Menu Menu

L’atteggiamento della Gen Z nei confronti della contraccezione ormonale sta cambiando?

Influenzato da un recente trend di TikTok che mette in guardia contro le implicazioni sulla salute mentale e fisica del controllo delle nascite artificiale, un numero crescente di giovani donne sta abbandonando la pillola a favore di opzioni più “naturali”.

Studi recenti dimostrano che l’assunzione della pillola sta diminuendo. All'inizio di quest'anno, il Governo britannico hanno riferito che il tasso di “contraccettivi orali combinati a breve durata d’azione” rimane del 30% inferiore al livello pre-pandemico quando prescritti dall’assistenza primaria e del 50% inferiore al livello pre-pandemia quando prescritti dai servizi di salute sessuale e riproduttiva (SRH) .

Nel frattempo, su TikTok, un gran numero di utenti hanno recentemente iniziato a raccontare come il controllo delle nascite li abbia influenzati negativamente, dal causare un calo del desiderio sessuale e un drastico aumento di peso allo scatenare sbalzi d'umore ed episodi depressivi.

Con riparazioni a sostegno di ciò, mostrando una correlazione tra la pillola e queste ramificazioni, nonché tassi più elevati di suicidio e reazioni allo stress simili ai sopravvissuti al disturbo da stress post-traumatico, L’atteggiamento della Gen Z nei confronti della contraccezione ormonale sta cambiando.

Ora, avevo sedici anni quando presi la pillola, nemmeno un anno dopo l'inizio delle mestruazioni. Mi è stato prescritto da un medico come rimedio per i crampi lancinanti che stringevo i denti una volta al mese, probabilmente il risultato di un primo periodo mestruale più tardivo della media.

Come mi hanno detto, il levonorgestrel (un'opzione a base di solo progesterone a causa della mia lieve allergia agli estrogeni) ridurrebbe il forte dolore (dismenorrea) e forti emorragie (menorragia). Ciò che non mi hanno detto, tuttavia, è che avrebbe devastato la mia salute mentale, un effetto collaterale di cui vedrai solo un accenno nell'opuscolo di più pagine se strizzi gli occhi.

@broganperry Essere una ragazza non è facile 🫠 #fyp #contraccezione #la pillola ♬ Originalton – eda bozkurt

Non entrerò troppo nei dettagli, ma mi ci è voluto quasi un decennio per rendermi conto che la piccola dose di ormoni artificiali che stavo ingerendo senza fare domande su base giornaliera aveva un impatto significativo sul modo in cui pensavo e sentivo.

E anche se questo non si applica a tutti, la maggior parte delle persone sì nessun problema di sorta con questa forma di contraccezione, sono sollevata dal fatto che sia venuto alla luce che un numero crescente di giovani donne ha sperimentato la stessa cosa e che ciò ha aperto la strada ad una maggiore consapevolezza su questa sfida generalmente sottodiscussa che molti di noi si trovano ad affrontare.

Tanto è vero, infatti, che l'uso dei contraccettivi orali lo è in calo tra la Gen Z e gli approcci “naturali” stanno diventando sempre più popolari.

"Ho notato che molte pazienti preferiscono la contraccezione non ormonale", afferma il ginecologo La dottoressa Taraneh Shirazian.

“Molti desiderano limitare l’esposizione del proprio corpo agli ormoni esterni in modo che possano sentirsi più naturali e piacersi. Ci stiamo muovendo, culturalmente, verso un luogo in cui riconosciamo che introdurre un sacco di sostanze chimiche nel nostro corpo non è necessariamente una grande idea.'

@rylielanefitness Interrompere la pillola è stata la decisione migliore per me 💜 la differenza che ha fatto nella mia vita è stata enorme e sono così felice di aver fatto questo cambiamento! #controllo delle nascite #controllo delle nascite ormonali #la pillola ♬ suono originale – Rylie ❤️‍🔥 salute & mente

Ciò a cui si riferisce Shirazian è il nuovo movimento promuovere alternative non ormonali in cui la Gen Z attenta all’ambiente e al benessere è in prima linea.

"Questa generazione di donne chiede di ottenere informazioni su ciò che accade nel loro corpo", spiega.

"Una generazione più giovane di donne dice: "ehi, aspetta un attimo, non puoi semplicemente dirmi cosa mettere nel mio corpo e aspettarti che obbedisca ciecamente".

Il cambiamento demografico arriva inoltre in seguito alle rivelazioni secondo cui le donne che hanno preso la pillola prima di essere sessualmente attive potrebbero farsi carico di conseguenze indesiderate.

Questo perché attraversa l’adolescenza con livelli ormonali così elevati è stato associato con differenze di densità misurabili nelle parti del cervello coinvolte nella memoria e nelle emozioni.

@amanda_pac la mia esperienza nel smettere di prendere la pillola #abbandonalapillola #problemi di controllo delle nascite #fuoricontrollodellenascite #cortisolocontraccettivo #cortisolo alto #ciclonaturale #cycletracking ♬ suono originale – Amanda

La pillola è stata anche collegata a un rischio di suicidio triplicato da uno studio danese, in cui si afferma anche che lo sono le ragazze che assumono la pillola precocemente sproporzionatamente probabile gli verranno prescritti antidepressivi e gli verrà diagnosticata la depressione in età adulta.

Questi risultati non sono solo allarmanti, ma in gran parte sottostimati, nonostante a molte giovani donne venga ancora raccomandata la pillola con poco o nessun preavviso, proprio come è successo a me.

Eppure non è così screditare la flessibilità e l’indipendenza che il controllo delle nascite ormonale ha offerto alle donne.

Né quella Gen Z si preoccupa profondamente dell’accesso alla contraccezione, in particolare sulla scia di Roe V Wade viene ribaltato.

Semplicemente che mentre i Gen Z lavorano per migliorare la loro comprensione di ciò che è meglio per i loro corpi, dovrebbe continuare ad esistere più dibattito sulle ripercussioni del controllo delle nascite e la consapevolezza che non esiste una risposta unica per qualsiasi cosa quando si tratta di qualcosa di così complesso come contraccettivo.

Accessibilità