Cerca
Menu Menu

Comprendere il problema dell'estrazione dell'oro nella RDC orientale

Nella Repubblica Democratica del Congo, migliaia di bambini e famiglie sono stati sfollati a causa della recrudescenza dei ribelli dell'M23. Gli scontri della comunità sull'oro hanno provocato morti e centinaia di bambini attualmente lavorano nelle miniere d'oro.

Dall'inizio di quest'anno, la violenza è aumentata costantemente nella parte orientale della Repubblica Democratica del Congo. Ha causato tensioni in tutto il paese.

Diversi gruppi armati prendono di mira specificamente le miniere d'oro. Il caos che ne è seguito ha provocato la morte di bambini e l'evacuazione di migliaia di persone. Secondo UNICEF, più di 40,000 bambini di età compresa tra 3 e 17 anni sono sfollati nella regione di Ruthsuru, nel Nord Kivu.

Il numero totale delle persone evacuate finora è di oltre 700,000.


Attacchi di gruppi armati

Secondo Human Rights Watch, più di 100 gruppi armati operano nella parte orientale della RDC.

I gruppi della milizia hanno causato caos nel corso degli anni. La rinascita del gruppo ribelle M23 all'inizio di quest'anno a marzo ha lasciato le famiglie sfollate che hanno urgente bisogno di assistenza umanitaria.

Il mese scorso, ci sono stati diversi attacchi che hanno causato la morte di una guardia di pace delle Nazioni Unite e due poliziotti alla base di Butembo da cui opera MONUSCO. Alla fine dell'anno scorso, il gruppo ribelle M23 ha combattuto l'esercito del paese e le forze di pace delle Nazioni Unite provenienti da molte regioni del nord e dell'est della Repubblica Democratica del Congo.

Finora, molti bambini non hanno accesso all'istruzione e sono costretti a essere reclutati dal gruppo della milizia oa fuggire per evitare le violenze.

Il gruppo ribelle M23 ha provocato tensioni tra Ruanda, Uganda e il governo della Repubblica Democratica del Congo. La Repubblica Democratica del Congo ha accusato il presidente del Ruanda Paul Kagame di sponsorizzare il gruppo armato con truppe e armi.

A causa delle ricche miniere d'oro, il gruppo ribelle ha cercato di controllare queste aree nel corso degli anni. La milizia M23 è un ex gruppo dominato dai tutsi che ha le sue radici nella nazione vicina, il Ruanda.

Secondo le Nazioni Unite, i gruppi di milizie Forze democratiche alleate (ADF) e la Cooperativa per lo sviluppo del Congo (CODECO), hanno terrorizzato la gente del posto nelle province del Nord Kivu e dell'Ituri.

All'inizio di giugno di quest'anno, in sole tre settimane, a causa degli scontri sono state perse 150 vite innocenti. La scorsa settimana, sette persone sono rimaste morte, tra cui due minori, negli altopiani del Kivu meridionale tra milizie di diverse comunità nelle aree delle miniere d'oro.

L'istruzione in queste aree è limitata. I bambini non possono andare a scuola a causa di continui scontri. Alcune scuole fungono da centri di accoglienza per gli sfollati mentre altre vengono utilizzate dai gruppi ribelli come punti strategici per attaccare l'esercito e la gente del posto.


Risposta nazionale e internazionale

Nonostante gli sforzi compiuti dal governo per frenare i problemi di sicurezza e le questioni che colpiscono il pubblico in generale nella RDC, le tensioni rimangono elevate in mezzo a continue minacce.

La Repubblica Democratica del Congo è diventata ufficialmente membro della Comunità dell'Africa orientale (EAC) il mese scorso grazie all'aiuto del suo stato membro. Il blocco regionale ha fatto appello alle sue forze di sicurezza guidate dal Kenya per proteggere i civili della RDC e combattere i gruppi della milizia.

La missione delle Nazioni Unite MONUSCO, ha promesso di sostenere la regione nel conflitto in corso dispiegando più forze di pace delle Nazioni Unite nel paese. L'organismo ha inoltre accantonato lo sviluppo di un Fondo centrale di risposta alle emergenze (CERF) per i bisogni urgenti degli sfollati nella parte orientale del Paese.

L'Unione Africana ha espresso le sue preoccupazioni per le crescenti tensioni nella Repubblica Democratica del Congo.

L'organismo ha fatto appello al consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per proteggere i civili innocenti catturati tra le due guerre. L'UA, attraverso i suoi Stati membri, ha messo in guardia sulla violazione dei diritti dei bambini a causa del lavoro forzato nelle miniere d'oro, poiché sono state segnalate segnalazioni di violenze sessuali e lesioni personali in villaggi remoti come Luhihi nella provincia del Sud Kivu.

Speriamo che la situazione si inverta presto.

 

Terza Newsletter!

Iscriviti alla nostra newsletter per il pianeta positivo

Accessibilità