Cerca
Menu Menu

COP26: Chi pagherà per risolvere il cambiamento climatico?

Mentre facciamo la transizione verso un mondo più verde e i costi del cambiamento climatico continuano ad aumentare, i settori pubblico e privato hanno deciso di iniziare a pagare la loro giusta quota. Ma queste promesse saranno soddisfatte con azioni concrete?

Quando si cerca di risolvere il cambiamento climatico, è importante non perdere di vista il fatto che milioni di persone in tutto il mondo ne stanno già risentendo.

Senza mezzi finanziari sufficienti per svilupparsi in modo sostenibile e adattarsi a siccità diffuse, inondazioni e altro, il benessere e i mezzi di sussistenza di coloro che vivono nei paesi a basso e medio reddito continuano a essere minacciati.

Quindi, per quanto vogliamo evitare di giocare al gioco della colpa, alla fine della giornata, non sono questi paesi che hanno e continuano a contribuire maggiormente al cambiamento climatico. Stanno, infatti, pagando il prezzo più alto.

Alla luce di ciò, 12 anni fa, i paesi ad alto reddito si sono impegnati a mobilitare 100 miliardi di dollari all'anno in finanziamenti per il clima entro il 2020. Ma nel 2019 sono riusciti a portare a termine solo 79.6 miliardi di dollari.

Credito: OCSE

Avendo mancato la loro promessa, questi paesi sono ora in grado di rivalutare i loro impegni alla COP26 e mostrare al mondo che sono seri nel porre rimedio a una delle più grandi disuguaglianze del cambiamento climatico.


Dove vanno tutti i soldi?

In vista della COP26, il Regno Unito ha chiesto ai paesi ad alto reddito di mantenere la loro promessa. Ma questi soldi non servono solo per adattarsi ai cambiamenti climatici. Gli impegni per il futuro delle finanze pubbliche devono includere anche la costruzione di nuovi mercati per la mitigazione e l'adattamento e il miglioramento dell'accesso ai finanziamenti per le comunità di tutto il mondo che desiderano intraprendere un'azione per il clima.

E cosa significa questo per i paesi riceventi? Significa elettricità pulita economica, affidabile e rinnovabile per le scuole nell'Africa rurale, migliori infrastrutture e difese contro le mareggiate per le isole del Pacifico, un migliore accesso all'acqua pulita nel sud-est asiatico e altro ancora.


Gli investimenti pubblici sono sufficienti?

Non secondo Rishi Sunak, cancelliere delle finanze del Regno Unito, che ha riconosciuto la necessità di finanziamenti sia pubblici che privati ​​per garantire il raggiungimento dell'obiettivo di 1.5 C. Con la necessità di dispiegare gli investimenti necessari per combattere il cambiamento climatico, i paesi di tutto il mondo prevedono di accelerare tre azioni.

Il primo è un aumento degli investimenti pubblici e una maggiore collaborazione tra paesi sviluppati e in via di sviluppo, nonché un rinnovato impegno di 100 miliardi di dollari all'anno entro il 2025.

Il secondo, che mobilita finanziamenti privati, ha già iniziato a mostrare qualche progresso. Sunak ha recentemente annunciato che la Glasgow Financial Alliance for Net-Zero (GFANZ) è ora composta da oltre 450 aziende che rappresentano 130 trilioni di dollari. È quasi il doppio dei $ 70 trilioni di dollari quando GFANZ è stato lanciato ad aprile.

Queste aziende devono ora impegnarsi a utilizzare linee guida supportate dalla scienza per raggiungere l'azzeramento delle emissioni di carbonio entro il 2050 e fornire obiettivi intermedi per il 2030.

L'azione finale sarà ricablare il sistema finanziario globale per il net-zero. Ciò include cose come un'adeguata sorveglianza del rischio climatico, dati climatici migliori e più coerenti, ecc.

Ma tutto questo è più facile a dirsi che a farsi. Secondo il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres, "c'è un deficit di credibilità e un eccesso di confusione sulle riduzioni delle emissioni e sugli obiettivi di zero netto, con significati e metriche differenti".

Ci sono anche preoccupazioni per il greenwashing e il monitoraggio che, se non affrontati in modo efficace, possono portare a promesse non mantenute.

Molti, tuttavia, rimangono fiduciosi che sia le imprese private che i paesi ad alto reddito faranno la loro parte nel finanziamento di una transizione giusta ed equa verso un mondo verde. Quindi, mentre continuiamo a sentire promesse, promesse e altre promesse dai leader alla COP26, è fondamentale che continuiamo anche a chiedere un'azione reale.

Questo articolo è stato scritto da Ghislaine Fandel, direttore della comunicazione scientifica e dei contenuti di ClimateScience. Visualizzala LinkedIn qui.

 

Terza Newsletter!

Iscriviti alla nostra newsletter per il pianeta positivo

Accessibilità