Cerca
Menu Menu

Decidi tu: la nuova legge del Texas che vieta l'aborto è incostituzionale?

Da oggi entrerà in vigore una legge in Texas che vieta gli aborti a partire dalle sei settimane di gravidanza. È considerata una delle leggi più restrittive negli Stati Uniti.

Chiamata 'Heartbeat Act', la nuova legge ha stabilito di vietare gli aborti dal momento in cui viene rilevato un battito cardiaco fetale.

Gli attivisti contro l'aborto hanno utilizzato l'esistenza di un "battito cardiaco fetale" per sostenere l'introduzione della legge, tuttavia, le autorità mediche lo hanno definito un modo fuorviante per misurare le prime fasi dello sviluppo.

I gruppi per i diritti delle donne, Planned Parenthood e l'American Civil Liberties Union (ACLU) si sono uniti per presentare un ricorso di emergenza contro la proposta della nuova legge, ma la Corte Suprema non ha risposto in tempo per bloccarla.

Secondo l'ACLU, il 90% degli aborti avviene dopo il periodo di sei settimane in Texas. Ciò significa che da oggi milioni di donne che desiderano interrompere la gravidanza saranno privati ​​del diritto a una struttura sicura in cui farlo.

Il presidente Joe Biden ha criticato la Corte Suprema per non aver affrontato la nuova legge, dicendo che "scatena il caos costituzionale". Può ancora essere ribaltato in futuro, ma solo dopo essere stato adeguatamente rivisto da loro.

Qual è stata la legge in passato?

Nel 1973, la Corte Suprema ha preso una decisione storica a sostegno dei diritti delle donne, nota come Roe v. Wade.

La sentenza, che è ancora valida oggi, protegge l'autonomia delle donne consentendo loro la libertà di abortire senza dover affrontare "eccessive restrizioni governative".

È stato un momento monumentale per le donne e un enorme trampolino di lancio nella lotta per l'uguaglianza, in particolare in termini di governo del proprio corpo e della propria vita.

Sotto Roe v. Wade, le donne hanno osservato il diritto di interrompere la gravidanza fino a 22-24 settimane. Come pratica standard, gli aborti non sono consentiti dopo questa fase poiché il feto è in grado di sopravvivere al di fuori dell'utero.

Perché la nuova legge fa scalpore?

Secondo l'"Heartbeat Act" del Texas, gli aborti che si verificano dopo una gravidanza di sole sei settimane saranno illegali.

Ciò che preoccupa è che la maggior parte delle donne non sa ancora di essere incinta in una fase così precoce, quindi è probabile che questa finestra di opportunità in caso di una gravidanza indesiderata o inaspettata venga persa.

A peggiorare le cose, la base della legge - che si basa sulla tempistica di un "battito cardiaco rilevabile" - è stata esaminata dai medici dell'American College of Obstetricians and Gynaecologists.

Secondo l'ACOG, il suono e il movimento che si osservano in questa fase sono "una porzione del tessuto fetale che diventerà il cuore mentre l'embrione si sviluppa" - in breve, non è ancora esattamente un cuore completamente formato.

Oltre alle sue traballanti basi scientifiche, la legge consentirà agli individui di avviare una causa contro chiunque "favorisce o favorisce" un aborto oltre questo lasso di tempo.

Ciò significa che anche se una persona non è stata direttamente colpita o danneggiata da un aborto eseguito dopo sei settimane di gravidanza, ha comunque il diritto di citare in giudizio qualsiasi altra persona per aver or fornendone uno.

Mentre le eccezioni per gli aborti effettuati nelle ultime sei settimane saranno consentite in caso di emergenza (a patto che la prova scritta sia fornita da un medico), la nuova legge del Texas non consente l'interruzione delle gravidanze che sono il risultato di casi di stupro o incesto.

Le cliniche in Texas hanno già dichiarato che si conformeranno alla rigida norma per una questione di legalità, sebbene sia "contraria alle loro migliori pratiche mediche".

Cosa significa questo per il futuro?

Siamo tutti consapevoli che rendere illegali determinate azioni non impedisce loro di accadere del tutto.

Quindi, quando si tratta di assistenza sanitaria in particolare, porre restrizioni a procedure complesse potrebbe vedere le donne rischiare la vita portandole in strutture sotterranee da professionisti non qualificati ma disponibili.

L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha riferito che ogni anno si sono verificati 73.3 milioni di aborti nel periodo 2015-2019. Almeno uno su tre di questi è stato effettuato in condizioni pericolose.

Seguendo la via legale, coloro che vivono in Texas dovranno viaggiare fuori dallo stato se desiderano interrompere una gravidanza dopo sei settimane, un viaggio che significa percorrere un minimo di 399 km.

Sebbene ciò sia possibile, richiederà risorse finanziarie, trasporti e tempo extra, il che crea solo ulteriori ostacoli per le donne che cercano di ottenere l'aiuto di cui hanno bisogno.

Mercoledì, Joe Biden ha condannato la nuova legge e ha riaffermato la sua posizione sui diritti delle donne dicendo: "questo estremo Texas legge viola palesemente il diritto costituzionale stabilito sotto Roe v Wade e sostenuto come un precedente per quasi mezzo secolo.'

Non è chiaro se l'"Heartbeat Act" sarà riesaminato dalla Corte Suprema, ma considerando che l'aborto è stato un argomento controverso negli Stati Uniti per decenni, la conversazione al riguardo non finirà presto.

Quindi, la nuova legge in Texas viola i diritti costituzionali delle donne? Tu decidi.

 

Terza Newsletter!

Iscriviti alla nostra newsletter per il pianeta positivo

Accessibilità