Cerca
Menu Menu

La COP27 offrirà per la prima volta una piattaforma a bambini e giovani

All'evento COP di quest'anno in Egitto, i giovani avranno finalmente la loro piattaforma. Il Padiglione dei bambini e dei giovani consentirà ai giovani attivisti di esprimere le loro preoccupazioni sul clima e, si spera, avere un impatto sui negoziati per la prima volta in assoluto.

Non è un segreto che alcuni degli attivisti per il clima più appassionati siano giovani.

Forse è perché i decisori politici ei negoziatori hanno spesso un'età ben al di sopra dei 50 anni con poche o nessuna possibilità di vivere per vedere le conseguenze climatiche delle loro azioni.

Negli ultimi anni, i giovani sono diventati sempre più espliciti nell'avere voce in capitolo nel determinare il loro futuro. Di conseguenza, la mancanza di contributi dei giovani ai precedenti vertici della COP è stata pesantemente criticata.

Infine, sembra che i giovani avranno l'opportunità di esprimere le loro preoccupazioni, tenere le proprie discussioni e, si spera, avere un impatto sulla politica ambientale attraverso il Padiglione dei bambini e dei giovani della COP27.

Questa piattaforma dedicata sarà situata nella Blue Zone, lo spazio interno gestito dalle Nazioni Unite che ospita i negoziati globali. Mira a dare ai giovani un meritato posto a tavola durante i momenti chiave del processo decisionale.

 

Come parlare ai tuoi figli del cambiamento climatico | PBS NewsHour


Perché le voci dei giovani sono così importanti

Senza avere voce in capitolo, i giovani di oggi hanno ereditato un pianeta che è sottoposto a un grave stress ecologico.

La mancanza di un'azione decisiva per il clima da parte dei leader globali significherà che queste generazioni potrebbero finire per vivere su un pianeta quasi inabitabile. Questo, senza modifiche, sarà il risultato di molte decisioni sconsiderate prese da generazioni ormai lontane.

Ha senso che l'UNICEF descriva la crisi climatica come una crisi dei diritti dei bambini. L'organizzazione sottolinea che 1 miliardo di bambini si trova già in una posizione estremamente vulnerabile a causa degli impatti dei cambiamenti climatici.

Per questo numero enorme, cibo e acqua, sicurezza dei rifugi, assistenza sanitaria e istruzione rischiano di essere portati via da eventi meteorologici estremi come siccità, tempeste e inondazioni.

Gli studenti sul cambiamento climatico stanno combattendo per il loro mondo. Ci stiamo solo vivendo | Cognoscenti

Non sorprende che le voci giovani siano state le più forti nella lotta al cambiamento climatico. Guidando scioperi scolastici, proteste, petizioni e altro, i giovani hanno dimostrato il loro impegno e la loro forte motivazione per incitare al cambiamento sociale.

I loro obiettivi primari sono proteggere le persone più colpite, come le popolazioni indigene e coloro che vivono nei paesi più esposti ai disastri climatici. Tra le loro principali richieste figurano strategie globali per la mitigazione, l'adattamento e il finanziamento separato per perdite e danni.

Finora, la maggior parte degli incontri ufficiali relativi alla protezione ambientale si sono svolti a porte chiuse con i giovani in gran parte esclusi.

Ciò è meglio illustrato dalle passate riunioni della COP, che hanno fatto il minimo indispensabile per accogliere le idee politiche, le storie vissute e i sentimenti personali dei giovani.

Sciopero globale per il clima – I genitori lasciano che i ragazzini come QUATTRO facciano cenno 'f*** Boris' alla protesta contro il cambiamento climatico – e la figlia del magnate delle compagnie aeree Branson si unisce | Il Sole


Perché le precedenti riunioni della COP non sono state all'altezza

Sebbene la COP26 in Scozia sia stata pubblicizzata come "la COP più inclusiva di sempre", le opportunità per i giovani di essere coinvolti nella politica climatica erano poche e lontane tra loro.

Per non parlare del fatto che erano ancora in atto severi protocolli pandemici, il che significa che i giovani del Sud del mondo - paesi che attualmente stanno subendo il peso maggiore della crisi climatica - non hanno potuto partecipare a causa della disparità del vaccino COVID.

Reagendo alla Giornata della Gioventù dell'evento, il Direttore globale per la povertà infantile e il clima di Save The Children ha dichiarato:

"L'inclusione di bambini e giovani non è stata considerata una priorità, anche con grandi ostacoli alla frequenza come l'iniquità dei vaccini e la disuguaglianza globale. Ma anche coloro che sono arrivati ​​​​qui hanno lottato ... [sono stati] esclusi dai negoziati.'

Sembra un gioco da ragazzi consentire ai giovani di plasmare il futuro che vogliono vedere, invece di lasciare che politici egoisti e altri leader prendano decisioni miopi fortemente influenzate dal guadagno economico.

Speriamo che il prossimo mese in Egitto, il Padiglione dei bambini e dei giovani, guidato da Fridays for Future e Loss and Damage Youth Coalition, riceva la voce che merita.

 

Terza Newsletter!

Iscriviti alla nostra newsletter per il pianeta positivo

Accessibilità