Cerca
Menu Menu

I biologi marini stanno ottimizzando le pratiche di pesca in Europa

Gli oceanologi stanno usando le loro conoscenze per aiutare i pescatori ad aumentare il loro reddito migliorando al contempo la sostenibilità delle loro catture. Se implementato in tutta Europa, potrebbe trasformare l'industria della pesca nel Mediterraneo.

Sebbene negli ultimi anni si sia parlato molto di pesca insostenibile, è importante ricordare che non tutti i pescatori sono uguali.

Tra i più problematici ci sono le organizzazioni di pesca di dimensioni industriali e le grandi flotte di pescherecci a strascico, che cancellano la vita vegetale sul fondo del mare e intrappolano tutti gli animali marini nella loro scia.

Spesso dimenticati sono i piccoli pescatori, che usano piccole reti, gabbie o singoli pali e lenze per fare le loro catture. Questo tipo di pratiche sono condotte da almeno la metà del settore della pesca europeo, ma coloro che utilizzano questo metodo sono regolarmente esclusi dal processo decisionale ufficiale nel settore.

Con grandi popolazioni di pesci catturate dalle compagnie di pesca industriale, i pescatori indipendenti di tutta Europa si rivolgono alla conoscenza degli esperti oceanici per rimanere a galla.

 

In Croazia, gli oceanologi stanno lavorando a fianco dei pescatori del villaggio di Zagabria per ottimizzare le loro pratiche di pesca in termini di profitto e sostenibilità.

Un'analisi approfondita del tipo di cattura e degli attrezzi da pesca sta informando gli accademici su quali dimensioni di maglie e gabbie è meglio utilizzare. Una volta attuato, ciò consente di catturare solo animali di taglia normale, con conseguente riduzione dei tempi di cernita per i pescatori e migliori guadagni sul mercato.

In breve, l'uso dell'attrezzatura giusta consente ai pescatori di lavorare in modo più intelligente, non di più.

Non solo i pescatori su piccola scala possono trarre maggiori profitti dalle catture sostenibili, ma le nuove reti lasciano indietro i giovani animali per continuare a ripopolare la specie. Se catturati accidentalmente, le reti appropriate aumentano anche le possibilità di sopravvivenza dell'animale.

 

Pratiche di pesca più intelligenti e sostenibili come quelle che si stanno sviluppando nel Mediterraneo serviranno a beneficio delle persone e il pianeta. Tuttavia, il costo dei nuovi attrezzi da pesca significa che non è sempre un passaggio economico.

Per ora, i pescatori su piccola scala si affidano all'assistenza finanziaria dei programmi europei gestiti dal Mediterranean Program Office della World Wildlife Foundation.

È una notizia positiva che il supporto sia disponibile, ma la speranza è che storie di successo come quelle in Croazia attirino l'attenzione di altre ONG internazionali. Il WWF sottolinea che la pesca su larga scala troppo spesso domina i dibattiti politici del governo.

Per ottenere un cambiamento significativo, ritengono che sia assolutamente necessaria la collaborazione tra pescatori, scienziati, ONG e responsabili politici.

Come sempre, lo stesso si potrebbe dire per altri problemi che si intersecano a livello sociale, finanziario e ambientale. Speriamo di vedere più di questa coesione in futuro.

 

Terza Newsletter!

Iscriviti alla nostra newsletter per il pianeta positivo

Accessibilità