Cerca
Menu Menu

In che modo la crisi in corso in Burundi sta colpendo la Gen Z?

La crisi politica in corso in Burundi sta indebolendo l'economia del Paese e incide negativamente sulla vita dei giovani. Il lavoro minorile, la tratta, l'alto analfabetismo, la gravidanza precoce e il matrimonio tra adolescenti sono tutti problemi importanti in un clima già instabile.

Il Burundi è uno dei paesi più poveri del mondo. La crisi umanitaria e politica che continua a svilupparsi ha messo a dura prova la sua gente e ha approfondito le lotte sociali.

Senza sbocco sul mare nell'Africa centro-orientale, il paese è stato testimone di tensioni politiche per decenni, con migliaia di persone che sono fuggite nei paesi vicini in cerca di stabilità.

Per aumentare le difficoltà, le catastrofi legate ai cambiamenti climatici come inondazioni e smottamenti hanno causato vittime e rappresentano un serio rischio futuro. L'istruzione è stata continuamente interrotta nelle zone rurali dove le scuole e le case sono state allagate, costringendo molti ad andarsene in cerca di aree più sicure.


In che modo la crisi sta spostando la popolazione?

Secondo l'ONU, come la maggior parte dei paesi africani, oltre il 60% della popolazione del Burundi è giovane.

La generazione Z è per lo più in lavori scolastici o di livello base. I tassi di disoccupazione restano elevati e l'agricoltura è il principale contributo economico di oltre l'80% della popolazione.

Nonostante ciò, la produzione di cibo è rallentata a causa del cambiamento delle precipitazioni causate dai cambiamenti climatici. Molti bambini di età inferiore ai 5 anni sono malnutriti, portando in alcuni casi alla morte.

Secondo il Programma alimentare mondiale (WFP), alcuni bambini sfollati sono costretti a lavorare nelle fattorie sia in Burundi che nelle parti centrali e orientali dell'Africa. Altri vengono trafficati fino al Medio Oriente con una paga minima o nulla nella maggior parte dei casi.

Lo sfruttamento sessuale commerciale in Burundi è recentemente aumentato in modo esponenziale.

Secondo l'Ufficio per gli affari internazionali del lavoro degli Stati Uniti, sempre più ragazze del Burundi continuano a essere trafficate in Kenya, Repubblica Democratica del Congo, Uganda, Kenya e Medio Oriente per scopi commerciali.

Anni di controversie politiche hanno lasciato le donne e le ragazze maggiormente a rischio di traffico di esseri umani e matrimoni forzati nei paesi vicini.

La maggior parte delle vittime recenti sono Gen Z che continuano a soffrire per anni di guerra civile.

In alcune parti del paese, i bambini di appena 12 anni sono imprigionati nelle carceri per adulti. Più del 75% dei bambini incarcerati si trova in queste carceri senza processo.

Funzionari di polizia corrotti e mancanza di fondi significano che le carceri non sono segregate per genere, aumentando i livelli di aggressione sessuale poiché centinaia di donne subiscono abusi e rimangono incinte.

L'istruzione di base rimane un grave problema in Burundi. Secondo un rapporto di Save the Children nel 2021, si stima che il 67% dei bambini sfollati in Burundi non vada a scuola e solo 1 su 10 riceva un'istruzione completa.

La mancanza di documenti di identità come i certificati di nascita ostacola i processi di registrazione nelle scuole. Per i bambini che ritornano dopo controversie politiche, solo il 10% ha pieno accesso all'istruzione e circa il 38% delle ragazze di età compresa tra 12 e 17 anni finisce per sposarsi.


Qual è stata la risposta internazionale e del governo?

Il governo del Burundi negli ultimi anni ha aumentato i procedimenti giudiziari per sospetti reati di tratta e il sistema giudiziario ha leggi severe per proteggere le vittime.

L'agenzia delle Nazioni Unite International Organization for Migration (IOM) ha collaborato con il governo per migliorare l'istruzione e creare consapevolezza su un'efficace prevenzione dei trafficanti di esseri umani. Inoltre, l'OIM ha collaborato con le organizzazioni locali per coordinare l'inclusività.

L'istruzione in Burundi ha fatto un passo avanti con un nuovo "piano di istruzione di transizione a medio termine". Ciò garantisce che il governo si concentri sul finanziamento dell'istruzione di base principalmente a livello primario per essere accessibile a tutti i bambini.

Per ampliare il settore dell'istruzione, il governo ha aumentato la dotazione di bilancio al Ministero dell'Istruzione.

A livello internazionale, l'Agence Française de Développement (AFD) ha introdotto un programma educativo che stanzia fondi fino a 46.9 milioni di dollari. Ciò contribuirà a estendere l'istruzione inclusiva a tutte le comunità e aiuterà la costruzione di classi e scuole.

 

Terza Newsletter!

Iscriviti alla nostra newsletter per il pianeta positivo

Accessibilità