voce.

Siamo tornati con un'altra chiacchierata esclusiva con Ann Makosinski, l'inventario e oratore pubblico dal Canada.

Nel 2013 ha vinto la fiera della scienza di Google con una nuova torcia che utilizza le piastrelle di Peltier per trasformare l'energia termica umana in luce. Ha anche creato eDrink, una tazza che converte il calore della tua bevanda in una corrente elettrica per caricare i telefoni. Potresti averla vista su Jimmy Fallon, così come su TEDx dove ha ospitato cinque conferenze.

Cado che non era abbastanza, Ann è stata inclusa anche nell'elenco Forbes 30 Under 30, vincendo quattro importanti premi all'Intel International Science and Engineering Fair nel 2018. Volevamo conoscere i suoi pensieri riguardo alla COP27 e come ritiene che più giovani possano ottenere coinvolti nella scienza man mano che la crisi climatica diventa più urgente.

Inoltre, se ti è piaciuta la nostra chat qui, perché non dai un'occhiata al nostro precedente intervista con Ann del 2021? Entriamo.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da thred. (@thredmag)

Thred: Quindi, senza ulteriori indugi, mi piacerebbe farti la nostra prima domanda. In che modo la crisi climatica influisce sul tuo lavoro e sui tuoi processi creativi? È qualcosa a cui pensi giorno per giorno?

Makosinski: In questo momento sono sull'isola di Vancouver, che si trova nella Columbia Britannica, in Canada. Penso che naturalmente la comunità qui sia sempre stata molto eco-consapevole e molto, molto consapevole del riscaldamento globale e ha cercato di trovare modi per mitigarlo. È sicuramente qualcosa a cui penso ogni giorno.

La natura qui è straordinariamente bella e la vedo ogni giorno quando vado in giro. La domanda su come posso aiutare a preservare questo, sia attraverso le mie azioni più piccole ogni giorno o a livello professionale attraverso la mia carriera, è qualcosa che sicuramente mi passa per la mente.


Thred: Ci sono cose specifiche di cui vorresti sentire i leader discutere alla COP? Quali sono gli argomenti o le questioni che speri di essere affrontato nell'ambito del tema della scienza di quest'anno in particolare?

Makosinski: Penso che dobbiamo coinvolgere più giovani nell'inventare e sentirsi responsabilizzati. Hanno bisogno di sapere che possono creare soluzioni positive, fare la differenza e avere un impatto su tutto ciò che escogitano da giovani.

Penso che la società debba cambiare il modo in cui le persone sono percepite nelle scienze. Questo tipo di combinazione cruciale, ma spesso trascurata, di scienza e arte è così importante per creare le soluzioni migliori e più utili. Spero che l'educazione scientifica sia effettivamente affrontata.

Il modo in cui rappresentiamo la scienza influenzerà le generazioni più giovani a sentirsi come se potessero iniziare a inventare e fare differenze positive a qualsiasi età. Importa quanti anni hai? Importa se hai un diploma di scuola superiore o sei andato all'università? Penso che la mia esperienza mi abbia davvero insegnato che puoi inventare qualcosa che possa ispirare gli altri e creare la differenza.

Non so nemmeno se sarà affrontato così tanto alla COP, ma sono davvero entusiasta del numero di giovani delegati che spero avranno effettivamente voce e saranno ascoltati.


Thred: Mi piacerebbe sentire qualcosa in più su questa combinazione di scienza e arte di cui hai parlato in precedenza.

Makosinski: Invece di STEM, che è scienza, tecnologia, ingegneria e matematica, sono davvero appassionato di STEAM, che è scienza, tecnologia, ingegneria, arte e matematica. Credo che sia quando le arti e le scienze si uniscono che possiamo ottenere le migliori innovazioni del nostro tempo.

Voglio dire, l'iPhone su cui stai guardando questo è un ottimo esempio di qualcosa che utilizza la scienza e la tecnologia per funzionare correttamente come strumento, ma è anche davvero bello. È esteticamente gradevole.

Penso anche nella mia esperienza di inventore, molte volte quando ho portato le mie abilità dalle arti, che si tratti del mio amore per il disegno, il design, la recitazione o la performance, tutto aiuta con tutto quando presento le mie invenzioni.

In genere l'arte è considerata un hobby e la scienza è una carriera. Ce lo insegnano in tenera età. Vai a un corso di arte e diventi creativo, poi a un corso di scienze e sei tecnico, non c'è incrocio tra i due. In realtà sto scrivendo un libro in questo momento intitolato The Inventing Mindset che affronterà questa combinazione cruciale di arte e scienza e mostrerà come integrarla nella tua vita su base quotidiana.


Thred: Allora, come pensi che la Generazione Z si avvicinerà alla scienza con nuove invenzioni e innovazioni? Il clima sarà una parte importante del loro futuro?

Makosinski: Sì, penso che sarà enorme.

Mi auguro che i Gen Z siano aperti a qualunque nuova tecnologia venga creata. Il cambiamento climatico sarà solo una parte molto naturale del pensiero quotidiano. Anche piccole cose come riciclaggio, spazzatura, compost. Le generazioni precedenti non si preoccupavano molto di questo, ora è molto più naturale, spero per la maggior parte delle persone della mia età e più giovani.

Una piccola invenzione può effettivamente avere un grande impatto, è solo che devi pensare in anticipo perché di solito la gente va, oh mio Dio, non ne ho idea. Una domanda che potresti porre è: come posso fermare il riscaldamento globale? Questo è un grosso problema, ma piccole azioni quotidiane possono aiutare.

Thred: Pensi che la COP potrebbe fare di più per includere le voci giovani nelle loro politiche e promesse? In tal caso, quale consiglio daresti ai Gen Z che cercano di essere coinvolti nella scienza?

Makosinski: Greta Thunberg ha accusato la COP27 di essere un esercizio di greenwashing, cosa che capisco perfettamente. Se guardi il numero di jet privati ​​che sono volati all'evento COP27, allora, sì, totalmente.

La Coca-Cola è uno dei maggiori sponsor della COP quest'anno, il che è un po' contraddittorio. Hanno i soldi, certo, ma anche – cosa stai dicendo? Devi camminare il discorso.

Per i giovani che vogliono essere coinvolti nella scienza e non sono sicuri di come, o non è necessariamente una materia preferita, o se non sentono di avere delle competenze, ti garantisco che le hai. Penso che siamo tutti inventori naturalmente innati costruiti per risolvere il nostro problema.

Se vuoi essere coinvolto con la scienza, che penso sia un argomento molto ampio, guardati intorno a come funziona il tuo mondo individuale e vedi quali problemi incontri quotidianamente.

Ci impostiamo in questi schemi o abitudini e poi continuiamo a farli senza chiederci se esiste un modo o un metodo di vita più efficiente. Guardarsi intorno e chiedersi "perché è così" e "perché lo stiamo facendo in questo schema" è davvero importante.


Thred: In una nota finale, come speri sia il futuro della scienza? Cosa vorresti che fosse un punto focale o un grande cambiamento man mano che ci addentriamo in questo secolo?

Makosinski: Spero solo che più persone sentano di poter costruire le proprie soluzioni per se stesse e non siano allineate con il consumismo.

Voglio dire, il numero di annunci sui social media che vediamo giorno per giorno e assorbiamo è, penso, un po' soffocante quando si tratta di creatività. Invece di creare la tua soluzione, potresti semplicemente acquistare qualcos'altro.

Spero che vedremo un mondo in cui le persone acquistano meno prodotti e sono meno dipendenti da quello, e invece pensano con una mentalità molto innovativa e incentivante. Più persone la pensano in questo modo e cambiano il modo in cui guardano il mondo, più è probabile che vedremo un impatto positivo sull'ambiente e, si spera, rallenteremo il riscaldamento globale.

A molti paesi più poveri viene detto di investire nelle energie rinnovabili quando tutti i paesi più ricchi hanno fatto soldi con i combustibili fossili. L'intero sistema deve essere sradicato, in pratica.


Thred: Tanto per concludere, c'è un posto in cui le persone possono essere coinvolte nel tuo lavoro o entrare in contatto su cose che hai trattato oggi?

Makosinski: Ce l'ho Twitter. Ho un Canale YouTube che aggiorno sporadicamente e ho alcune cose in uscita nei prossimi mesi e anno. Quindi sì, tieni gli occhi aperti!

 

Terza Newsletter!

Iscriviti alla nostra newsletter per il pianeta positivo

Accessibilità