Cerca
Menu Menu

I progetti di barriera corallina ricevono un notevole impulso nei finanziamenti

Le foreste dell'oceano stanno soffrendo. Il riscaldamento delle acque sta causando l'acidificazione degli oceani e lo sbiancamento dei coralli. Nel frattempo, le pratiche di pesca eccessiva stanno causando il successivo collasso di interi ecosistemi. I finanziamenti rafforzati dalla COP27 mirano a rallentare - e, si spera, a invertire - il processo.

Quando pensiamo agli ecosistemi della natura, le barriere coralline sono spesso le ultime a venire in mente. Con quasi il 60% della popolazione mondiale che vive nelle città metropolitane, l'importanza della salute degli oceani è spesso dimenticata dalla maggioranza.

Ma coloro che vivono vicino alle coste sanno che questi preziosi ambienti sono vitali per preservare la salute degli oceani. Potrebbero solo fare pace 1 per cento del mondo sottomarino, ma è un dato di fatto che tutta la vita marina dipende da loro.

I conservazionisti hanno condotto una campagna per le barriere coralline poiché sono diventate sempre più in pericolo nell'ultimo decennio. Temperature più calde, maggiore acidità degli oceani e pratiche di pesca eccessiva sono tra le numerose minacce che devono affrontare.

La buona notizia è che ci sono stati sviluppi significativi relativi alla conservazione della barriera corallina alla COP27. In particolare, per i coralli egiziani del Mar Rosso, che abbiamo appreso di recente sono unici nella loro capacità di resistere a temperature marine più calde.

Gli scienziati ritengono che le specie di coralli resistenti al calore al largo delle coste egiziane potrebbero essere cruciali per salvare le barriere coralline morenti nelle acque calde altrove. Queste barriere coralline specializzate ospitano oltre 1,000 diverse specie di pesci e almeno 350 diverse specie di coralli.

Al vertice sul clima di quest'anno, l'Agenzia degli Stati Uniti per lo sviluppo internazionale (USAID) ha promesso finanziamenti fino a 15 milioni di dollari per promuovere la crescita economica blu positiva per la barriera corallina.

Una parte fondamentale dei fondi sarà destinata al finanziamento della conservazione nel Mar Rosso egiziano, in collaborazione con il Global Fund for Coral Reefs (GFCR) che è stato recentemente riconosciuto dall'UNESCO come organizzazione ufficiale.

Grazie a questo importo, il totale dei soldi a disposizione del GFCR ha raggiunto i 187 milioni di dollari. Con questo finanziamento, le tattiche di restauro e conservazione possono essere amplificate.

Le gemme degli oceani come la Grande Barriera Corallina subiscono un rapido declino ogni estate, con i coralli che muoiono eventi di sbiancamento di massa dei coralli. I coralli morti non possono più fornire un rifugio sicuro per piccoli pesci e crostacei, colpendo in ultima analisi l'intera catena alimentare oceanica.

Con i finanziamenti per impedire ai coralli del Mar Rosso di incontrare lo stesso destino, gli ambientalisti dovrebbero essere in grado di trasportare queste specie resistenti al calore dai cappotti dell'Egitto ad altre parti dell'oceano.

Il trasporto di coralli resistenti al calore per aiutare a sopravvivere le barriere coralline morenti sarà un punto di svolta assoluto.

Considerando la mancanza di impegni per eliminare gradualmente l'uso di combustibili fossili che riscaldano il pianeta, sembra che non riusciremo a prevenire aumenti di temperatura di 2 gradi C. A questo punto, i biologi marini affermano che il 90% delle barriere coralline sarà inesistente .

Tuttavia, c'è motivo di sperare.

Lo sono i coralli resistenti al calore allevati in laboratorio già in fase di sperimentazione nelle acque al largo del Costa Rica e della Florida, con risultati promettenti. In Indonesia, idrofoni e intelligenza artificiale vengono utilizzati monitorare la salute delle barriere coralline locali ascoltando i suoni causati dalla vita che vive tra di esse.

Per non parlare del fatto che ci sono tantissime organizzazioni dedicate al giardinaggio dei coralli. Ciò comporta la "piantagione" di nuove barriere coralline in aree in cui altre sono morte. Una parte importante di questo sta usando l'innovazione per scoprire quali strutture e materiali funzionano meglio per aiutarli a crescere.

Quindi, anche se potremmo non pensare alle barriere coralline nella vita di tutti i giorni, ci sono team di persone straordinarie che lavorano per aiutarle a prosperare. L'effetto a catena delle barriere coralline sane significa che questi progetti stanno sostenendo tutta la vita nell'oceano.

Con ulteriori finanziamenti grazie alla COP di quest'anno, speriamo che le notizie positive continuino ad arrivare!

 

Terza Newsletter!

Iscriviti alla nostra newsletter per il pianeta positivo

Accessibilità