Cerca
Menu Menu

Due candidati della Gen Z vincono alle elezioni generali in Kenya

Nelle recenti elezioni generali in Kenya, due Gen Z di 21 e 24 anni sono state votate rispettivamente come Membro dell'Assemblea della Contea e Rappresentante della Donna della Contea. Rappresenteranno questioni che interessano i loro elettori sia nelle assemblee provinciali che nazionali.

Molti membri della Generazione Z sono stati coinvolti nelle elezioni generali in Kenya di quest'anno.

Avere voce nei panel politici e influenzare importanti processi decisionali rimane difficile per i giovani, soprattutto nel governo.

Per anni, i giovani sono stati esclusi dalle politiche elettive e il paese ha avuto una guida continua da parte degli anziani.

Più del 65% della popolazione del Kenya è composta da giovani, che dovrebbero rendere più facile per loro guidare durante le elezioni.

Tuttavia, la mancanza di risorse per le campagne ha reso difficile. Secondo la Comunità dell'Africa orientale (EAC), durante le elezioni di quest'anno, ai giovani non sono state offerte pari o favorevoli opportunità di partecipazione.

Tuttavia, la marea potrebbe cambiare. Una donna di 24 anni della contea di Bomet, in Kenya, è appena diventata la più giovane rappresentante femminile del Paese ad essere eletta all'Assemblea nazionale.

Linet Chepkorir, una neolaureata, ha vinto il seggio molto contestato dopo aver raccolto oltre 200,000 voti, ispirando molte ragazze in tutta l'Africa orientale e oltre.

Prendendo il soprannome swahili "Toto" che significa "bambino", il suo primo programma all'Assemblea nazionale è quello di sponsorizzare un disegno di legge in parlamento e convincere il governo a fornire assorbenti gratuiti alle ragazze in tutto il paese.

Allo stesso modo, il 21enne Timothy Mutwiri è diventato il più giovane membro eletto dell'Assemblea della contea nella storia del Kenya.

Il politico della Gen Z ha lavorato come lavoratore occasionale nel suo villaggio e ha battuto le probabilità di rappresentare migliaia di persone.

Con solo un livello di istruzione secondaria, il neoeletto leader non vede l'ora di guidare progetti di sviluppo nella sua zona.

Per anni in Africa la politica è stata associata agli anziani. Alcuni leader si sono aggrappati al potere per decenni e non stanno aprendo la strada alle nuove generazioni per prendere il ruolo.

Uno dei problemi principali è la mancanza di finanziamenti adeguati. Dalla logistica della campagna ai manifesti, è costoso per i giovani che non hanno abbastanza capitale per perseguire i loro sogni di leadership.

Inoltre, la corruzione continua a farsi sentire nella politica africana. La corruzione degli elettori è una norma comune non solo in Kenya ma nel resto del continente.

Con solo pochi anni di lavoro, la maggior parte dei Gen Z non ha i mezzi per finanziare campagne impegnative, rendendoli suscettibili a pratiche corruttive come la corruzione.

La dipendenza dei giovani dai servizi pubblici e la ridotta capacità di contrastare la corruzione continuano a intensificare le politiche disoneste.

Di conseguenza, l'inclusione dei giovani nella governance è diventata una priorità per i gruppi incentrati sulla Generazione Z che sperano di invertire il problema della corruzione.

La generazione Z sta utilizzando i social media per esprimere le proprie preoccupazioni, dove gran parte degli utenti sono giovani. Attraverso la promozione dell'inclusività online, alcuni dei loro bisogni avere stato affrontato dal governo.

L'attuale generazione è esperta di tecnologia e ha utilizzato questa conoscenza per combattere la corruzione.

Ad esempio, l'azienda tecnologica nigeriana BudgIT offre servizi che consentono ai cittadini di monitorare i bilanci del governo, i progetti di sviluppo nelle rispettive comunità e di ritenere responsabili i leader. L'azienda tecnologica è stata fondata da due Gen Z e ha filiali in Sierra Leone e Ghana.

Avere persone più attive e giovani nelle conversazioni nazionali è un mezzo appropriato per affrontare le questioni ed è più probabile che la riforma democratica venga realizzata con la Gen Z in carica. Speriamo di vedere altri successi come Mutwiri e Chepkorir in futuro.

 

Terza Newsletter!

Iscriviti alla nostra newsletter per il pianeta positivo

Accessibilità