Menu Menu

Il cambiamento climatico sta peggiorando le turbolenze aeree

Sebbene le tempeste e i venti ondulati di montagna possano influenzare la quantità di turbolenze che sperimentiamo sui voli, c’è un altro fattore che viene peggiorato dal cambiamento climatico. Per ora, è completamente non rilevabile dai piloti. 

A questo punto, probabilmente avrai sentito parlare del volo della Singapore Airlines che ha incontrato una grave turbolenza ed è precipitato improvvisamente a 6,000 piedi poche ore prima di raggiungere la sua destinazione.

I forti disordini hanno causato l'arresto cardiaco e la morte di un cittadino britannico a bordo, mentre 71 dei 211 passeggeri e 18 membri dell'equipaggio sono rimasti feriti.

Con la moderna tecnologia di rilevamento delle turbolenze e piloti esperti che guidano l'aereo su un percorso ben percorso, come è potuto accadere questo?

Le indagini sono in corso, ma il sospetto colpevole è la turbolenza dell’aria chiara (CAT), un tipo di incoerenza con le onde gravitazionali nell’atmosfera. Anche utilizzando la tecnologia attuale, il CAT è completamente non rilevabile.

Tra le cattive notizie per chi vola con cautela, gli esperti dicono che questo tipo di turbolenza diventerà più comune e imprevedibile con il peggioramento del cambiamento climatico.


Comprendere la turbolenza e da dove proviene

Esistono molte cause di turbolenza, ma le tipologie più comuni sono causate dall'incontro di schemi di vento opposti.

Eventi meteorologici visibili come le tempeste possono rendere il volo accidentato e i piloti possono consultare il loro radar, sonar e radio per evitarli. Le condizioni geografiche, come le catene montuose, possono anche provocare venti ondulati che spingono un aereo.

La turbolenza di scia, invece, è causata da altri aerei che decollano o atterrano uno di fronte all'altro. La corrente a getto creata dall'aereo davanti sposta il flusso d'aria per l'aereo dietro, portando a una traiettoria di volo momentaneamente instabile. Qui la comunicazione e gli strumenti di bordo possono aiutare ad evitare questi disturbi.

Le turbolenze dell'aria limpida, invece, sono completamente invisibili. È causato dall’aria calda che sale verso l’aria più fredda, un fenomeno che si prevede si verificherà sempre di più con i cambiamenti climatici del nostro pianeta.

I piloti non riescono a rilevare questo tipo di turbolenza sui loro radar, quindi si verifica senza preavviso a meno che non venga segnalata da un aereo più avanti. Nelle sue forme peggiori, il CAT può far sì che gli aerei cambino rotta, sbandino violentemente o perdano improvvisamente quota.

CAT è ciò che molto probabilmente il volo della Singapore Airlines ha incontrato nel Golfo del Bengala, già noto per le gravi turbolenze causate dai temporali.


Probabilmente la turbolenza peggiorerà

Secondo uno studio Secondo l’Università di Reading, i casi di gravi turbolenze sono aumentati del 55% dalla fine degli anni ’1970.

I voli particolarmente accidentati sono stati attribuiti a improvvisi cambiamenti del vento e della velocità ad alta quota, probabilmente a causa delle temperature dell’aria più elevate, che stanno influenzando maggiormente i voli transatlantici.

A causa del cambiamento climatico, si prevede che sacche di temperature più elevate ad alta quota diventeranno più comuni, portando a un maggior numero di segnalazioni di voli turbolenti.

Anticipando questa tendenza, i piloti chiedono all’industria aeronautica di investire in sistemi che consentano loro di localizzare e identificare meglio le turbolenze durante i voli.

Ciò che è importante ricordare è che la turbolenza è quasi sempre innocua. Sebbene si siano verificati infortuni in casi gravi, ci sono stati nessuna segnalazione di danni all'aereo a causa della turbolenza. Certo, essere scossi nel cielo può aumentare l'ansia del viaggiatore più esperto.

Ciò che è accaduto sul volo della Singapore Airlines è stata una tragica anomalia, che sicuramente incoraggerà i passeggeri a indossare le cinture di sicurezza e farà sì che la sicurezza a bordo e le tecnologie di bordo migliorino.

Accessibilità